Recensione So Many Me

Un Platform 2D zeppo di enigmi: curato, vario e divertente

Versione analizzata: PC
recensione So Many Me
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • OUYA
Matteo Mangoni Matteo Mangoni è un grande amante della tecnologia e, soprattutto, del medium videoludico. Programmatore di giorno e gamer incallito di notte (o viceversa), ha avuto fra le mani la sua prima console all'età di 6 anni, e da allora per lui niente è più stato lo stesso. Soprattutto le bollette della luce. Lo trovate su Facebook e Twitter.

In un panorama videoludico come quello attuale, costellato da colossi che si sfidano a colpi di risoluzione e framerate, ci si dimentica troppo spesso di tutto ciò che di bello hanno da offrirci alcune produzioni minori, meno blasonate ma capaci di donare al mercato una rassicurante ventata di freschezza. Uno dei giochi che esemplifica al meglio questo concetto è senza dubbio So Many Me, un ibrido fra platform e puzzle game dalle dinamiche innovative, divertente e piacevole da vedere. Alla base della produzione di Extend Studio ed Origo Games ci sono idee semplici ma ben sviluppate, perfettamente introdotte in un titolo dalla forte personalità, che fa della freschezza del gameplay e dell'alto numero di collezionabili i suoi punti forti. Il gioco, disponibile su OUYA e PC, riesce ad intrigare il giocatore, stimolandolo con puzzle complessi senza mai risultare frustrante.

Filo e i suoi cloni

Concettualmente, So Many Me è piuttosto semplice: il titolo ha l'aspetto di un platform bidimensionale vecchio stile, con sprite rigorosamente 2D, e tutto si basa sul ritrovamento dei numerosi cloni del protagonista Filo (una sfera di gelatina verde), grazie ai quali saremo in grado di risolvere numerosi puzzle e raggiungere il portale di fine livello. Una volta incontrato il nostro primo clone, inizieremo a familiarizzare con la meccanica principale del gioco: la possibilità di trasformare Filo o uno dei suoi cloni in blocchi di pietra. Grazie a questa abilità potremo raggiungere piattaforme altrimenti irraggiungibili, scalando i nostri “gemelli” pietrificati, mantenere attivi alcuni interruttori a pressione mentre noi ci troviamo altrove, e molto altro. Quando i blocchi non saranno più necessari, potremo richiamare i nostri cloni uno alla volta, in ordine inverso rispetto a quello con cui li avevamo trasformati; questo concetto, che inizialmente potrebbe sembrare un aspetto secondario, è invece di fondamentale importanza all'interno dell'economia del gioco: in So Many Me, compiere tutte le nostre azioni nell'ordine giusto sarà fondamentale.
Queste meccaniche, colonne portanti dell'esperienza di gioco per tutta l'avventura, saranno presto affiancate da una quantità non indifferente di elementi aggiuntivi, i quali andranno ad impreziosire gradualmente il gameplay del titolo, donandogli varietà ed aumentandone costantemente la complessità. Ben presto ci troveremo quindi a fronteggiare piante in grado di inibire le nostre abilità grazie al loro polline, impedendo ai nostri eroi di trasformarsi nell'area circostante, oppure ad utilizzare fiori speciali in grado di donarci temporaneamente un potere speciale: quelli rossi ci permetteranno di trasformarci in una palla elastica su cui gli altri cloni potranno rimbalzare, quelli gialli ci consentiranno di trasformare uno dei nostri cloni in un blocco luminoso, grazie al quale potremo attirare l'attenzione delle piante, che spostandosi si porteranno dietro la loro nube di polline. E questi sono solo alcuni esempi, perché la varietà delle situazioni e la cura con cui queste sono realizzate sono davvero impressionanti.

