Recensione Super Ultra Dead Rising 3 Arcade Remix Hyper Edition EX Plus Alpha

Capcom travolge il suo free-roaming zombesco con un'ondata di follia e fan service

Versione analizzata: Xbox One
recensione Super Ultra Dead Rising 3 Arcade Remix Hyper Edition EX Plus Alpha
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox One
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Super Ultra Dead Rising 3 Arcade Remix Hyper Edition EX Plus Alpha è un DLC il cui senso è racchiuso interamente nelle esagerate proporzioni del suo nome. Esaltazione degli eccessi, autocelebrazione, fan-service: sono questi gli ingredienti del contenuto scaricabile con cui Capcom, dopo una prima stagione di Add-On decisamente fallimentari, tenta di ravvivare il free-roaming zombesco uscito in esclusiva su Xbox One.
Super Ultra Dead Rising 3 Arcade Remix Hyper Edition EX Plus Alpha (proveremmo ad abbreviarlo, ma l'acronimo sarebbe un'accozzaglia impronunciabile di caratteruzzi fitti fitti), è un indulgente tributo all'onorata carriera trentennale di una software house storica, con cui il già vorace impianto di gioco del terzo Dead Rising viene infarcito, ricomposto e riscritto.
Al di là delle ironiche esagerazioni con cui Capcom prende in giro sé stessa e la sua “mania” per le edizioni alternative, comunque, proprio al centro della titolazione ipertrofica se ne sta per davvero il titolo che spiega la filosofia di fondo del DLC: perchè di fatto, questa stravagante espansione, non è altro che una revisione arcade dell'action game sviluppato dallo studio di Vancouver.

Button Mashing

E allora, ecco come lo chiameremo: Dead Rising 3 Arcade Remix.
Avviato il contenuto scaricabile dal menù principale, veniamo subito gettati nella schermata di selezione del personaggio, qui organizzata come quella di uno dei recenti picchiaduro della software house. All'inizio possiamo scegliere quattro personaggi, tutti quanti estratti dagli episodi regolari di Dead Rising. C'è il titanico Frank West, con la fida macchina fotografica al seguito, e il più atletico Chuck Greene, accompagnati da Annie Green e dal nuovissimo Nick Ramos. Qui però non ci sono livelli del personaggio e abilità combinatorie con cui sviluppare il nostro eroe, ma solamente tre barre che indicano resistenza, valore d'attacco e potenza delle Super.
Scagliati in una delle quattro arene che rappresentano i quartieri principali della mappa di Dead Rising 3, si scopre infatti un gameplay molto meno raffinato rispetto a quello canonico. Le aree pullulano di Zombie, non ci sono armi da raccogliere e spezzare sulla capoccia dei non-morti, ed una invadente barra della vita alla maniera di un beat'em up troneggia sul margine superiore dello schermo. In men che non si dica ci si trova quindi a menare le mani, con l'arma principale a disposizione del nostro alter ego, concatenando attacchi rapidi, potenti e colpi rotanti. Fin da subito si capisce che Dead Rising 3 Arcade Remix incentiva e premia il button mashing più sfrenato, non solo galvanizzando l'utente con un tripudio di teste in frantumi, ma anche rimpinguando la barra della special, che può essere eseguita alla maniera di (Ultra Super Arcade?) Street Fighter IV, con tanto di piccola Cut-Scene introduttiva, preludio al grande massacro di colpi che segue immediatamente dopo.

Ecco: se non vi piace l'azione diretta, martellante e un po' ripetitiva di Musou, potete schivare agilmente Dead Rising 3 Arcade Remix, perchè qui è sostanzialmente questo, che troverete.
In buona sostanza affrontare i quattro stage di difficoltà crescente significa premere come forsennati i pulsanti d'attacco, cercando di portare a termine le quattro missioni che ci vengono assegnate (c'è anche una sorta di “bonus quest” per spezzare il ritmo). Alle volte si tratta di uccidere zombie più coriacei degli altri, altre invece dobbiamo far esplodere degli ordigni giganti a suon di mazzate, mentre quando ci va bene bisogna far fuori dei mini-boss più resistenti del solito. Ogni tanto -ma sono anche le parti peggio riuscite, considerando il modello di guida schizoide- dobbiamo recuperare dei veicoli e portarli ad un garage. Complessivamente però, anche con queste variazioni su tema, il tutto si riduce ad un turpe e monocorde massacro. Per fortuna che poi, disseminati nei livelli, ci sono miriadi di dettagli e citazioni che manderanno in visibilio i fan di Capcom. Alle volte si tratta di cartelloni pubblicitari su cui compaiono i personaggi di Devil May Cry, ma più spesso sono le icone in stile 8-bit che rappresentano improbabili Power-Up: nascosto nelle arene del DLC c'è un bel pezzo di storia del mondo videoludico, con roba che va da Megaman a 1942.
Per le prime ore di gioco, insomma, chi ha un po' di cultura videoludica si lascerà condurre per mano lungo il viale dei ricordi, ridendo scompostamente di fronte alle esagerazioni della software house, che inserisce fra i personaggi sbloccabili improbabili versioni di Frank West in Cosplay di Felicia, ed una bella serie di personaggi tratti da Street Fighter, da Dino Crysis (ridatecelo!) e Onimusha (anche questo!).

Cercare di portare a termine gli obiettivi che danno accesso a questi costumi alternativi (ed alle loro improbabili special) sarà uno stimolo sufficiente per restare qualche pomeriggio in compagnia di questo Dead Rising 3 in formato Arcade: un titolo che porta alle estreme conseguenze la filosofia disimpegnata che già stava alla base della produzione. Soprattutto se giocato in quattro, l'Arcade Remix riesce nel suo intento: quello di fa fare al giocatore una sincera abbuffata d'azione, di quelle che vanno benissimo per passare qualche ora a cervello spento. Da soli, l'improrogabile fase di stanca arriverà un po' prima, e non è detto che si riesca neppure a trovare la forza di sbloccare tutti i personaggi. Magari anche perchè la gestione tremenda delle collisioni ed il caos scomposto che spesso si crea negli stage ci avrà fatto fallire una missione a qualche secondo dalla fine, e ricominciare lo stage da capo è una prospettiva davvero improponibile.

Super Ultra Dead Rising 3 Arcade Remix Hyper Edition EX Plus Alpha (Super Ultra) Dead Rising 3 Arcade Remix (Hyper Edition EX Plus Alpha) è un DLC sicuramente più riuscito del “poker” che è andato a comporre le “Storie Segrete di Los Perdidos”. Qui, almeno, la carneficina di Zombie è sostenuta da un divertito fan-service ed un autocompiacimento tipicamente nipponico. Guarda caso proprio quello che manca alla serie da quando è passa in mano ad un team occidentale. Peccato che la varietà di missioni e di stage non sia sufficiente a tenere alto l'interesse del giocatore per più di qualche ora, perchè nei momenti in cui brilla -fra icone in pixel art e power-up usciti dai franchise più antichi di Capcom- l'add-on riesce davvero a rinfrescare una formula di gioco invecchiata abbastanza in fretta. Consigliato ai nostalgici, ai maniaci del co-op, o a chi vuole meravigliarsi per i colpi creativi di una Capcom che negli ultimi anni è stata davvero irriconoscibile.

7

Altri contenuti per Super Ultra Dead Rising 3 Arcade Remix Hyper Edition EX Plus Alpha