Recensione Shaun White Snowboard: World Stage

Shaun White ritorna con uno snowboard a forma di Wii Balance Board

Versione analizzata: Nintendo Wii
recensione Shaun White Snowboard: World Stage
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Wii
Adriano Della Corte Adriano Della Corte Da quando ha ricevuto in regalo il suo primo Gameboy all'età di 5 anni, non ha mai smesso di giocare. Grande appassionato di platform e di epiche avventure. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Quando il marchio Shaun White arrivò in formato multipiattaforma, la versione per Nintendo Wii riuscì, nonostante i limiti tecnici della macchina, ad essere sotto molti aspetti la migliore versione presente sul mercato, soprattutto grazie alla presenza del supporto della Wii Balance Board. Ubisoft riuscì infatti a dimostrare per la prima volta che la periferica Nintendo non era solo una bilancia per valutare il nostro peso, ma un'ottima opportunità di rendere estremamente coinvolgente lo snowboard virtuale. Il successo della versione Wii fu così alto, che oggi Ubisoft ci propone Shaun White Snowboarding: World Stage - in nuovo titolo questa volta in esclusiva per la console Nintendo - che oltre ai già ben implementati controlli, cerca di costruire un gameplay di maggior spessore. Cosa c'è di meglio se non accendere lo spirito competitivo con un campionato del mondo di Snowboard?

Una classifica da scalare

In World Stage ritroviamo tutta la combriccola di snowboarder che avevamo lasciato in Road Trip, intenzionati a partecipare al mondiale che si terrà in Svezia. Shaun White è già classificato, mentre Michael, Jhon, Sunny e i restanti ragazzi del gruppo dovranno partire dal fondo della classifica per raggiungere un posto tra i 5 migliori team, ed accedere così alle finali del mondiale.
Nella modalità Carriera quindi il nostro scopo sarà quello di raggiungere la vetta della classifica partendo dalla 100° posizione. Ogni evento organizzato durante la stagione ci darà la possibilità di ottenere punti preziosi per raggiungere un piazzamento più alto ed avanzare di livello. Infatti se all'inizio saremo dei principianti, raggiungendo zone della classifica più alte, parteciperemo ad eventi nelle categorie più avanzate, fino ad essere dei veri PRO dello Snowboard.
Dall'aeroporto in cui il nostro gruppo bivaccherà tra una discesa e l'altra, ogni settimana potremo scegliere di partecipare ad uno dei tre differenti eventi organizzati in diverse nazioni. Primo passo importate è la scelta giusta dello snowborder che parteciperà all'evento: ognuno ha differenti abilità e punti deboli, e potremo associare al partecipante un "potere amico" datogli da un altro componente del gruppo. Ogni trick che andrà a buon fine, oppure il recupero delle corone sparse sulla discesa, aumenterà la barra dei punti rispetto: una volta riempita potremo attivare il potere amico, un'abilità speciale che ci aiuterà in differenti situazioni: aumentare l'altezza del salto per effettuare più trick in catena, oppure colpire gli avversari facendoci guadagnare terreno sono solo due esempi sui 12 poteri disponibili. L'intera carriera è giocabile in 2 livelli di difficoltà differenti: la differenza consiste negli obiettivi da raggiungere negli eventi.
Gli eventi sono numerosi ed offrono una vasta gamma di sfide differenti con diversi obiettivi. Le principali categorie in cui si dividono gli eventi sono due: sfide a tempo o raccolta punti.
Nelle sfide a tempo il gioco metterà alla prova la nostra capacità di controllo dello snowboard. Ci verrà chiesto ad esempio di raggiungere il traguardo nel più breve tempo possibile, di non essere gli ultimi a passare attraverso i checkpoint - pena l' eliminazione - oppure di attraversare le porte disposte sul tracciato.
Gli eventi "Raccolta Punti" invece richiederanno destrezza nel riuscire ad eseguire i trick in aria o sui rail disposti sulla pista. I tracciati saranno pieni di zone salto, rail, half e quarter pipe, in modo da poterci sbizzarrire nella scelta delle nostre esibizioni. Ogni volta che riusciremo ad eseguire un trick, il punteggio aumenterà e si andrà ad accumulare al totale punti. Se riusciremo ad eseguire in catena numerosi trick, riuscendo sempre ad atterrare bene, il moltiplicatore punti aumenterà fino ad un massimo di 3x, e se atterreremo perfettamente ci verrà aggiunto un bonus del 10% sul totale dei punti raccolti con la sequenza dei trick.
Una volta che avremo conquistato una posizione sul sul podio, il nostro piazzamento comporterà lo sbocco di contenuti extra (si tratta di accessori e vestiti per i nostri snowboardisti e per le loro tavole), e la scalata della classifica. Tra il passaggio da una classe ad un'altra di livello superiore, un evento speciale ci farà giocare nei panni di Shaun White in persona.
Una volta raggiunta la 5 posizione in classifica, potremo accedere ai mondiali, un evento di 5 giornate, in cui la struttura è invariata, ma che ci vedrà sfidare gli altri 4 team, in un torneo a punti, per arrivare primi in classifica e vincere l'ambita coppa del mondo di snowboard.
Ovviamente in ogni momento della Carriera è possibile svagarsi, scegliendo di giocare in Freestyle - la cosiddetta modalità libera - gli eventi disponibili per allenarsi e migliorare le proprie prestazioni.

