Q&A Domande e Risposte Oggi alle ore 16:00

Rispondiamo in diretta a tutte le vostre domande e curiosità

Recensione Zombie Smash

Un castle defence decisamente macabro

Versione analizzata: iPhone
recensione Zombie Smash
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • iPhone

Immaginate, per motivi scolastici o lavorativi, di dovervi quotidianamente sottoporre ad estenuanti ore di viaggi cittadini, immersi nella ripetitività di una metropolitana o tra i semafori ai quali deve obbedire un autobus, con un costante e fastidioso senso di noia. Per fortuna il vostro iPhone è lì, proprio nella tasca dei jeans, e attende di essere usato secondo una delle tante funzioni per cui è stato progettato, quella dell’intrattenimento videoludico. E fra gli innumerevoli generi di cui può farsi vanto il catalogo digitale di Apple, il settore dei castle defense è sicuramente quello che più volentieri si piega alle caratteristiche di una partita “mordi e fuggi”, senza alcun bisogno di trame o sceneggiature particolari, catapultando fin da subito il giocatore nel bel mezzo dell’azione.

Oggi vi parliamo di Zombie Smash, uno dei numerosi giochi a carattere pseudo-horror in cui l’obiettivo principale è far fuori sciami di famelici zombie senza pietà pronti ad attaccare casa nostra.

Zombie per tutti i Gusti

Come già detto, lo scopo principale del gioco è quello di impedire agli zombie di raggiungere una determinata zona (il nostro “castle”), avvalendoci dei più disparati tipi di poteri. Così come succedeva in Babel Rising o in altri prodotti del genere, anche qui le nostre dita avranno il fondamentale compito di costruire le offensive con le quali fermare i non-morti, partendo da semplici tocchi o drag and drop con i quali sballottare qua e la i nostri nemici, fino ad arrivare ad attacchi più consistenti come mine antizombie o piogge di fuoco. Una volta sconfitto uno zombie bisognerà toccare la stella fuoriuscente per guadagnare punti da investire nell’acquisto/upgrade di armi o poteri.
La modalità principale di gioco, la Campagna, si articola per un totale di 31 giorni, garantendo quindi una discreta longevità totale, supportata peraltro da una notevole varietà di nemici o armi da usare contro di essi. Gradevole l’Endless Siege, modalità in cui - come intuibile dal nome - ci troveremo a combattere i nostri limiti di resistenza contro numerosi zombie che non smetteranno mai di apparire dai lati della scena. L’opzione Sandbox, invece, consiste semplicemente in un allenamento libero in cui testare le nostre abilità offensive.
Il sistema di controllo, come già accennato e come ci si aspetta da un’interfaccia come quella di iPhone, è delegato esclusivamente alle dita del giocatore: “cliccando” su uno zombie lo si stordirà, mentre trascinandolo e lanciandolo con forza gli si potrà affidare un destino più spiacevole. I vari poteri e le armi da usare nel corso del gioco saranno attivabili da apposite icone presenti in alto a sinistra, andando a chiudere un control scheme semplice ma comodo, riuscito e mai stancante. E poi, far esplodere decine di zombie con una pioggia di meteoriti è dannatamente divertente.
Unico difetto imputabile al titolo è quello riguardante la rigiocabilità: nonostante una formula azzeccata ed un divertimento ad alti livelli, alla conclusione della campagna principale avrete ben pochi stimoli per cominciarne un’altra (basterà sbloccare un livello di difficoltà maggiore?), e lo stesso potrebbe dirsi per l’Endless Siege, da provare massimo un paio di volte prima che venga a noia.

Sangue ed esplosioni

Zombie Smash, come prevedibile da un titolo del genere, più che sfruttare al massimo le caratteristiche hardware del melafonino, punta a garantire una resa visiva piuttosto semplice ma funzionale alla formula di gioco. Lo sfondo - la casa da difendere - è costituito da un’immagine fissa, soggetta solo a cambi di inquadratura parallela al cambio della direzione di attacco degli zombie. I loro modelli poligonali, poi, sono ben caratterizzati ed animati in modo altrettanto riuscito, ostentando cadute realistiche ed un motore fisico (durante i “lanci”) notevole. Buona la varietà dei modelli e degli effetti speciali conseguenti ai poteri.
Giudizio positivo anche per quanto concerne il lato audio del gioco: i temi di sottofondo, costantemente in crescendo, sono sempre gradevoli e mai invasivi, così come i lamenti ed i vari versetti dei malcapitati su cui opereremo ogni genere di tortura.

Zombie Smash Vuoi per la comodità dei controlli, vuoi per la particolare formula di gioco, il genere dei castle defence è uno dei più presenti su iPhone, anche a causa della stessa natura portatile del device Apple. Zombie Smash è perfetto per una partita veloce ovunque vi troviate: uccidere innumerevoli branchi di non-morti non è mai stato così divertente, peccato solo per l’esiguo numero di modalità e di conseguenza l’assenza di veri sproni a riprendere in mano il gioco, una volta completato. In ogni caso, consigliato a chiunque.

7.5

Che voto dai a: Zombie Smash

Media Voto Utenti
Voti totali: 40
6.6
nd