Hello Neighbor (Alpha 4) Adesso online

Giochiamo con questo stealth game ad alto tasso disagio!

Recensione Slain!

Slain! è un action-adventure 2D che colpisce per la sua splendida pixel-art e per una rielaborazione sanguinolenta e sopra le righe che attinge a piene mani dall'immaginario gotico.

Versione analizzata: PC
recensione Slain!
INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc

Slain! è un action-adventure 2D che colpisce per la sua splendida pixel-art, una rielaborazione sanguinolenta e sopra le righe che attinge a piene mani dall'immaginario gotico. Un omaggio tangibile a chi è nato e cresciuto a suon di chitarre pesanti e doppio pedale, visto che giocare a Slain! vuol dire entrare di prepotenza dentro le copertine dei più disparati album metal, con un occhio di riguardo alla tradizione nordica. Un lavoro encomiabile che affascina e cattura tramite animazioni, fondali e un colpo d'occhio generale ben riuscito. Senza dubbio il pregio maggiore del gioco. I problemi invece vengono fuori appena Bathoryn, il protagonista, inizia a muoversi in questo mondo così vividamente caratterizzato.

Estasi Metal

È doveroso precisare come questa recensione faccia riferimento alla versione del gioco che ha visto una patch risolvere alcuni difetti critici. In primis il problema legato ai controlli da tastiera minati da un lag mostruoso: non una cosa da poco visto il genere di appartenenza. La situazione è decisamente migliorata, anche se è giusto avvisare che la patch sembra introdurre problemi col supporto del Pad, che prima non presentava queste problematiche. Insieme ai controlli è stato perfezionato sia il sistema di collisioni, rendendo i combattimenti meno legnosi e frustranti, sia il tasto di schivata, che risultava quasi inutile nella prima versione. È in programma un'altra patch che ha il compito di affinare ulteriormente questi aspetti ed aggiustare i vari checkpoint disposti in modo non del tutto equilibrato.Controlli, collisioni e checkpoint: tre elementi chiave che rappresentano l'intera esperienza di gioco. Slain strizza l'occhio ai vecchi action 2D, e gli sviluppatori citano espressamente titoli come Ghost'n Goblins o Golden Axe. Il che si traduce in poche armi (tre abbastanza simili tra loro, più o meno utili a seconda della tipologia di nemico affrontato) e poche abilità a disposizione del personaggio (tra cui un attacco "ranged" che consuma mana e va ben dosato per cavarsela nelle situazioni più ostiche). Troviamo poi qualche trappola da evitare, un paio di bottoni da premere per attivare delle piattaforme e infine gli immancabili boss di fine livello. Anche questi non brillano per inventiva, visto che basta azzeccare il giusto tempismo e il posto dove non essere colpiti per affrontarli facilmente senza una reale sfida. Sfida che invece viene tarata verso l'alto durante lo scontro con i nemici - non troppo vari ma almeno gustosi da vedere.Basta sbagliare due tre schivate e ci si trova rispediti al checkpoint. Cosa sacrosanta se non fosse che molte volte la morte è dovuta a una gestione del combattimento poco pulita. La differenza tra le due versioni, pre e post patch, è comunque tangibile e si nota un netto miglioramento rispetto alla disastrosa situazione del lancio. La perfezione però è ancora lontana dall'essere raggiunta e nei momenti più concitati capita spesso che qualche strana compenetrazione crei situazioni strambe: una abbastanza comune è quella in cui si resta "bloccati" dentro lo sprite del nemico.Quello che la patch invece non è riuscita a migliorare è il level design del gioco, vero punto debole che trascina con sè tutto il resto. I livelli risultano piatti, poveri come architettura e dall'interazione ridotta al minimo. Considerando la totale assenza di oggetti sbloccabili, abilità o altro, al level design spetterebbe il compito di sorreggere buona parte dell'esperienza del gioco, e sotto questo punto di vista purtroppo poco è stato fatto per valorizzare a dovere lo splendido arsenale di asset a disposizione.

Discorso a parte invece per quanto riguarda la parte sonora. Paradossalmente la parte più debole del gioco all'uscita perché inesistente: nella prima versione -tolte le buonissime tracce audio composte da Curt Victor Bryant dei Celtic Frost- non c'erano effetti di alcun genere. La patch vede introdotti finalmente una serie di suoni che rendono decisamente più gustosi i combattimenti e danno finalmente vita agli ambienti. Dietro un aspetto grafico che lascia presagire meraviglie si nasconde un'avventura limitata, minata da un level design povero e da una struttura ludica che risente della poca pulizia generale. A poco aiutano le minime variazioni introdotte nei vari livelli, anche queste non del tutto calibrate a dovere. Esempio lampante è la sezione dove Bathoryn trasformato in lupo deve correre attraverso un livello che offre veramente poca interazione e si protrae troppo a lungo senza nessun valido motivo. Slain! è insomma un progetto nato sotto i migliori auspici ma che ha incontrato grossi problemi nello sviluppo, uscendo sul mercato in una forma troppo acerba e mostrando il fianco proprio nei suoi punti vitali. A sua discolpa c'è da dire che la patch uscita lo rende finalmente giocabile e, nonostante i vari difetti, tutto sommato appagante a patto di accontentarsi di un'avventura ben delimitata entro alcuni canoni. I lavori di rifinitura sono ancora in corso ma anche tralasciando questi difetti tecnici - comunque risolvibili col tempo - resta l'idea che la caratura del gioco sia stata ridimensionata durante lo sviluppo. Senza arrivare necessariamente a definirlo un fallimento - sarebbe ingiusto- si può sicuramente parlare di occasione mancata.

Slain! Voto di incoraggiamento per un gioco ancora in divenire. Slain! vive in questa scissione tra la sua atmosfera splendida e un gameplay incapace di valorizzarla a pieno. Gli sviluppatori stanno lavorando per risolvere dei problemi francamente inconcepibili per un’avventura di questo genere ma è difficile aspettarsi miracoli. Il problema maggiore risiede nella sua struttura, godibile ma sprecata rispetto alle potenzialità intrinseche. Slain! è come un concerto metal nel pub sotto casa. Ha la locandina azzeccata, dal soundcheck le distorsioni sembrano ottime e l’atmosfera è calda il giusto, ma appena il gruppo inizia a suonare ti ritrovi con un mixing sbagliato, un batterista che ogni tanto perde il tempo e assoli con note cannate.

6.0

Che voto dai a: Slain!

Media Voto Utenti
Voti totali: 1
1
nd