Recensione Scene It? Ciak! Si gira!

Un nuovo Quiz Game totalmente dedicato al cinema

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Wii
  • Ps3

Dopo l'esordio nel 2008, il brand Scene It ha continuato a sfornare titoli di discreta qualità, riuscendo a farsi amare dalla fetta più “festaiola” dei possessori di Xbox360. Mentre in America sono usciti numerosissimi quiz monotematici e addirittura un'edizione “da tavolo” modellata sullo standard di Trivial Pursuit, in Europa la fama di Scene-It è più contenuta, ma il brand ha deciso comunque di fare il grande passo. Con Ciak! Si Gira, infatti, il titolo esordisce anche su Nintendo Wii e Playstation 3 (compatibile in questo con i Buzzer, controller del diretto rivale). Come suggerisce la titolazione, anche questa versione è dedicata esclusivamente al cinema, in tutte le sue forme. Si tratta dunque di un quiz game assolutamente settoriale, pensato esplicitamente per i cinefili e poco appetibile per chi non ha una cultura in materia.
Partendo da questo presupposto, vediamo come se la cava questo ultimo esponente del brand.

Ciak

Cominciamo dai numeri. Con quasi tremila domande a disposizione, Ciak! Si Gira afferma, non senza un pizzico di supponenza, di coprire praticamente qualsiasi evento cinematografico di rilievo. E, sinceramente, non possiamo che dare ragione al team di sviluppo, che ha il merito d'aver raccolto una cospicua serie di curiosità, filmati, spezzoni e fatti (conosciuti o meno) su una larghissima base di lungometraggi ed attori. Avvertiamo ancora una volta che in molti potrebbero trovarsi spiazzati di fronte alla totale dedizione di questo capitolo verso l'universo Hollywoodiano: per poter giocare a Ciak! Si Gira con cognizione di causa serve una cultura abbastanza solida, o si rischia di incappare in partite frustranti e poco felici. Soprattutto per due motivi, che ad onor di cronaca potrebbero essere considerati veri e propri difetti strutturali. Da una parte il titolo ha il brutto vizio di concentrare molti dei round su di un singolo Film, pescato a caso dal database. Una scelta non del tutto condivisibile, visto che è possibile assistere a partite praticamente a senso unico, in cui solo chi è “informato sui fatti” risponde senza tirare a caso. Inoltre, anche nel caso in cui i giocatori non indovinino la risposta, Ciak! Si Gira non informa il gruppo di videoplayer su quale fosse l'opzione corretta, glissando sulle leggerezze dei partecipanti in maniera poco elegante e affatto didattica.
Le modalità di gioco sono abbastanza canoniche, pensate ovviamente per partite multiplayer, e variano da “Sfida contro il tempo” a “Party Play”. La struttura di ogni partita si rivela abbastanza varia, sostenuta da domande classiche ed altre tutte “visuali”, in cui bisogna rispondere sulla base di un'immagine mostrata a schermo o di uno spezzone tratto dal film di turno. Qualche leggerezza è commessa anche in questo senso, perchè molto spesso il set di risposte è facile da interpretare (insomma ci sono opzioni talmente assurde che possono essere escluse a priori), ma in generale il lavoro dei creativi non può che essere promosso. La tipologia di quesiti è sempre adatta all'argomento, e di tanto in tanto ci sono piacevoli sorprese che esulano totalmente dai canoni classici del Quiz Game.
Piacevole è inoltre l'introduzione dello Star System, che permette ai giocatori di ottenere un moltiplicatore del punteggio, con una probabilità inversamente proporzionale alla loro posizione in classifica. Grazie a questo espediente è possibile, anche per i meno esperti o i meno fortunati, ribaltare le sorti di una partita cominciata sotto i peggiori auspici. Insomma, lo Star System movimenta anche i match più scontati, e riesce a mantenere alta l'attenzione di tutti i partecipanti fino alla fine.
Un peccato che tutta la struttura di contorno sia poco efficace per garantire al prodotto una discreta personalità. L'intelaiatura che circonda Ciak! Si Gira è infatti abbastanza triviale, fatta soprattutto di schermate fisse e costretta ad un avanzamento molto lineare. Da questo punto di vista, il prodotto si colloca ad un livello assolutamente inferiore rispetto alla concorrenza, che ha saputo costruire un vero e proprio “set televisivo interattivo”, con tanto di “momenti clou” e piccoli spezzoni in grado di solleticare tutti gli spettatori. Al Scene It, oggi come al tempo del suo esordio, manca il carattere, la grinta, la capacità di “bucare lo schermo”. Anche il set di personaggi che i giocatori possono selezionare gioca con qualche clichè della società americana e qualche stereotipo dei film d'altri tempi, ma strappa sorrisi davvero contenuti, ben lontani da quelli - decisamente più sinceri - di Buzz: Quiz Tv.
E' un peccato che il team non si sia concentrato di più su questo aspetto, dato che le potenzialità del brand sarebbero evidenti: una grafica pulita e colorata si adatta bene al target di riferimento ed alla natura spensierata del prodotto. Segnaliamo, prima di chiudere, l'ottima qualità dei filmati e delle campionature audio: rivedere la scena di qualche classico intramontabile rallegra sempre gli animi. Meno piacevoli invece gli interventi sonori dei personaggi e le musiche dei menù.

Scene It? Ciak! Si gira! Scene It: Ciak! Si Gira è un prodotto sfortunatamente collocato sul margine della sufficienza. Ci sono dei buoni spunti concettuali, quali l'introduzione dello Star System, alcune modalità di gioco e la struttura di certe domande, ma altrettanti difetti pronti a rendere il prodotto meno appetibile di quanto avrebbe potuto essere. Al di là delle leggerezze strutturali, la vera colpa del titolo è quella di non avere carattere e personalità: senza un look brillante e sopra le righe, Ciak! Si Gira si perde nel maremagno dei congeneri, e risulta un quiz game senza arte ne parte. Per altro, lievemente castrato dal suo meticoloso concentrarsi sul mondo Hollywoodiano. Insomma, una scelta solo per appassionati, alla ricerca di un Trivial focalizzato e non dispersivo.

6

Che voto dai a: Scene It? Ciak! Si gira!

Media Voto Utenti
Voti totali: 29
5.5
nd