Fortnite (Battle Royale) Oggi alle ore 15:00

Giochiamo in diretta con la modalità Battle Royale!

Recensione Star Fox Guard

Dalle ceneri di Project Guard (progetto di Shigeru Miyamoto) nasce questo atipico tower defense ambientato nell'universo di Star Fox.

Versione analizzata: Wii U
recensione Star Fox Guard
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Wii U
Andrea Dresseno Andrea Dresseno ha iniziato a giocare alle elementari, prima a scrocco, poi si è reso autonomo. Scrive di videogiochi da quasi vent'anni, ma nel mezzo ci sono state alcune pause di riflessione: durante una di queste ha dato vita all'Archivio Videoludico, per cui ora si dedica anche alla conservazione del medium. Si dice sia nintendaro, ma non esistono prove. Lo trovate su Facebook.

Due anni fa, all'E3 2014, Miyamoto se ne uscì fuori con un prototipo misterioso. Più che un gioco, sembrava appunto un'idea, il guizzo di un autore che, a detta di molti, sembrava ormai a corto di ispirazione. Se anche fosse - lungi da noi sostenerlo - nulla toglierebbe al valore di uno dei più grandi creativi della storia dei videogiochi. Se anche fosse, ci starebbe pure: spazio ai giovani. Che la saggezza di Miyamoto venga sfruttata dalle nuove generazioni per continuare sul solco della tradizione. Di quel prototipo, in ogni caso, si erano perse le tracce. Almeno fino a pochi mesi fa. Durante l'ennesimo Direct, Nintendo annuncia Star Fox Guard. Quel gioco l'avevamo già visto, ecco che fine aveva fatto quel prototipo misterioso! Star Fox Guard è un tower defense voyeuristico, o in alternativa un simulatore di telecamere a circuito chiuso, ambientato nell'universo di Star Fox. Così ne approfittiamo e lo lanciamo insieme a Star Fox Zero. Supponiamo di chiudere un occhio sul titolo decisamente anonimo; rimane nell'aria un'impressione sgradevole: che il brand Star Fox sia stato appiccicato al titolo per trainarne le vendite. Troppo minigioco, all'apparenza, troppa poco sostanza, sempre in apparenza. In realtà, Star Fox Guard poteva benissimo ambire a essere un brand nuovo di zecca. Serviva giusto qualche accorgimento e contenuto in più, una caratterizzazione più coraggiosa e una direzione artistica di maggiore impatto. Nintendo poteva titillare gli amanti del tower defense e i voyeuristi impenitenti dando al gioco un titolo esotico e acchiappante, ma tant'è. Nintendo i miracoli li sa fare - vedi Splatoon - per cui tanto valeva provarci pure con questa incursione nel genere dei tower defense.

Metalli preziosi

Lo zio di Slippy Toad si è dato al commercio di metalli preziosi. Solo che i metalli mica li trovi passeggiando, devi sporcarti le mani e trivellare. L'attività di famiglia andrebbe a gonfie vele, non fosse che quei metalli fanno gola ad armate di robot pronte ad assaltare gli scavi. Zio Grippy non si perde d'animo e installa un sistema di sicurezza a prova di robot: 12 telecamere a circuito chiuso, pronte a monitorare l'area giorno e notte. E il vostro ruolo qual è? Ovviamente fare da guardia, non perdere di vista nessuna di quelle telecamere e abbattere gli intrusi che cercano di giungere alla trivella. In quel caso sarebbe game over. Le meccaniche non fanno certo gridare al miracolo per quanto riguarda varietà e complessità, ma Star Fox Guard funziona proprio grazie alla semplicità del concept e all'utilizzo intelligente del GamePad. Lo schermo del televisore è suddiviso in 12 riquadri, uno per ogni telecamera; il riquadro centrale, quello più grande, è dedicato alla telecamera selezionata in quel momento. In quanto guardiani, sta a voi passare da una camera all'altra grazie a un veloce tocco del GamePad. Sullo schermo del pad compare infatti la mappa del sito, con le icone delle telecamere posizionate sulle pareti del labirinto. La telecamera selezionata spara comodi raggi laser necessari all'abbattimento dei nemici. Sembra facile, e le prime missioni in effetti sono un gioco da ragazzi, ma le cose si fanno più complicate già a partire dal secondo pianeta. Tutta colpa di quei maledetti robot, ospiti sgraditi che faranno di tutto per rovinarvi gli affari.

