Hearthstone Adesso online

Seguiamo in diretta le fasi finali del Winter Championship!

Recensione Ritorno al Futuro - Citizen Brown

L’avventura grafica di Telltale alla terza uscita

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
Lorenzo Lorenzo "Kobe" Fazio ama il basket, o per meglio dire i Los Angeles Lakers, l’Hip Hop e il teatro. Dopo aver rincorso la carriera del finto regista, dal 2007 si spaccia anche per finto esperto di videogiochi scrivendo su Everyeye.it. Lo appassionano le belle storie e gli stili visivi ricercati. Cercatelo su Twitter e su Google Plus.

Grande Giove alla terza!

Dopo un primo episodio scoppiettante, i tanti fan della saga cinematografica di Ritorno Al Futuro erano già pronti a gridare al capolavoro. Effettivamente sceneggiatura e gameplay lasciavano ben pochi dubbi: se le premesse sono queste, chissà dove arriverà Telltale. Purtroppo, al contrario dei pronostici, il secondo capitolo si è rivelato una parziale delusione. Per quanto qualitativamente valido e divertente, a Get Tannen è mancata la tanto sperata evoluzione nelle meccaniche e nell’introspezione dei personaggi. A peggiorare la situazione ci pensava poi la sostanziale pochezza delle ambientazioni esplorabili.
Conoscendo Telltale, tuttavia, ci siamo consolati considerando che spesso la software house sfrutta il secondo episodio come momento di stallo, prima della scorpacciata finale. Poche preoccupazioni, dunque, per Citizen Brown? E’ il tanto decantato capitolo portatore di un deciso innalzamento qualitativo? Se siete colmi di speranze, fareste bene a continuare a leggere stando seduti e sorseggiando una tranquillizzante camomilla.

Più che 1986, un 1984

Questa chiusura poco rassicurante, racchiude il succo di quanto seguirà. Non è uno scherzo, né un meschino tentativo di attirare la vostra attenzione: Citizen Brown continua sul sentiero segnato da Get Tannen, un sentiero che porta ad un ulteriore abbassamento qualitativo. Certo, sbirciando a fondo pagina non si notano insufficienze, ma è ormai chiaro che qualcosa non funziona.
Scricchiola tutto in Citizen Brown, a partire dall’aspetto che fin’ora aveva retto meglio: la sceneggiatura. Tornati nuovamente nel 1986, Marty McFly dovrà confrontarsi con l’ennesimo presente alternativo generato dalle sue azioni compiute nel passato. Innanzi tutto la sua storica fidanzata, Jennifer Parker, non solo si è trasformata in una punk-metallara incurante delle regole, ma lo ha anche scaricato perché lo trova troppo ligio al dovere. Inoltre, cosa ben peggiore, Hill Valley si è trasformata in una cittadina distopica dominata da telecamere e leggi al limite del delirante. In questa rilettura di 1984, il Grande Fratello è un certo Citizen Brown, lo stesso del titolo, che si scoprirà presto essere una versione malvagia, e sposata con Edna Strickland, del caro e vecchio Doc. Sarà in questo vero e proprio incubo ad occhi aperti che Marty dovrà rimettere le cose apposto, magari ritornando nuovamente nel passato per evitare tutto questo.
Come detto, nonostante il plot qui descritto presenti una serie di colpi di scena, la sceneggiatura si rivela in più di un’occasione inutilmente logorroica e priva di quella comicità così efficace negli episodi passati. Anche il cast di supporto appare ulteriormente impoverito e costretto fin troppo al ruolo di comparsa. Si salva in questo senso Jennifer Parker. L’ex-ragazza di Marty si dimostra un personaggio ben caratterizzato e capace di occupare spesso la scena.
Tuttavia non basta questa figura positiva nel grigiore della città del Citizen Brown: sebbene i protagonisti godano ancora di un’indiscutibile carisma, la sceneggiatura ora si prolunga inutilmente, ora manca nel guizzo vincente al momento giusto. Sebbene l’ambientazione distopica sia indiscutibilmente affascinante, questo terzo episodio si rivela come quello più fiacco dal punto di vista narrativo.

Guarda molto, tocca sempre meno

Purtroppo nemmeno parlando di gameplay c’è da stare allegri, visto che basterebbe tornare a rileggersi quanto detto per Get Tannen. Anche in questo episodio non si può che biasimare l’operato di Telltale, tanto più se si pensa alla quantità di feedback negativi ricevuti.
Difficile addirittura parlare di un vero e proprio gameplay, visto che per la maggior parte del tempo sarete unicamente costretti nei panni di passivi spettatori. Ciò non sarebbe di per sé un male, ma la situazione si aggrava quando ci si accorge che persino quella poca interattività che ci viene chiesta è piuttosto limitata e persino vagamente offensiva nei confronti della nostra materia grigia. Vi basterà rispondere a qualche domanda, raccogliere un paio d’oggetti e riutilizzarli al momento opportuno, per giungere tranquilli e rilassati ai titoli di coda. Sbagliare è impossibile, il game over non è nemmeno preso in considerazione. Se in Get Tannen la cosa poteva anche essere accettata, ci si aspettava un minimo di evoluzione in Citizen Brown. Perché Telltale si è adagiata sugli allori? Perché non ha cambiato qualche carta in tavola, magari anche rendendo le cose leggermente più complesse?
Dovendo giudicare il gameplay, insomma, non possiamo che parlare di una sufficienza risicata, pronta a diventare una secca bocciatura se in futuro si continuerà su questa strada.
Discorso immutato dal punto di vista grafico-sonoro. Lo stile è azzeccato, nonostante si continui a lamentare una pochezza di ambientazioni esplorabili, mentre i doppiatori continuano nel loro lavoro impeccabile.
Infine, concludendo, una piccola nota sulla longevità. Purtroppo anche da questo punto di vista bisogna segnalare un peggioramento. Se per Get Tannen bastavano tre ore per completarlo, qui il counter si abbassa di almeno mezz’ora. Se già sembrava poco, ora sarà pure peggio.

Ritorno al Futuro - Citizen Brown Citizen Brown è senza alcun dubbio l’episodio peggiore fin’ora pubblicato. Narrativamente debole, dal punto di vista del gameplay continua sulla cattiva strada segnata da Get Tannen. Speriamo in un repentino cambio di marcia con il quarto capitolo, altrimenti il giudizio su questa trasposizione videoludica di Ritorno Al Futuro inizierà ad essere negativo.

6.5

Che voto dai a: Ritorno al Futuro - Citizen Brown

Media Voto Utenti
Voti totali: 15
6.1
nd