Resident Evil VII Oggi alle ore 21:00

Nuova puntata di Eternal Backlog: iniziamo Resident Evil 7!

Recensione Solitairica

Primo gioco del team Righteous Hammer Games, Solitairica è un piccolo gioco di carte rogue-lite ispirato al classico solitario. O, se preferite, una nuova piccola droga che catalizzerà i tempi morti delle vostre giornate...

Versione analizzata: PC
recensione Solitairica
INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc

Righteous Hammer Games è un piccolo studio formato da Clint Jorgenson e Joe Van Zeipel: ex-veterani del mondo AAA con un pedigree che vanta nomi come EA, Popcap, Criterion e Black Box. Similmente a molti altri colleghi, i due sviluppatori hanno deciso di uscire dai grandi circuiti commerciali per realizzare prodotti più modesti ma in totale libertà creativa. Il risultato del loro primo lavoro è un piccolo gioco di carte rogue-lite ispirato al solitario. O, se preferite, una nuova piccola droga che catalizzerà i tempi morti delle vostre giornate.

Going Rogue

La formula vincente dietro al progetto è la stessa che ha dato vita a prodotti come Puzzle Quest: prendere una meccanica collaudata, quella del solitario in questo caso, e arricchirla di elementi rpg con tanto di abilità ed equipaggiamenti in modo da renderla più varia e accattivante. Una volta scelto il mazzo di partenza - ce ne sono diversi e rappresentano i classici personaggi fantasy a seconda del loro set di skills - dovremo affrontare sequenzialmente una serie di nemici. A ogni turno avremo una singola carta scoperta con un valore numerico. Se nei vari mazzi presenti sul campo c'è una carta dal valore immediatamente superiore o inferiore a quella posseduta, è possibile prenderla e continuare così, dove possibile, la serie di acquisizioni. Nel momento in cui questo risulta impossibile, dovremo pescare un'altra carta. È in questo frangente che il nostro nemico prenderà la priorità attivando la sua abilità, anch'essa scelta casualmente tra un set legato a ogni tipo di avversario. Come ogni buon solitario che si rispetti, tutto si basa sulle carte che escono in modo casuale. Per limitare questa aleatorietà entrano in campo le varie abilità del personaggio. Ogni carta è infatti legata a un tipo di mana specifico, che una volta accumulato permette di attivare le varie skill. Ce ne sono di variegate ed è possibile comprarne di nuove ogni qual volta si termina un match. La loro gestione diventa fondamentale - è possibile equipaggiarne solo cinque alla volta - per cavarsela nelle situazioni più disperate. Solitairica è più complesso da descrivere che da giocare: in realtà bastano pochi secondi per entrare nello spirito del gioco, anche grazie a un'interfaccia colorata e pulita che dona al gioco un aspetto grafico morbido e spiritoso. Solitairica si muove tra questi due estremi: da un lato la casualità con cui procede il gioco, dall'altra la gestione di skill e risorse che diventano necessarie per dare possibilità di azione quando la carta pescata si rivela inutile. A differenza di altri giochi non c'è una vera IA: il nemico prende il turno ogni volta che decidiamo di pescare una nuova carta, tenendo fede all'idea di un gioco che dipende totalmente dalla nostra mano e dal caso. Il sistema è comunque ben equilibrato; a volte funziona meglio, a volte peggio, ma non si ha mai l'impressione di essere in totale balia della sorte. A donare ulteriore spessore a questa meccanica si inserisce l'aspetto rogue-lite del gioco che cerca di rimediare a una certa ripetitività grazie a delle abilità permanenti. Nel momento della sconfitta vengono acquisiti alcuni crediti utili per comprare altri mazzi o potenziare quelli posseduti - sbloccando per ognuno di essi tre abilità particolari. Skills ed equipaggiamenti vengono invece resettati nel momento in cui si inizia una nuova run, dando la possibilità di cambiare approccio a seconda delle situazioni che si aprono match dopo match. Solitairica non arriva alla complessità strategica di un Magic, né alla mole di contenuti di un Puzzle Quest ma si concentra nel valorizzare il più possibile l'unica meccanica attorno a cui ruota l'esperienza di gioco. È una lezione importante che viene spesso dimenticata. Si tende a volte a offrire tanti e vari contenuti nella speranza di sopperire a un gameplay non del tutto entusiasmante, finendo per dimenticare una regola d'oro del game-design: non servono centinaia di orpelli, anzi spesso basta una sola meccanica azzeccata per avere un prodotto ben riuscito. In questo caso l'aggiunta di un sistema di rigiocabilità che strizza l'occhio ai rouge-lite garantisce una buonissima longevità, e lo rende perfetto tanto per rapide sessioni "mordi e fuggi" quanto per partite più impegnative.

Altro elemento da non sottovalutare è che basta un rapido sguardo al layout grafico del gioco per capire come la sua dimensione ideale sia quella del mercato mobile. Gli sviluppatori hanno già annunciato che la versione tablet e telefono arriverà a breve e, inoltre, è stato ribadito come il gioco sarà "100% premium", esente cioè da qualsiasi microtransazione. Considerando che la versione presente su Steam è già abbastanza solida - qualche piccolo bug già in fase di risoluzione per la prossima patch - nulla vieta di pensare che nel momento in cui il gioco sarà disponibile sui dispositivi portatili diventerà una di quelle applicazioni che è quasi un obbligo avere sul proprio cellulare.

Solitairica Siete dai suoceri e la cena va per le lunghe? L’autobus che state aspettando ha accumulato più di venti minuti di ritardo? Solitartica è il gioco che volete avere con voi in questi momenti. Una meccanica accattivante, arricchita da una gradevole contorno rpgistico che non brilla per originalità ma è capace di dar vita quella piacevole sensazione del “un’altra partita e poi smetto”. La versione su Steam, tolto qualche bug, è già godibilissima e pronta ad essere installata e usata per le pause pranzo in ufficio. La versione mobile è invece annunciata e in arrivo. Proprio grazie a quest’ultima, si può aggiungere un punto al voto finale visto che la sua ampia rigiocabilità e la sua immediatezza lo rendono una must-have da avere sui dispositivi portatili.

8

Che voto dai a: Solitairica

Media Voto Utenti
Voti totali: 4
7
nd