Un robot per tutte le stagioni

I robot avversari si differenziano tra loro per mansioni e obiettivi. Alcuni si limitano a creare dei diversivi, per esempio mettendo fuori uso le telecamere o sganciando fumogeni, altri puntano dritti alla trivella. Questi ultimi sono i più pericolosi, perché il raggiungimento della trivella significa sconfitta. I robot attaccano a ondate e cercano di infiltrarsi nel labirinto da entrate differenti. Arrivati al secondo pianeta inizierete a faticare, anche perché non è facile tenere d'occhio tutti i riquadri. Bisogna allora mettere a punto strategie difensive.

Occuparsi prima dei robot offensivi o sbarazzarsi dei piccoli ma fastidiosi disturbatori? All'inizio di ogni missione è possibile dare una sommaria occhiata ai punti di accesso più battuti e modificare il posizionamento delle telecamere. La disposizione standard è quella più "naturale" da seguire con lo sguardo, perché la posizione dei riquadri sullo schermo è analoga a quella delle telecamere virtuali sulla mappa del GamePad. Dal momento che il successo è strettamente legato ai riflessi, saper subito dove guardare aiuta quando si tratta di muovere lo sguardo dallo schermo del televisore a quello del GamePad per cambiare la telecamera in uso.

In trincea

Di missione in missione i robot nemici aumentano per numero e varietà. Non temete, anche le vostre vittorie verranno premiate. I robot eliminati rilasciano metalli che vengono raccolti automaticamente alla fine di ogni missione. Più ne raccogliete, più salirete di livello. Salire di livello non è un'attività fine a se stessa. Innanzitutto, consente di sbloccare nuove missioni aggiuntive, missioni che generalmente richiedono di soddisfare obiettivi precisi per essere portate a termine (vedi eliminare tutti i nemici con munizioni limitate e così via).

Ben più importante la possibilità di sbloccare nuovi set di telecamere: si va dalla telecamera che colpisce più di un nemico alla volta a quella che congela gli avversari. Prima di ogni missione sta a voi allestire il campo di battaglia modificando la tipologia di telecamere. Progredendo, insomma, il gioco svela una dimensione strategica non indifferente, per quanto rimanga l'impressione che si potesse fare di più, che sarebbe bastato poco perché Star Fox Guard passasse dallo status di giochino ancillare, di titolo minore, a quello di vero e proprio gioco "indipendente". Così com'è, rimane a metà strada, col rischio di passare inosservato o comunque di patire la concorrenza del fratello maggiore, Star Fox Zero. Scelte di marketing di cui si potrebbe discutere a lungo, ma che non intaccano la qualità del titolo. Per quanto piccolo, Star Fox Guard è un gioco piacevole, capace di valorizzare l'interfaccia di Wii U, divertente e a volte persino angosciante. Provate a trovarvi in un labirinto ormai compromesso, con le telecamere fuori uso e i nemici ormai in prossimità della trivella: sono momenti di puro panico. Da segnalare anche la componente online: al giocatore è concesso di creare i propri assetti offensivi e condividerli, per mettere alla prova altri giocatori; oppure giocare i livelli creati da altri, sperando di uscirne vittoriosi. Come in Mario Kart 8, un punteggio che sale o scende in base ai risultati raggiunti fa capolino sul vostro badge identificativo.

Star Fox Guard Paradossalmente, la scelta di Nintendo di utilizzare il brand Star Fox per il suo Project Guard potrebbe rivelarsi controproducente: Star Fox Guard rischia di essere oscurato da Star Fox Zero, di sembrare un titolo secondario, quasi un bonus se non addirittura un divertissement realizzato per puro sfizio. La casa di Kyoto avrebbe potuto tentare il colpaccio, sulla scia di Splatoon, creando un brand nuovo di zecca. Evidentemente ha scelto il male minore, temendo che senza un nome trainante il titolo sarebbe stato del tutto trascurato dai giocatori. In realtà, pur nella relativa semplicità delle meccaniche e più in generale dell'opera, non si può dire che Star Fox Guard non funzioni. Al contrario, risulta appassionante, ben congegnato - soprattutto sul fronte della progressione - e la componente online arricchisce ulteriormente l'esperienza di gioco. È un titolo piccolo, senza grosse pretese, che arriva dritto all'obiettivo: far divertire (soprattutto i voyeur).

7

Che voto dai a: Star Fox Guard

Media Voto Utenti
Voti totali: 4
6.5
nd