Recensione Western Heroes

Uno shooter in salsa western arriva su Nintendo Wii

Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Wii

L’arrivo di un light gun game su NintendoWii non è certamente evento inusuale. Le peculiarità del sistema di controllo ne hanno infatti favorito la proliferazione già durante le prime fasi di vita della console, prima ondata di un flusso che piano piano si è ridotto in portata ma non si è mai del tutto esaurito, con uscite di certo superiori rispetto alle altre console. Si è trattato in parti uguali di titoli nuovi e di riedizioni di vecchie glorie arcade del passato, ma c’è da evidenziare come il livello qualitativo sia stato non troppo elevato, salvo poche produzioni (su tutte l’imprescindibile The House of the Dead: OVERKILL).
L’ultimo arrivato tra gli FPS su binari per la console Nintendo è questo Western Heroes, sviluppato da Neko Entertainment per BigBen Interactive, che s’installa all’interno della schiera di titoli pensati e realizzati per un pubblico assai giovane.

Noie nel vecchio West

Il gioco è ambientato nel 1878, nel pieno dell’era delle colt e dei cercatori d’oro, dei cowboy e degli indiani; l’ambientazione storica non è però riprodotta in maniera realistica, visto il target del gioco, ma con un forte gusto cartoon, che prende spunto dallo steampunk per offrirci un mondo di gioco colorato e vivo ma contaminato dalle sbuffanti invenzioni in acciaio del professor Molina, il cattivo di turno con il classico piano di conquista in mente. Il più classico dei clichè vede schierati contro di lui quattro eroi: il cowboy Jake, il soldato nero Jake, la bella e latina Chava ed il possente indiano Qatelaga, nel pieno trionfo del politically correct.
Una tale disponibilità potrebbe far pensare a quattro diversi modi per affrontare l’azione, visto soprattutto il diverso armamentario a disposizione dei personaggi, ma purtroppo così non è, e le differenze nell’arma imbracciata non hanno alcuna ripercussione sul gameplay, uguale quindi in maniera indipendente rispetto all’eroe scelto e quindi niente affatto vario, dato che la modifica di alcune caratteristiche dello sparo a seconda del personaggio scelto avrebbe offerto assai più possibilità in ambito ludico. Questo è un difetto che si fa sentire, ma è secondario rispetto all’impianto di gioco generale, che non brilla certo per realizzazione ed originalità. Western Heroes è un gioco su binari estremamente classico, in cui la progressione tra le varie schermate passa per il meccanico abbattimento della folta schiera di nemici direttici contro in ogni modo: a cavallo, a bordo di diligenze, su diabolici congegni terrestri ed aerei. La buona varietà dei nemici, diversificati per resistenza ed armamento, è certamente punto positivo da segnare, ma non basta a sollevare un gameplay estremamente ripetitivo e banale, che vede praticamente nessuna variazione rispetto allo sparare su schermo ai banditi; è vero che in ogni missione c’è un obiettivo bonus da raggiungere, ma questo spesso è solo la distruzione di un macchinario o di un edificio, attuabile in un attimo semplicemente sparando a quattro, cinque punti deboli messi ben in evidenza. Niente di particolarmente difficile ed elaborato quindi, e la difficoltà irrisoria del titolo è un altro dei suoi difetti, dato che tra strade polverose, affollati saloon, villaggi indiani e deserti sconfinati anche il giocatore meno smaliziato avrà compito facile nel coprire l’ora e mezza che compone l’avventura principale, ed è un peccato, perché comunque se del buono è presente nella produzione Neko Entertainment questo sta nel discreto ritmo di gioco, con nemici che escono da ogni parte ed in ogni modo.
Se la sostanza è poca, il contorno non rende di certo il piatto più gustoso. Sorvolando sull’inesistente trama e sulla caratterizzazione pari a zero dei personaggi, dal punto di vista squisitamente tecnico offre un quadro non disprezzabile nel suo insieme, ma che testimonia evidenti pecche se analizzato in maniera appena più approfondita. Il cel shading che copre i modelli dei personaggi e degli elementi dell’ambientazione è tutto sommato apprezzabile, vista la tinta cartoon del gioco; ma modelli e texture testimoniano comunque una certa pochezza qualitativa, ulteriormente testimoniata dalla quasi assenza di effetti di luce ed ombre. Simile il discorso per quanto riguarda il comparto audio, che ha in una colonna sonora sufficiente il suo punto di forza, e nella scarsità di effetti sonori di rilievo il mediocre standard.

Western Heroes Western Heroes è un titolo consigliabile solo ad un’utenza giovane e totalmente smaliziata nei confronti del genere. Il gameplay fallisce nel presentare elementi di vera qualità, ed è affossato da scelte frettolose e sintomatiche di poca cura, stesse sensazioni deducibili dal comparto tecnico. Trascurabile.

5

Che voto dai a: Western Heroes

Media Voto Utenti
Voti totali: 21
4.9
nd