Come se non bastasse, durante alcuni livelli, avremo a nostra disposizione alcune trasformazioni, che andranno a scombinare completamente tutti gli elementi del gameplay. Potremo assumere le sembianze di un dinosauro, grazie al quale sarà possibile sfondare alcune pareti ed uccidere i nemici a colpi di coda, oppure di un temibile carro armato, in grado di camminare su qualunque tipo di terreno e resistere a qualsiasi attacco nemico, compresi i colpi di fucile ed i missili delle torrette nemiche. Queste sono solo una parte delle situazioni che ci troveremo a fronteggiare nel gioco, tutte fresche, divertenti e perfettamente integrate con le dinamiche di base.
Un piccolo avvertimento, però, è d'obbligo. Non lasciatevi ingannare dalla grafica del gioco, pulita e colorata, e dal design dei personaggi: So Many Me è un titolo veramente impegnativo, che vi metterà a dura prova con puzzle complessi e livelli popolati da decine di nemici, pronti a farvi fuori con un solo colpo. Fortunatamente, gli sviluppatori hanno deciso di non punire troppo il giocatore in caso di fallimento, consentendogli di riprendere nel punto esatto in cui si trovava prima di morire. Questa scelta, che nelle prime fasi di gioco potrebbe sembrare fin troppo permissiva, si rivelerà ben presto azzeccatissima, il modo migliore per riuscire a fornire all'utenza un prodotto davvero complesso, ma al tempo stesso accessibile a tutti e mai frustrante. So Many Me richiede quantità notevoli di coordinazione e precisione, raggiungibili quasi esclusivamente con l'utilizzo di un pad. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, nonostante presenti una struttura basata principalmente sulla risoluzione di enigmi e puzzle ambientali, il titolo richiede anche una certa velocità di esecuzione, e non mancherà di mettere alla prova i vostri riflessi. Ma non temete, il sistema di controllo del gioco è impeccabile, raramente avrete la sensazione di essere morti per "colpa del gioco" o per altri fattori esterni.

So Many Me è un prodotto estremamente curato, sotto ogni punto di vista. Tra un livello e l'altro ci ritroveremo in una sorta di hub centrale, nel quale potremo, fra le altre cose, potenziare le nostre sfere gelatinose attraverso lo sblocco di abilità aggiuntive, acquistabili grazie ad alcuni oggetti che potremo collezionare all'interno degli stage del gioco. Ciascun livello contiene - spesso ben nascosti - un oggetto, un skin con cui personalizzare i nostri personaggi ed un nuovo clone da reclutare. Le skin e l'oggetto extra sono sempre opzionali, mentre alcuni cloni, quelli importanti ai fini della storia, saranno obbligatori per proseguire nell'avventura. Ottenere tutti e tre i collezionabili in ogni livello è un'impresa titanica, il cui grado di sfida elevatissimo potrebbe scoraggiare anche il giocatore più determinato. Oltre ad essere molto appagante, però, questa caccia al collezionabile ci garantirà bonus concreti ed alcune interessanti aggiunte, come nel caso delle innumerevoli skin dei personaggi, tutte varie e divertenti, che ci consentiranno di personalizzare ogni singolo clone che si unirà a noi nel corso dell'avventura. Niente di trascendentale, ma resta comunque una graditissimo extra, perfetto per completare un'offerta di per sé piuttosto ricca ed invitante.

So Many Me So Many Me è una grandissima sorpresa, una di quelle che non ti aspetteresti mai da un gioco all'apparenza fin troppo semplice, tanto da sembrare quasi banale. Poi lo provi, e non puoi far altro che innamorartene: il titolo si rivela in grado di stuzzicare l'ingegno del giocatore e di sfidarlo nel modo più feroce possibile, mostrandosi però leale ed indulgente al punto giusto. Pur essendo un ibrido fra un platform ed un puzzle game, So Many Me è decisamente più orientato verso il secondo genere, quindi non aspettatevi un gioco simile ai classici platform bidimensionali a scorrimento come Super Mario: qui c'è da ragionare tanto, e l'ingegno ha un'importanza superiore rispetto alla nostra reattività ed al tempismo con cui effettuiamo i nostri salti. Pur non essendo dominanti, però, questi elementi fanno comunque la loro parte: a seconda del punto di vista da cui lo si guarda, So Many Me può apparire ai nostri occhi come un platform dal ritmo particolarmente compassato, smorzato dalla presenza massiccia di puzzle ambientali, o come un puzzle game incredibilmente dinamico, che richiede una coordinazione ed una prontezza di riflessi al di sopra della media dei congeneri. Se vi piacciono i due generi da cui prende spunto e siete amanti dei giochi impegnativi ma non troppo frustranti, fareste meglio a dargli una possibilità, o rischierete di perdervi un titolo molto piacevole; e sarebbe un peccato, visto che i giochi di questo tipo degni di essere ricordati, al giorno d'oggi, non sono molti.

8

Che voto dai a: So Many Me

Media Voto Utenti
Voti totali: 4
8
nd