Recensione WarioWare D.I.Y.

Wario si è stufato di creare minigiochi, ora tocca a te portare avanti l'azienda!

Versione analizzata: Nintendo DS
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • DS
Adriano Della Corte Adriano Della Corte Da quando ha ricevuto in regalo il suo primo Gameboy all'età di 5 anni, non ha mai smesso di giocare. Grande appassionato di platform e di epiche avventure. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

I titoli che offrono contenuti ludici generati direttamente dai giocatori hanno trovato in questa generazione terreno fertile. Moltissimi i prodotti che offrono l'opportunità di dare vita alle proprie idee, utilizzando strumenti inclusi nei software e quasi sempre semplici e intuitivi.
Il fascino di diventare un game designer fa di sicuro colpo su una larga fascia di utenza che ha sempre lavorato con la fantasia.
Anche Nintendo sta puntando su questo mercato, ed ha scelto WarioWare come perfetta occasione per unire creatività e divertimento in un unico software. Il franchise creato da Intelligent System ben si adatta al contesto creativo in questione, garantendo l'opportunità di creare i propri personali minigiochi.

WarioWare D.I.Y., a differenza degli altri titoli della serie, si incentra maggiormente sui contenuti creati direttamente dagli utenti. Ma prima di toccare il cuore del titolo, ovvero la parte degli editor di gioco, è bene chiarire che il software offre comunque l'opportunità di gustarsi i pazzi minigiochi creati da Intelligent System, curatori della serie fin dal primo titolo per Gampboy Advance.
Una volta avviata la scheda di gioco infatti potremo visitare Emporio, dove, su numerosi scaffali, saranno raccolti tutti i minigiochi che troveremo o creeremo durante la nostra carriera di game designer. Nella sezione "Frullagiochi" potremo scegliere di giocare le manche dei personaggi classici della serie WarioWare per un totale di 90 minigames (tutti rigorosamente creati con l'editor messo a nostra disposizione), oppure optare per le nostre raccolte, suddivise in cinque scaffali, che potranno ospitare altre 90 minuterie ludiche personali.
L'Emporio Warioware, oltre ai minigiochi, offrirà anche la possibilità di sfogliare piccoli fumetti formati da 4 pagine, e ascoltare brani musicali. Anche queste due sezioni saranno divise in raccolte offerteci da Nintendo, e spazi adibiti a contenere le nostre personali creazioni.

Le tappe del processo creativo

I minigiochi di WarioWare D.I.Y. si suddividono in 3 componenti principali: una parte grafica, che raccoglie la creazione dello sfondo di gioco e degli elementi che comporranno gli oggetti con cui interagire; un motivo musicale e il "Montaggio IA", ovvero l'elenco di tutte le regole fondamentali per l'esecuzione corretta del nostro minigioco.
Entrati nello "Studio" potremo lavorare con il Super Compomatic 21, che ci permetterà di creare fino a due minigiochi contemporaneamente.
Il menù per ogni progetto si dividerà nelle tre aree editor sopra descritte, e potremo entrare e modificare ogni parte del nostro a piacimento.Editor GraficoL'editor grafico ci sarà indispensabile per creare lo sfondo e gli elementi scenici della nostra produzione. Lo strumento grafico, una forma rivisitata di quello utilizzato in Mario Paint, ci permetterà di disegnare attraverso l'uso del touch screen. Potremo sfruttare la tavolozza colori e dei pattern geometrici disposti nella barra alta dello schermo, in aggiunta a strumenti come pennarelli di diversa dimensione, aerografi, pennelli. . Dopo la creazione dello sfondo potremo passare alla creazione degli oggetti. Un oggetto è costituito 4 "fasi", ovvero 4 fogli su cui potremo disegnare diversi stati di quel determinato elemento. Ogni fase è a sua volta costituito da 4 celle, i frames con cui potremo creare l'animazione grafica.

