Rubrica Gioco del Mese - Febbraio

I migliori giochi alle porte della Primavera

rubrica Gioco del Mese - Febbraio
Articolo a cura di

Febbraio, per quanto riguarda il quantitativo delle uscite videoludiche, si scosta leggermente dai due mesi che lo hanno preceduto, lasciando spazio ad un più ampio spettro d'uscite che pian piano prepareranno il terreno ai caldissimi mesi primaverili.
Tra le uscite di valore, questo mese, il Game of The Month era tutt'altro che scontato. Leggendo, infatti, avrete più di qualche sorpresa.

Runner Up

Sono molti i titoli agguerriti che sono arrivati vicinissimi a vincere il titolo. Uno fra quelli che ha sfiorato il risultato è di certo Killzone 3. Il nuovo First Person Shooter di Guerrilla supera d'un colpo le conquiste del suo predecessore, proponendo finalmente una campagna varia e articolata, ravvivata da una serie di situazioni davvero esagerate. Non mancano, in Killzone 3, moltissimi momenti accesi e del tutto memorabili, mentre il ritmo di gioco viene costantemente variegato da sequenze al cardiopalma. Fra le eccellenze di Killzone 3 troviamo anche un profilo grafico incredibile, nonchè la solita, distorta artisticità. Il multiplayer resta uno dei migliori su Playstation3. Tuttavia, non è facile considerare Killzone 3 un titolo davvero universale: il suo gameplay molto particolare, ancora caratterizzato da ritmi non serrati e da una mobilità incerta, potrebbe non piacere a tutti. Inoltre qualche leggerezza nella regia e nella caratterizzazione dei personaggi resta evidente. Per questi motivi, il nuovo FPS Guerrilla sfiora il titolo di Game of The Month.

Il nostro secondo Runner Up è un altro First Person Shooter. Si tratta del frenetico Bulletstorm, sviluppato da Epic e People Can Fly. Il gameplay interamente basato sulle Skillshot riesce a ravvivare non poco una progressione comunque molto lineare. Si tratta infatti di uccisioni particolari, creative o estremamente violente, da realizzare sfruttando l'ambiente circostante o le strane abilità dell'armamentario del protagonista (che include un robusto paio di stivali in grado di rallentare gli avversari, facendoli fluttuare in aria per qualche secondo). L'avanzamento è sempre vivace e ritmato, per un titolo che si avvicina agli shooter d'un tempo: una vera manna dal cielo per chi ha amato Quake e Painkiller. Per quanto riguarda il comparto narrativo, Bulletstorm non propone davvero niente di interessante, anche se riesce a salvarsi grazie ad un'ironia dissacrante e cattiva, che permea tutti i dialoghi dei personaggi. Il fatto che il titolo sia realizzato sfruttando l'ormai abusato Unreal Engine spunta le armi del comparto grafico, e insieme alla linearità ed agli inciampi narrativi, questi difetti riducono forse l'impatto del titolo.

Dopo qualche mese dal rilascio in terra d'America, arriva sui nostri scaffali la nuova avventura di Kirby. Il titolo è davvero molto particolare: impossibile non rimanere incantato dallo stile grafico, stupendo in ogni minimo dettaglio, e dall’atmosfera gioiosa, sottolineata dalle eccezionali musiche. Purtroppo, a livello ludico, non manca qualche nota fuori posto, come una difficoltà inizialmente molto bassa, che potrebbe portare un certo livello di insoddisfazione. Il vero punto di forza del gioco, più che un gameplay da Platform game complesso e stratificato (a cui i vecchi Kirby ci avevano abituato), è la sua resa estetica e lo stile inconfondibile che, obbligatoriamente, verrà messo a confronto con quello dello storico Yoshi’s Island.
Un gioco leggero, da assaporare con gli occhi di un bambino, ed una buona esclusiva per Nintendo Wii.