WiiMote e Wii Balance Board...

World Stage offre al giocatore due diversi sistemi di controllo: al solo uso del Wiimote potremo infatti affiancare anche la Wii Balance Board in una mappatura dei comandi che utilizzi entrambe le periferiche della console.
Se sceglieremo di usare solo il telecomando Wii, la direzione verrà affidata alla rotazione a destra o sinistra del Wiimote, l'accellerazione alla pressione del tasto A, mentre per frenare bisognerà puntare il Wiimote verso l'alto. Per il salto basterà scuotere il Wiimote verso l'alto. Nelle fasi in cui dovremo effetuare i trick, quelli base si potranno effettuare con la sola rotazione del Wiimote. Per quelli avanzati che invece richiederanno il grab sulla tavola, bisognerà abbinare anche la pressione del tasto A, B o tutti e due contemporaneamente. Oltre ai trick, il nostro snowboarder potrà anche effettuare delle mosse singole in aria, muovendo il Wiimote a destra o sinistra e abbinando allo stesso modo dei trick la pressione dei tasti A e B.
Con la Balance Board invece il grosso dei comandi è affidato alla distribuzione del nostro peso sulla bilancia. La direzione è affidata principalmente al piede destro - che è quello posizionato sulla bilancia posteriormente - mentre l'accelerazione a quello sinistro. Per il salto, una leggera flessione sulle nostre gambe, con successivo scatto verso l'alto basterà a far alzare la tavola dal manto nevoso. I trick sono affidati ad una combinazione di distribuzione del peso in avanti o dietro, e la pressione dei tasti A e B sul Wiimote per effettuare i grab. Le mosse speciali si dividono in diverse combinazioni di piede destro e sinistro, unite volendo alla pressione dei tasti A e B.
Come potete vedere le combinazioni delle varie mosse sono numerose, e solo un allenamento prolungato porterà alla gestione perfetta dei vari trick.
Se si esaminano i controlli singolarmente, bisogna però costatare che nessuno dei due sistemi riesce ad essere perfettamente funzionale in ogni situazione di gioco. Nelle sfide che richiedono velocità ed una buona gestione delle curve è infatti maggiormente coinvolgente ed efficace l'utilizzo della Wii Balance Board, che riesce egregiamente a trasmettere la sensazione di essere su una vera tavola da snowboard. L'uso del Wiimote non solo non riesce a trasmettere le stesse sensazioni, ma risulta essere addirittura scomodo nelle zone in cui c'è un dislivello che farà inevitabilmente saltare il nostro snowboarder: in questi casi molto spesso la posizione non perfettamente orizzontale del Wiimote in mano farà partire trick e rotazioni non volute, facendoci perdere tempo prezioso.
Diametralmente opposti sono invece i comandi negli eventi che richiedono l'esecuzione dei trick per raggranellare punti. Eseguire rotazioni con la Wii Balance Board, soprattutto quelle avanzate, risulta - salvo solo dopo duri allenamenti - estremamente complicato, a causa del dover dare la giusta pressione dei piedi sulla bilancia. L'uso del Wiimote, con il solo agitare il telecomando, abbinando la pressione dei tasti, è di sicuro più intuitivo e facile da applicare. Appare quindi evidente che per gustare al meglio il titolo è necessario possedere la Wii Balance Board, e se si vogliono raggiungere risultati soddisfacenti, affiancargli il solo uso del Wiimote in quelle sessioni che richiedono le evoluzioni sulla tavola da snowboard.

