Recensione Pocket God

Gioca ad essere Dio con un gruppo di isolani

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPhone
Adriano Della Corte Adriano Della Corte Da quando ha ricevuto in regalo il suo primo Gameboy all'età di 5 anni, non ha mai smesso di giocare. Grande appassionato di platform e di epiche avventure. Cercatelo su Twitter e su Google Plus.

Come ci si sente ad impersonare un Dio? Sareste vendicativi o magnanimi nei confronti degli esseri la cui vita dipende dalle vostre scete? Sono queste le domande che hanno portato Bolt Creative a sviluppare questa piccola applicazione per iPhone/iPod, Pocket God, che ci permetterà di gestire l'insignificante vita di un gruppo di indigeni su un arcipelago di isole oceaniche.

La vita è nelle vostre mani!

Pocket God è un'app che punta ad intrattenere i giocatori facendogli scoprire i diversi modi con cui potrá dare i tormento ai piccoli, simpatici e ignari pigmei, abitanti di vari atolli sparsi nell'oceano. Il titolo ci offre molte ambientazioni, dall'isola dei dinosauri alla lastra di ghiaccio staccatasi dal pack, in cui potremo inserire fino ad un massimo di sei isolani e divertirci a sperimentare diverse torture e sevizie. Tramite i controlli touch screen potremo ad esempio tracciare una traiettoria per lanciare fulmini che inceneriranno i nostri indigeni, trascinarli a nostro piacimento, lanciarli in acqua o tra le nuvole; anche il sensore tilt ci sarà d'aiuto: utilizzandolo potremo inclinare il terreno o generare terremoti. Ogni isola inoltre conterrà diversi elementi ed eventi esclusivi, che amplieranno la nostra scelta: ad esempio potremo usare una lente per incenerire i Pigmei con i raggi del sole come se fossero formiche, oppure potremo lanciarli nella bocca di un vulcano per scatenare una pioggia di lapilli. Ovviamente, come divinità potremo scegliere anche di trattare bene gli abitanti delle isole, fornendo canne da pesca per procacciarsi il cibo, o gli strumenti per accendere un fuoco, in modo tale da cuocere il pesce. Tutto sommato, queste scelte fanno solo da contorno alla vastità di situazioni sadiche e malvagie a disposizione.
Oltre a questi piccoli espedienti di gioco, Pocket God offre anche un intrattenimento ludico più corposo, composto da alcuni minigiochi e boss-battle: ad esempio, creando uno squarcio nel terreno, potremo far cadere negli inferi un Pigmeo, e cercare di farlo sopravvivere il più a lungo in una corsa contro il tempo, saltando da una piattaforma all'altra. Oppure potremo lanciarlo in aria, e farlo rimbalzare il più a lungo sulle nuvole, prima che cada e si chianti al suolo. Nelle battaglie contro i boss i piccoli indigeni dovranno affrontare diverse creature mostruose, come un T-Rex o un Ragno gigante, colpendole ripetutamente con una lancia, che offriremo loro trascinandola sullo schermo: in questo caso dovremo azzerare la barra d'energia del mostro, evitando che i Pigmei vengano mangiati rimpizzando l'avversario. Per rendere più coinvolgenti le sessioni di gioco, gli sviluppatori hanno integrato il sistema di achievement di Feint, per poter pubblicare i propri record e condividerli con la community dei giocatori.
Nel complesso Pocket God è un insieme di simpatici eventi e qualche piccolo minigame, che accompagneranno il giocatore in brevi momenti di svago estemporaneo: il titolo infatti non offre nulla di complesso ed elaborato, qualcosa che per lo meno si possa definire un'esperienza di gioco esaustiva. L'effetto novità si esaurirà dopo pochi minuti, ed una volta scoperti tutti gli eventi e i minigiochi presenti, la voglia di giocare ancora a Pocket God calerá terribilmente. Per risolvere questo problema gli sviluppatori hanno ideato vari aggiornamenti che, a cadenza periodica, aggiungeranno di volta in volta nuove caratteristiche al piccolo scacciapensieri: nuovi strumenti e nuove aree saranno disponibili e, almeno per qualche altro minuto, ritornerà la voglia di avviare il titolo e provare le novità presenti.

Tecnicamente la produzione si mostra ben realizzata: la grafica risulta sicuramente una delle componenti più curate dell'applicazione, con fondali elaborati, elementi interattivi e soprattutto i protagonisti, i Pigmei, ricchi di carisma, grazie a simpatiche animazioni che rendono molto divertente il tempo speso in loro compagnia. Da segnalare anche la presenza di uno shop in-game, in cui, a prezzi purtroppo non troppo economici, sarà possibile acquistare kit per personalizzare gli ambienti, gli oggetti e i personaggi sullo schermo.

Pocket God Davanti a Pocket God è lecito domandarsi "perché acquistare questa app?" Il gioco è un mix di eventi ed alcuni piccoli minigiochi, che risultano simpatici e divertenti da eseguire, ma che esauriscono la loro verve in tempi abbastanza ristretti. A controbilanciare il giudizio c'è sicuramente il fatto che l'applicazione è strutturata con l'idea di riempire gli spazi vuoti della giornata, e che viene venduta ad un prezzo sicuramente economico (0.79€). Inoltre i costanti aggiornamenti, con l'introduzione di nuove aree ed elementi, estenderanno, seppur di poco, l'effetto novità del titolo. Un 'applicazione decisamente non fondamentale nella ludoteca dei possessori di un dispositivo Apple, ma capace di strappare diversi momenti divertenti durante le sessioni di gioco.

5.5

Che voto dai a: Pocket God

Media Voto Utenti
Voti totali: 30
5.7
nd