E' difficile vedere un remake nell'elenco dei Runner Up per il Game of The Month, ma il nuovo Tactics Ogre: Let Us Cling Together merita senza ombra di dubbio una menzione. Perchè la softco giapponese non si è limitata ad aggiungere qualche classe, missione aggiuntiva ed un divertente multiplayer: la creatura di Matsuno è stata restaurata e reinterpretata per l’era moderna, è stata espansa non solo a livello meramente contenutistico, ma anche a livello infrastrutturale. La sua nuova ossatura si sposa alla perfezione con la sua essenza portatile e propone anche numerose idee
che d’ora in avanti il genere dovrebbe sempre tenere in considerazione. Tactics Ogre: Let us cling together non è quindi l’autocelebrazione di un classico: è il ritorno di titolo immortale che con rinnovata grazia e potenza è in grado di ammaliare i fan del genere.

L'ultimo Runner Up per il titolo di GOTM è ovviamente Fight Night Champion. Il Boxistico di EA, seppur non raggiungendo le vette dei primi capitoli Next Gen, riesce a farsi apprezzare dagli amanti degli sportivi. Il gameplay è stato forse un po' banalizzato, di sicuro reso più accessibile e meno tecnico. Ma lo spirito della simulazione non si perde, nonostante qualche stortura a livello di collisioni. Le caratteristiche più importanti del prodotto sono comunque la presenza di una buona modalità online, della carriera classica, e di un nuovo Story mode che, mescolando i tratti narrativi di Rocky e Huriccane, riesce ad incuriosire ulteriormente il videoplayer.

Digital Delivery

Per quel che riguarda il mercato del Digital Delivery, segnaliamo due uscite davvero interessanti, che non possono mancare nelle collezioni digitali dei possessori di Nintendo Ds e Console HD.

Per il doppio schermi Nintendo è disponibile Shantae: risky's Revenge: un platform vecchio stile caratterizzato da un comparto grafico delizioso e da una discreta varietà. Backtracking ben dosato ed un level design eccezionale, nonché un'anima “action” molto movimentata, bastano per rendere questa minuteria un grande esponente della categoria.
Su XBLA e PSN arriva invece il nuovo lavoro di Double Fine e Tim Schafer. Stiamo parlando di Stacking, un'insolita avventura che si diverte ad esplorare nuove vie videoludiche. Giocato tutta sul controllo delle matrioske che popolano il mondo di Stacking, il titolo ci chiede di utilizzare le varie abilità dei personaggi per risolvere semplici enigmi. Splendido è lo stile artistico, che agli intermezzi modellati sull'esempio dei film muti, aggiunge una caratterizzazione dei personaggi dettagliata e sottile. Davvero imperdibile.

GAME OF THE MONTH

Forse è un vincitore non del tutto atteso, ma il Gioco del Mese i questo Febbraio, per Everyeye, è Marvel vs Capcom 3: Fate of Two Worlds. Il nuovo picchiaduro bidimensionale è una vera e propria pietra miliare per il genere d'appartenenza. Il titolo è accessibile e facilmente metabolizzabile anche dai neofiti, ma a livello di profondità e varietà non si fa mancare davvero nulla, fra Cancel, Reversal e Advanced Guard, che si mescolano con un sistema di Juggle multiple che può essere la chiave della vittoria di molti scontri. Tempismo e strategia sono indispensabili per avere la meglio sugli avversari. Il roster, nonostante manchi di “memoria storica” per accogliere i personaggi delle produzioni Capcom più recenti, è variegato quanto mai, ed ogni personaggio è caratterizzato al meglio. Il set di modalità è molto classico, ma basta l'online per rendere la produzione estremamente longeva. A tutto, si aggiunge un comparto tecnico che è un'esplosione esagerata di luci e colori, fra arene ricchissime di dettagli e animazioni perfette. Un titolo assolutamente imperdibile, meno elitario dell'ultimo Street Fighter, e dai ritmi assolutamente più serrati. Un picchiaduro che, senza ombra di dubbio, entrerà nella storia.