Super Mario Maker per Nintendo 3DS Recensione

La potenza dell'editor più divertente di sempre sbarca anche sui piccoli schermi di 3DS, traboccante di contenuti ma costretta a qualche compromesso.

Versione analizzata: Nintendo 3DS
recensione Super Mario Maker per Nintendo 3DS
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • 3DS
  • Wii U
Dario Bianchi Dario Bianchi Accanito videogiocatore dall'età di 6 anni, Dario adora le emozioni e le forti suggestioni trasmesse dal mezzo videoludico. Quando non impugna un pad si dedica alla lettura, alla birra e al rock, accompagnato dalla sua amata Fender Telecaster! Lo trovate su Facebook e Twitter.

Circa un anno fa i fan dell'idraulico italiano creato dal duo Myamoto/Tezuka avevano osservato con Super Mario Maker il realizzarsi di uno dei loro più grandi ed inconfessabili desideri. Un software in grado di spalancare le porte della fantasia e della creatività dell'utenza, impegnata a rivestire il ruolo di vero e proprio architetto del Regno dei Funghi grazie ad un editor incredibilmente profondo eppure genuinamente divertente da sfruttare. Di creazioni strampalate ed al limite della follia la community di Super Mario Maker ne ha condivise davvero tante sul web; per quanto ogni singolo stage fosse divertente da giocare e ben congegnato però, l'aspetto più travolgente dell'esclusiva Wii U risiedeva proprio nell'elevato grado di interazione assicurato dall'editor, dall'immediatezza e dal vasto numero di possibilità offerte dal potente tool di creazione. Oggi la magia di Super Mario Maker si appresta a sbarcare anche sui piccoli schermi del 3ds, con una conversione capace di non sacrificare nessuna delle peculiarità che hanno contribuito a rendere la costruzione di livelli inediti tanto appassionante su home console, arricchita inoltre da corposi contenuti single player assenti nella precedente versione, ma nel contempo costretta a rinunciare ad alcune feature di vitale importanza.

Tutto esattamente come lo ricordavamo

Ad accoglierci sul nostro banco di lavoro virtuale troviamo questa volta tutta la saggezza e la conoscenza del dottor Yamamura, un simpaticissimo piccione che ci seguirà passo dopo passo nei vari cantieri del Regno dei Funghi, pronto ad illuminarci sulle tante dinamiche che regolano l'utilizzo dell'editor, offrendoci un tutorial decisamente più completo e strutturato rispetto a quanto disponibile su Wii U. Parlando proprio del tool di creazione, possiamo serenamente affermare che la rinnovata natura portatile di Super Mario Maker non ha imposto grandi stravolgimenti, con tutte le funzionalità e le opzioni di costruzione che avevamo tanto apprezzato un annetto fa al loro posto. Koopa assetati di sangue, piante carnivore da posizionare sadicamente all'interno di tubi nascosti, piattaforme mobili e gli immancabili cubi "?" sono proprio lì dove li avevamo lasciati, complice un'interfaccia funzionale priva di sostanziali modifiche. Laddove su home console era il tempo di gioco ad assicurarci nuovi strumenti con cui plasmare i singoli stage, su 3DS saranno le nostre abilità "pad alla mano" a consentirci di divenire architetti sempre più completi e talentuosi. Super Mario Maker 3DS offre infatti un corposo numero di contenuti single player da godere nell'inedita modalità "Sfida di Mario": il nostro obiettivo sarà quello di superare ben diciotto mondi, ciascuno composto da quattro stage creati per l'occasione dai talentuosi sviluppatori di Nintendo. Ogni mondo sarà composto da tre livelli "regular" affiancati da un immancabile Castello di Bowser finale, contribuendo così a plasmare una componente per giocatore singolo strutturata e variegata, che supera di molte lunghezze quanto (poco) espresso a suo tempo su Wii U. Il level design dei vari mondi assicura divertimento e tanta qualità, alle volte rielaborando sezioni "classiche" estrapolate dai vari titoli del brand, colpendo i giocatori con un citazionismo marcato che non mancherà di sollazzare i veterani della serie. Escludendo un numero contenuto di livelli un po' sottotono e poco ispirati, l'offerta racchiusa in "Sfida di Mario" può dirsi davvero buona, impreziosita inoltre da un sistema di sfide e medaglie inedito.

Ciascuno stage presenta infatti due obiettivi secondari, raggiunti i quali otterremo preziose medaglie d'oro, da accumulare con parsimonia per accedere al mondo bonus nascosto: le sfide che ci separano dai tanto bramati trofei si rivelano impegnative e studiate con incredibile consapevolezza, volte ad esaltare il level design della singola creazione, spingendo il giocatore a riscrivere completamente il proprio approccio agli ostacoli proposti. Terminare il livello avanzando costantemente verso destra e senza mai titubare tornando sui propri passi, scovare cubi nascosti in luoghi impervi, trasportare gusci di Koopa sino al traguardo senza farli scivolare via sono solo alcuni dei requisiti che dovrete completare per accedere ai tondeggianti riconoscimenti. Una trovata tutto sommato semplice nel suo concept, essenziale e di stampo decisamente arcade, che a conti fatti però risulta vincente, contribuendo non solo alla causa della longevità del titolo ma assicurando anche un livello di sfida decisamente elevato, controbilanciando le poche difficoltà che incontrerete nel raggiungere la fine dei vari livelli in maniera "tradizionale".

