Resident Evil 7 Biohazard Adesso online

Horror Night in compagnia del nuovo survival horror Capcom

Recensione Type:Rider

La vivace scena indie ci presenta un platform dalle meccaniche inedite e dallo stile meraviglioso

Versione analizzata: PC
recensione Type:Rider
INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPhone
  • iPad
  • Pc
Alessandro Mazzega Alessandro Mazzega prende confidenza fin da tenera età con pad e tastiera e si appassiona rapidamente al mondo dei videogiochi, lavorando come giornalista sulle principali realtà online e occupandosi di sviluppo, attualmente in Forge Reply. Bassista fallito, ha ormai venduto lo strumento per passare dietro al microfono, sia per cantare che per condurre il podcast Gaming Effect. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Il mondo dei videogiochi da tempo si è espanso in direzioni del tutto inedite, andando ad offrire prodotti che non sono dedicati al solo intrattenimento ma hanno anche lo scopo di informare, pubblicizzare un prodotto, mettere alla prova le nozioni acquisite con lo studio o la pratica.
Si tratta dei serious games, titoli nati con scopi differenti che tentano di utilizzare le meccaniche e le dinamiche dei videogiochi per raggiungere obiettivi ben specifici.
Difficilmente però un videogioco nato in questo modo riesce anche a divertire veramente, in quanto la necessità di insegnare qualcosa o sponsorizzare un marchio non si sposa facilmente con tipologie davvero interessanti o coinvolgenti di gameplay.
Type:Rider rappresenta in questo senso un'anomalia: un videogioco basato sulla tipografia, argomento di per sé decisamente di nicchia, che riesce ad appassionare grazie ad alcuni guizzi creativi di assoluto valore.

Un tema inedito

Già dal sottotitolo si può intuire che Type:Rider non è un titolo come tanti altri: la sua struttura platform viene infatti messa in dubbio dallo slogan "A Typographical Odissey", in grado di accendere da subito la curiosità.
Come fa un titolo che si basa sulla storia della tipografia ad essere vario e divertente?
La soluzione è rappresentata da un mix tra meccaniche di gioco classiche, stile inusuale e schede informative che raccontano l'evoluzione della scrittura dal periodo in cui l'uomo viveva nelle caverne fino al presente, in un viaggio inedito per quanto riguarda il mondo dei videogiochi.
Dal punto di vista prettamente ludico Type:Rider è un platform con protagonisti due punti tipografici.
L'idea di utilizzare proprio due punti ha uno scopo duplice: introdurre il giocatore alla tematica della tipografia e proporre una variante sul tema delle piattaforme, grazie alla struttura fisica particolare dei protagonisti.
I punti sono infatti legati da una giunzione invisibile ed elastica, che permette loro di muoversi in maniera sincronizzata ma con un moto molto particolare e praticamente inedito per quanto riguarda i platform: ogni punto può rotolare in maniera indipendente quando a contatto con una superficie ma quando uno dei due si blocca, l'altro tenderà a ruotare per superarlo, creando andamenti imprevedibili da imparare a gestire per superare i vari ostacoli presenti nei livelli.Proprio i livelli sono il piatto forte dell'intera produzione: il level design di Type:Rider tocca vette di genialità assoluta, in quanto ogni serie di stage è ispirato ad un font specifico, tra quelli che hanno fatto la storia della tipografia. Dopo un semplice tutorial ai tempi dell'uomo preistorico si potrà attraversare il periodo dello stile Gotico, per poi arrivare al Garamond e al Didot. Ogni momento storico è quindi caratterizzato da sfondi a tema ma la vera particolarità è che gli elementi che compongono gli stage sono i caratteri scritti con quel font e disposti per creare soluzioni sempre brillanti ed innovative. Anche se i punti tipografici si possono solamente muovere e far saltare, la genialità del level design permette a Type:Rider di soddisfare sin dai primi livelli, in un crescendo che ci accompagnerà fino ad un'ambientazione informatica assolutamente folle nella sezione bonus posta alla fine del gioco.Struttura dei livelli a parte, agli sfondi e alcune sezioni specifiche sono strettamente legate le informazioni che vengono proposte di volta in volta avanzando nel percorso narrativo e temporale offerto da Type:Rider: asterischi opportunamente collocati sbloccano schede che narrano la storia della tipografia, svelando il passato di figure importanti come Gutenberg, vero inventore della stampa a caratteri mobili che ha rivoluzionato il modo di riprodurre e diffondere libri e documenti. L'inventore e tipografo tedesco è però solo una delle figure storiche che compaiono nel corso dell'avventura, ed avanzando nei livelli si verrà piacevolmente intrattenuti con una lezione di storia tutt'altro che pesante e noiosa, data soprattutto la sua perfetta contestualizzazione all'interno dell'economia di gioco. In ogni caso la lettura delle schede è opzionale e chi cerca solamente il piacere di un platform inedito e particolarissimo potrà proseguire ignorando le nozioni storiche, e recuperandole magari tutte in una volta dopo aver visto i titoli di coda.


Type:Rider Type:Rider ha un duplice pregio: riesce a miscelare in maniera sapiente divertimento e cultura, reinventando nel contempo una formula ormai così affermata come quella dei platform, grazie a poche ma valide varianti. Lo stile è incredibilmente accattivante: ogni livello ha una sua impronta caratteristica strettamente legata al periodo storico che racconta, capace di donare grandissima varietà e reggere una formula di gioco tutto sommato semplice per l'intera durata dell'avventura. Elementi più classici come le lettere collezionabili di ogni set di caratteri rappresentano la ciliegina sulla torta per un platform inedito, che perde qualche punto solo per una struttura poco chiara dei menu e alcuni piccolissimi problemi nei controlli, molto ben implementati su PC grazie al supporto del gamepad Xbox 360 ma un po' meno precisi per quanto riguarda le versioni mobile. Un piccolo gioiello indie, che supera i confini del videogioco classico per proporre una formula del tutto nuova, in grado di unire cultura e divertimento in un pacchetto originale, riuscito e rifinito praticamente in ogni dettaglio.

9

Che voto dai a: Type:Rider

Media Voto Utenti
Voti totali: 5
8.6
nd