L'utilizzo dell'editor grafico è abbastanza semplice ed intuitivo. Strumenti addizionali, per importare disegni da altri minigiochi, ricalcare frames già creati, selezionare parti del disegno per copiarle o spostarle e e annullare i nostri errori, renderanno il nostro compito più semplice. Dobbiamo costatare però una carenza nella scelta dei colori a nostra disposizione: l'editor, sebbene fornisca numerosi elementi grafici già disegnati, presenti nello strumento "timbri", e la possibilità di creare nuovi pattern, offre solo 14 colori base per dipingere i nostri disegni. La scelta cromatica non ampia purtroppo limita abbastanza la creatività del giocatore, che deve accontentarsi di varianti "sporche", ovvero colori punteggiati di nero, per creare ad esempio tonalità più scure.Editor MusicaNel comporre le musiche da riprodurre nel nostro minigioco, D.I.Y. offre 4 tracce melodiche ed una ritmica, divise ciascuna in 2 fasi principali. Con l'utilizzo del touch screen, potremo inserire le note a seconda della tonalità desiderata. Il titolo ci offrirà una vasta gamma di strumenti musicali, suddivisi in diversi set. Anche qui un numero corposo di strumenti ci darà la possibilità di comporre in semplicità, grazie alla possibilità di impostare il volume ed il bilanciamento di ogni traccia, copiare e spostare le note in gruppo. Sfruttando il microfono della console inoltre potremo - invece di inserire manualmente le note - canticchiare il nostro motivo, ed il software tradurrà i suoni registrati nello spartito. Per i gli utenti pigri invece, lo strumento "maestro" creerà in maniera casuale un motivo, ma potremo addirittura avanzargli delle richieste in base al tempo e al "mood" che vorremo dare al nostro jingle.Editor IALa  creazione e la modifica dell'intelligenza artificiale è la struttura portante di tutto il minigioco, poichè ha l'importante ruolo di creare le dinamiche di gioco e le regole affinché le nostre azioni si tramutino nel superamento o meno della prova.WarioWare D.I.Y. utilizza un sistema di "causa/azione": ad ogni elemento creato, ci verrà chiesto di inserire stringhe di comando a seconda di come vorremo strutturare gli avvenimenti di gioco.Potremo ad esempio decidere di far muovere un oggetto se questo viene toccato dallo stilo, oppure che incominci a muoversi o ad animarsi in relazione all'urto con un altro oggetto, al tempo trascorso e così via. L'editor offre una moltitudine di scelte, date dalle numerose opzioni e dalla possibilità di aggiungere fino a 7 stringhe di comando per ogni oggetto, dove ognuna di esse potrà contenere a sua volte più cause ed effetti contemporaneamente. Un sistema di interruttori "On/Off" legato ad ogni oggetto poi ci aiuterà poi a gestire le regole per la vittoria e la sconfitta. potremo infatti decidere che il gioco sia vinto quando la leva di un certo elemento vada su "On", avvenimento che potrà accadere nel caso si verifichino determinate nostre azioni.Vista la complessità del sistema, ne consegue che i limiti nella creazione dei minigiochi siano praticamente legati solo dalla creatività e dall'ingegno del giocatore.Il sistema di modifica della IA però, benché sia abbastanza esplicativo, con menù che spiegano esaustivamente tutte le caratteristiche di ogni voce, risulta essere non proprio intuitivo, con la necessità da parte di chi di gioca di adottare un rigido schema logico nella creazione delle regole. La struttura adottata, benché risulti la più semplice possibile, risulta comunque abbastanza macchinosa, soprattutto se si vuole andare oltre gli schemi elementari di azione/risposta. Chi vorrà creare minigiochi interessanti ed originali, dovrà mettere in conto la necessità di spendere alcune ore tra i tutorial di gioco, e di studiare attentamente gli esempi già presenti nella scheda, per gestire senza andare di matto le strutture logiche più complesse.

Prima il dovere e poi il piacere

Prima di incominciare a giocare a WarioWare D.I.Y. mai come prima è indispensabile dare un'occhiata al libretto di istruzioni contenuto nella confezione: in ben 30 pagine delle 60 che lo costituiscono, vengono spiegate in maniera introduttiva tutte le caratteristiche degli editor.
Per apprendere la quantità immensa di strumenti e nozioni necessarie per esprimere al meglio la nostra creatività, è indispensabile però un approccio pratico, gentilmente offerto da un'intera area tutorial presente all'interno del gioco. La zona "Wario Ware Inc." da infatti la possibilità di familiarizzare con le regole ed i procedimenti necessari per la creazione di nostri personali minigiochi, con differenti strumenti d'apprendimento. Nell'area "Classe" potremo seguire le lezioni della figlia del Dr. Robotic, che ci spiegherà passo dopo passo come si costruisce un minigioco WarioWare, un Brano o un Fumetto; nel "Laboratorio" Wario ha lasciato incompiuti diversi suoi lavori, che potremo completare familiarizzando con l'editor grafico, mentre nella "Palestra Montaggio" ben 40 quiz ci metteranno alla prova per comprendere a pieno tutti i processi logici che potremo utilizzare per creare le regole di gioco.