... e anche il Wii Motion Plus

Il titolo, oltre al Wiimote e alla Balance Board, supporta anche il Wii Motion Plus. Ma non fatevi prendere troppo dall'entusiasmo. Come in altri titoli Ubisoft usciti di recente, l'utilizzo del Wii Motion Plus risulta essere un'aggiunta dell'ultimo momento. Anche in questo caso infatti l'utilizzo della periferica che permette una mappatura più precisa dei movimenti del telecomando, non è usata effettivamente durante le sessioni di gioco. Gli sviluppatori di Ubisoft hanno infatti creato ad hoc un piccolo editor, accessibile solo con la periferica agganciata al Wiimote, che ci permetterà di creare le nostre personali mosse speciali, da associare poi ai comandi stardard sopra descritti.
Nella prima fase della creazione, utilizzando il Wiimote ed il Wii Motion Plus, potremo registrare la rotazione dello snoborder in aria, come se il Wiimote fosse la tavola stessa. Nella seconda fase, alla semplice rotazione, potremo aggiungere i vari grab con A e B. La terza fase è dedicata alla scelta del nome e dell'icona che compariranno sullo schermo, quando eseguiremo la mossa.
Un extra carino, ma che non risulta molto interessante ai fini ludici, soprattutto se si considera già la vasta gamma di evoluzioni che il gioco offre di base.

Multiplayer a valanga

La sezione "Versus" dedicata al multiplayer consiste in due differenti modalità di gioco: schermo condiviso e controller condiviso.
"Schermo Condiviso" è il classico split screen fino a 4 giocatori, in cui si potrà sceglie di giocare eventi singoli - discese libere oppure raccolta punti - o in alternativa partecipare a piccoli tornei a differenti livelli di difficoltà. I controlli in questa modalità sono affidati ai telecomandi Wii, ma se si gioca fino 3 giocatori, un giocatore può usare, volendo, la Balance Board.
In "Controller Condiviso" invece, gli eventi si eseguiranno a turno tra i giocatori, per un massimo di 4 partecipanti. In questo caso si potrà scegliere di utilizzare il Wiimote o Wiimote più Balance Board.
Ci sarebbe tanto piaciuto vedere finalmente una modalità multiplayer online anche per Shaun White, ma Ubisoft ha infranto nuovamente le nostre speranze. Il bollino WiFi Connection presente sulla confezione, infatti, non indica la possibilità di sfidare altri giocatori via rete, ma solo l'opportunità di inserire i propri record registrati su una leaderboard online. Buono per chi ama la competizione estrema, un po' meno per chi si aspettava uno sfruttamento maggiore della infrastruttura online del Nintendo Wii.

Schegge di ghiaccio

Il comparto tecnico di World Stage, riconferma che anche con pochi elementi su schermo, se sapientemente gestiti, si può creare un comparto visivo all'altezza di altre produzioni più patinate. Gli ambienti che circondano le piste, che variano da paesaggi di montagna innevati a scorci di capitali europee come Londra o Parigi, sono ben realizzati, grazie soprattutto all'uso di luci e colori che ne esaltano l'aspetto visivo. Anche l'utilizzo di effetti scenici come i turbini di aria che vedremo quando acceleriamo sulla tavola aiurano a trasmettere un senso di velocità e fluidità perfetti.
Lo stile cartoon adottato da World Stage gioca a favore del quadro visivo complessivo, grazie all'alternanza di tratti spigolosi e arrotondati dei personaggi, una buona animazione dei movimenti durante le esecuzioni dei trick, e l'utilizzo di colori accesi.
Il comparto audio offre un doppiaggio completo in italiano dei personaggi, che essendo ragazzi di oggi, non si sottraggono nell'esprimere il proprio entusiasmo con alcune frasi tipiche del gergo giovanile. Non stupitevi quindi se durante il gioco sarete sommersi da espressioni leggermente stereotipate come "Ci sto troppo dentro", "Che fissa!" oppure "Ci sto di brutto!.
Ad allietare le orecchie del giocatore però ci pensano i 25 brani originali - Blondie con "Call Me", I Kiss con "I Was Made for Loving You" o i Ramones con "I Wanna be Sedated" per citarne alcuni - che chi più chi meno a rotazione accompagneranno il giocatore nelle sue evoluzioni su pista.

Shaun White Snowboarding: World Stage Shaun White ritorna in forma smagliante su Nintendo Wii. Con un sistema di comandi già ben riuscito con il Road Trip, quelli di Ubisoft hanno potuto focalizzarsi su una struttura di gioco maggiormente varia e coinvolgente. Le variazioni alla singola discesa sono tante e ognuna riesce ad esaltare le varie possibilità che il sistema Wiimote e Balance Board può offrire. Tecnicamente il titolo rispecchia tutte le caratteristiche che un gioco di snowboard dovrebbe avere: fluidità e senso della velocità in primis. Anche il Multiplayer, nonostante la reiterata scelta di non supportare l'online, è solido e offrirà numerosi spunti per giocare in compagnia di altri 3 amici. Shaun White Snowboarding: World Stage è un'occasione da non perdere per tutti i possessori di Wii Balance Board che vogliono provare l'ebrezza di scendere a valle con una tavola ai piedi.

8

Che voto dai a: Shaun White Snowboarding: World Stage

Media Voto Utenti
Voti totali: 32
7.5
nd