Rubrica Gioco del Mese - Gennaio 2010

Un gennaio abbastanza ricco, e un vincitore eccelso

rubrica Gioco del Mese - Gennaio 2010
Articolo a cura di

Diversamente da quanto accadde lo scorso anno, questo Gennaio ci ha riservato inattese soddisfazioni videoludiche. Sul mercato si sono affacciati titoli di assoluto rilievo, tanto che sulle nostre pagine si è visto addirittura un Perfect Score (decisamente meritato, come vedremo entro breve). Vediamo insieme quali sono i runner up per il premio di gioco del mese e decretiamo il pur ovvio vincitore.

Runner Up

Nonostante le polemiche riguardo ai problemi d'ottimizzazione della versione Playstation 3, Bayonetta ha saputo conquistare gli amanti dell'action game, dimostrandosi un prodotto assolutamente irrinunciabile per gli appassionati del genere. Il titolo diretto dal visionario Kamiya (già creatore del primo, indimenticabile Devil May Cry) è un concentrato di stile e varietà, e delinea un profilo ludico davvero esplosivo. Ben più cattivo dell'ultimo Ninja Gaiden, decisamente più tecnico rispetto ad un qualsiasi God of War, richiede una dedizione enorme, e regala soddisfazioni nel momento in cui appare una fonte inesauribile di stimoli, di combo, di armi. L'esagerazione è la sua cifra stilistica, per un progetto che sa stupire fino alla fine, dimostrando di non avere freni inibitori.

Un altro Action Game ha solcato i lidi del mercato. Si tratta di Darksiders, sviluppato da Vigil Game sotto l'ala di THQ. Il titolo, nonostante qualche difetto a livello artistico e tecnico, ha saputo irretirci come non mai. A dispetto di una prima parte decisamente sottotono, l'avventura di Guerra va componendosi poco a poco, pezzo per pezzo. E mentre persino il sistema di combattimento (sebbene non profondissimo) rivela molte soddisfazioni, Darksiders eccelle nelle fasi esplorative, riuscendo a ricordarci i capolavori immortali del genere Adventure, su tutti Legacy of Kain. Puzzle ambientali ricchi e vari, una progressione capace di incuriosire, ed un finale indimenticabile sono i punti di forza di questa produzione.


Arrivato con colpevole ritardo rispetto all'edizione Giapponese, Tatsunoko Vs. Capcom si fa perdonare dagli utenti europei (che lo accolgono con il suffisso Ultimate All Stars) grazie ad una serie di revisioni dal valore insindacabile. L'aggiunta di nuovi personaggi e arene fa il paio con l'inserimento di una graditissima modalità online. Ma quello che resta è il sottofondo splendido e coinvolgente di un Bet'em Up bidimensionale come non se vedevano da un po', capace di far leva, oltre che sul gameplay intelligentemente modellato su varie configurazioni di comandi, anche sull'effetto nostalgia.

Segnaliamo, prima di passare a decretare il vincitore, l'arrivo su WiiWare di Max & The Magic Marker, l'unico prodotto “classificato” per il mercato del Digital Delivery. Il titolo, disponibile anche su PC, è uno di quei puzzle lucubrativi che mette la fantasia e la creatività al centro della scena, assolutamente da provare.

Gioco del Mese

Il vincitore del gioco del Mese per questo Gennaio è senza dubbio Mass Effect 2. Il titolo Bioware spazza via d'un colpo tutte le (traballanti) conquiste di Dragon Age, dimostrandosi impeccabile anzitutto sotto il profilo ruolistico e avventuroso. Il viaggio del nuovo Sheppard è di quelli indelebili, fatto di luoghi curiosi e di personalità. Mentre si avanza in un universo ostile ricreato alla perfezione, si imparano a conoscere i membri del team, le loro storie, vivendo un'avventura lunga e straripante di grandi protagonisti. Anche il profilo ludico di Mass Effect 2 è decisamente ben costruito, e riesce a mescolare con successo l'impostazione tipica dei Third Person Shooter di questa generazione con una struttura ruolistica semplice nelle basi, ma capace di assicurare una discreta varietà. Impeccabile, senza mezzi termini.