I risultati delle nostre fatiche

Le possibilità offerte da WarioWare D.I.Y. sono decisamente numerose. I minigiochi che è possibile creare possono offrire varie dinamiche, che vanno dai semplici "tocca l'oggetto sullo schermo", a minigiochi che racchiudono soluzioni multiple e varianti, nel pieno stile della serie.
Quello che però manca è una serie di elementi che furono introdotti in WarioWare Touched!, il primo titolo della serie per Nintendo DS, che sfruttava a pieno tutte le caratteristiche del touch screen e del microfono della console.
In WarioWare D.I.Y. le uniche interazioni del giocatore saranno basate dal semplice tocco sullo schermo, con la totale assenza della possibilità di trascinare oggetti, o di usare i tasti della console come input di gioco.
I minigames risultano essere comunque fruibili e divertenti, ma chi ha amato Touched ben presto sentirà la mancanza di tutti quegli elementi che al tempo della release avevano aperto gli occhi degli utenti sulle possibilità che offriva la neo-console Nintendo.

Connettività

D.I.Y. offre un comparto online che sfrutta la Nintendo Wi-Fi Connection e la connessione Wireless per scambiare con altri utenti i minigichi, i fumetti e i brani creati con il software. Inoltre ogni settimana Nintendo, in un suo spazio personale raggiungibile da una voce del menù online, pubblicherà nuovi minigiochi, presenterà le creazioni di famosi game designer e istituirà dei concorsi ufficiali a tema. Gli utenti potranno così inviare i propri minigiochi, con la possibilità di ottenere la pubblicazione ufficiale delle proprie creazioni da parte di Nintendo, e renderele così disponibili a tutti gli altri giocatori.
Sebbene ci sia la possibilità di scambiare giochi con utenti vicini e lontani, la struttura online si dimostra affatto intuitiva e pratica. Dopo aver superato la prima barriera costituita dallo scambio reciproco dei propri codici amico, il software permette di depositare sui server un numero massimo di due minigiochi, due fumetti e due brani, che saranno messi a disposizione a tutti gli utenti con cui avremo condiviso il nostro codice amico. Ne consegue una limitatissima possibilità di scambio, aggravata dal fatto di dover rimanere in continuo contatto con gli altri utenti nel caso si vogliano scambiare più di due minigiochi alla volta.

WarioWare D.I.Y. Showcase

Con il rilascio del gioco, Nintendo ha pubblicato su Nintendo WiiWare WarioWare D.I.Y. Showcase, un software che, strutturato alla stessa maniera dell'emporio presente sulla scheda DS, permette di giocare alcuni minigiochi inediti raccolti in manche di nuovi personaggi della serie, ma soprattutto offre la possibilità di giocare i minigiochi creati sullo schermo della TV. Connettendo il Nintendo DS con il Wii è possibile traferire i giochi dalla console portatile a quella home: il tocco dello stilo sarà sostituito dal puntatore del telecomando Wii e dalla pressione del tasto A. Showcase inoltre contiene le stesse caratteristiche online della versione DS, con la possibilità di scaricare nuovi giochi offerti da Nintendo, e di scambiare le proprie creazioni con altri utenti presenti nella nostra rubrica Wii.

WarioWare D.I.Y. WarioWare D.I.Y. è un prodotto estremamente particolare, che offre un comparto ludico che esula in gran parte dall'offerta classica dei passati titoli della serie. D.I.Y., sebbene offra ancora minigiochi creati da Intelligent System, punta tutto sui contenuti creati direttamente dall'utente, con la maggior parte dell'esperienza ludica incentrata sull'utilizzo dei diversi editor proposti e sulla soddisfazione di vestire i panni di un vero game designer. La complessa impalcatura creativa, soprattutto per quel che riguarda la creazione delle regole per ogni minigioco, offre molteplici opportunità per rendere le nostre idee realtà, ma al tempo stesso limita il suo utilizzo solo ai giocatori armati di molta pazienza, desiderosi di apprendere i meccanismi di base, e capaci di non perdersi tra arzigogolati ragionamenti logici. Molto spesso dovremo scontrarci con la macchinosità del sistema, che rende assai difficoltosa la creazione delle dinamiche più complesse. Altro limite risulta il comparto online. Da un titolo che punta sugli User Generated Content, ci si aspetterebbe maggiore flessibilità nel poter condividere con tutti le proprie opere, cosa che risulta impossibile con D.I.Y., se non nel caso si abbiano amici nelle vicinanze in possesso del gioco. Un titolo che, rispetto ai trascorsi della serie, mantiene intatta la freschezza di gameplay, e che offre differti spunti ludici, ma che ha perso per strada gran parte dell'approccio user-frendly, elemento che ha reso memorabili i precedenti WarioWare.

6.9

media su 44 voti

Inserisci il tuo voto

  • 7.5