Tradire un pò se stessi

Super Mario Maker 3ds si conferma quindi un prodotto sviluppato con cura e attenzione da parte di Nintendo, la quale è stata capace di donare un'identità forte al porting, senza sacrificare la potenza dell'editor e addirittura offrendo una componente single player completamente rinnovata e ricca di spunti eccellenti. Da sempre però, la principale ragion d'essere di Super Mario Maker risiede nelle infinite possibilità offerte dallo strumento di creazione; opzioni e feature poste al servizio di un sistema di condivisione online che trasforma il gioco nella piattaforma "mariesca" definitiva, con un quantitativo di contenuti virtualmente infinito a cui attingere. Inspiegabilmente però tale presupposto viene completamente a mancare in Super Mario Maker 3ds, le cui funzionalità online risultano fortemente limitate. La mancanza più grave è certamente data dall'impossibilità di accedere al web per poter condividere le proprie opere, costrette ad essere immagazzinate sulla console per poi venire scambiate solo in locale, tramite wi-fi. A meno che non abbiate un nutrito gruppo di amici o familiari dotati di 3ds quindi, risulterà decisamente difficile farsi travolgere dal fuoco dell'editor, dal momento che il suo fine ultimo è di fatto assente in questa iterazione portatile del titolo. Creare livelli, divertirsi scuotendo il pennino e pianificando sadiche trappole, saranno attività destinate a perdere il loro appeal sulla media distanza, visto che a conti fatti saranno pochissimi gli utenti potenziali in grado di poter valutare le nostre doti e la nostra fantasia confrontandosi con i vari progetti.

Certo è ancora possibile sfruttare un nutrito numero di stage "consigliati" da Nintendo, creazioni della community Wii U a cui accedere tramite un apposito menu, ma ciò non basta a promuovere una struttura online compromessa in un aspetto fondamentale delle sue fondamenta. Non tutti i livelli creati su home console possono essere giocati su 3ds, a causa di alcune limitazioni imposte dall'hardware e dalle dimensioni delle opere più mastodontiche, eppure in generale la selezione operata dagli sviluppatori può dirsi vasta e variegata. Ma sussiste comunque il problema di trovarsi dinanzi ad un ecosistema virtuale limitato e confinato, completamente impermeabile alla creatività e al contributo della "nuova" community a cui si rivolge. Sia ben chiaro, i contenuti da giocare non mancano in Super Mario 3ds, ma i compromessi a cui questa versione si è dovuta prostrare restituiscono un forte senso di amaro in bocca, tradendo l'essenza stessa del titolo, i presupposti sui quali la grandezza del progetto è stata edificata. Riproporre su portatile con la massima fedeltà la complessità di un tool di creazione tanto affascinante, per poi sottrarvi le fondamentali finalità di condivisione, risulta un esercizio di stile piuttosto vano da parte della casa di Kyoto; una mancanza difficile da metabolizzare, che svilisce il valore dell'editor stesso. Per quanto ricca di spunti e contenuti inoltre, la selezione dei livelli consigliati rimane un contenitore gestito esclusivamente dal team di sviluppo, certamente più povero se paragonato all'offerta proposta su Wii U.

Super Mario Maker Super Mario Maker 3ds non è un porting affrettato, lanciato sul mercato per racimolare soldi facili. Gli sforzi compiuti dagli sviluppatori nipponici per assicurare al titolo un suo posto nella line-up 3ds sono tangibili, grazie ad una modalità single player finalmente corposa e stimolante, ad un tutorial puntuale e sempre divertente da consultare, e alla riproposizione fedele dell'editor più incredibile ed immediato di sempre. Ma è inutile girarci attorno: l'assenza di feature online vitali nell'economia della produzione pesa come un macigno, sottraendo al progetto una corposa dose di appeal. Un'occasione sprecata, anche perché approfittare di questo “secondo battesimo” di Super Mario Maker poteva divenire un'occasione preziosa per intervenire su alcune delle criticità già presenti nella sua controparte Wii U, implementando ad esempio un sistema di ricerca, categorizzazione ed indicizzazione dei vari stage (oggi limitato al solo livello di difficoltà). Nintendo ha invece preferito confinare ulteriormente il respiro della propria creatura, con risultati tutt'altro che disastrosi, ma certamente difficili da valutare con unanime entusiasmo. Ponderate l'acquisto di Super Mario Maker 3ds solo se la componente single player con le sue sfide e i suoi numerosi contenuti vi stuzzica, se avete un folto gruppo di amici con cui scambiare livelli, o se non possedete già la più completa versione Wii U.

7.3

Che voto dai a: Super Mario Maker

Media Voto Utenti
Voti totali: 14
9.3
nd