Dishonored: Morte dell'Esterno Oggi alle ore 17:00

Giochiamo in diretta con Salt & Sanctuary!

Rubrica Gioco del Mese - Giugno 2012

Un mese di stanca videoludica

rubrica Gioco del Mese - Giugno 2012
Articolo a cura di
Andrea Vanon Andrea Vanon è appassionato di videogiochi sin dal 1995, quando passava le giornate tra SNES e Game Gear. Da sei anni tra le "penne" e le "voci" di Everyeye.it fagocita qualsiasi produzione con curiosità, mantenendo un’incrollabile fedeltà verso gli sportivi "made in U.S.A.". Lo potete seguire su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Il primo mese dell'estate, come capita quasi ogni anno, è stato piuttosto avaro in termini di uscite di valore. La concomitanza con l'Electronic Entertainment Expo di Los Angeles non ha certo aiutato e con publisher e dev team in frenetica preparazione per l'evento già nei mesi precedenti, è stato inevitabile scontrarsi con il primo verso mese di calma dall'inizio del 2012. Ma Giugno è stato -ve lo anticipiamo subito- solo un preludio a quanto aspetterà i videogiocatori da qui a Settembre/Ottobre, mesi veramente caldi per quel che riguarda le uscite interessanti. Un'estate che si presenta più soporifera del solito ma che ha visto comunque (almeno per il momento) Everyeye.it intenta a scandagliare i meandri del mercato ed offrirvi piena e puntuale copertura per le poche uscite almeno interessanti. Ecco dunque che, nonostante la calma quasi piatta, anche questo mese siamo in grado di eleggere il Game of the Month. A scontrarsi una manciata di titoli, da contare sulle dita di una sola mano. Le regole rimangono tuttavia sempre le stesse - ed il vincitore soltanto uno.

Runner Up

Il primo Runner Up di questo mese è Spec Ops: The Line, un titolo che ha saputo impressionarci posivitamente nonostante uno sviluppo travagliato. Il prodotto in origine avrebbe dovuto comportarsi alla stregua di Fracture e permetterci di sfruttare l'invasione della sabbia per colpire i nemici, aprendo voragini negli edifici sommersi per far entrare prepotentemente l'elemento. Problematiche di varia natura hanno in seguito costretto il team ad instillare l'avventura su binari ben più lineare ed a limitare la libertà del giocatore, trasformando così The Line in uno shooter ben più canonico. I timori per un'opera malriuscita erano dunque forti, ma si sono dissipati in pochi istanti di gioco - quelli che bastano per accorgersi che quella Yager Games è un'opera di valore, capace di recuperare gli stilemi classici senza risultare troppo ripetitiva. Alle solide meccaniche da TPS fanno infatti da contraltare una narrazione convincente ed immersiva ed un charachter design gen studiato, in grado di elevare la produzione ben oltre i canoni della mediocrità. E se anche tecnicamente pochi difetti gli si possono imputare, ciò che impedisce a The Line di guadagnarsi il premio finale è soprattutto la longevità: piuttosto ridotta per un titolo del genere e troppo "limitata" in fatto di situazioni di gioco.

Secondo ed ultimo runner up è Resonance, un'avventura grafica che rapisce letteralmente i cuori dell'utenza PC, unica piattaforma per la quale il titolo è previsto (a soli 9.99 $ in digital delivery) e sulla quale questo genere di giochi riesce ancora ad ottenere il successo che merita. La produzione Wadjet Eye Games presenta una struttura di gioco abbastanza classica: caratterizzata da enigmi da risolvere sfruttando oggetti trovati all'interno degli scenari, e dialoghi a scelta multipla. Il titolo offre però interessanti particolarità, tra le quali la collaborazione tra i protagonisti (multipli), aprendo in questo modo la soluzione dell'avventura ad approcci differenti. Molto interessante anche l'approccio agli enigmi, che sfrutta il particolarissimo sistema dei ricordi, combinandoli sia con gli elementi dello scenario sia con i personaggi, per la risoluzione dei puzzle e la ricerca di indizi. Non poteva mancara, in una produzione di questo genere, una trama molto ben articolata. Partendo con un ritmo lento e accelerando rapidamente, il plot si mantiene su livelli altissimi fino a uno dei due finali, decisamente riusciti e capaci soddisfano completamente il giocatore. Unica pecca di una produzione decisamente da non lasciarsi sfuggire il comparto tecnico. Lo stile visivo di Resonance richiama alla mente quello delle avventure grafiche storiche, del periodo d'oro della Lucas. L'impatto, però, non è dei migliori: la risoluzione di gioco, infatti, si ferma al canonico 640x480, generando pixel immensi sui moderni monitor dai ventiquattro pollici in sù e creando numerosi problemi a chi gioca su laptop non particolarmente versatili. Soprattuto per questo -e per i meriti del fantastico vincitore- che Resonance non riesce, per questo mese, a guadagnare l'alloro.

Game of the Month

Il Gioco del Mese di Giugno è senza dubbio alcuno Gravity Rush, la prima vera killer application per Playstation Vita, nonché uno dei migliori videogame per console portatili degli ultimi anni. A stupire è principalmente la trama, letteralmente in grado di immergere il giocatore, con le sue assuefacenti stranezze, in un mondo di fantasia, estraniandolo completamente dal mondo reale. Protagonisti e comprimari (nonché il mondo di gioco stesso) sono poi caratterizzati in maniera sublime, tanto da imprimerli a fuoco vivo nell'animo del videogiocatore. Se la trama è appassionante e affascinante, non è da meno il gameplay: pulito, assuefacente e capace di sfruttare con equilibrio e coerenza le feature uniche della PS Vita. Gravity Rush si presenta con un'ambientazione open world, dove di volta in volta potremo decidere quando e a quali missioni prendere parte. Naturalmente il focus principale è legato allo sviluppo della trama, e i livelli secondari, capaci di mettere a dura prova le abilità del giocatore, saranno un'interessante variazione sul tema principale. Se il combat system, poi, non si può certo definire perfetto, è il level design ad impreziosire il tutto, con soluzioni mai stanche. Anche dal punto di vista grafico-sonoro Gravity Rush rappresenta l'eccellenza. Difficile trovare qualcosa che si avvicini a un tale spettacolo nel panorama delle produzioni portatili. Non manca qualche piccola incertezza, come rari cali di frame rate o un po' di aliasing, ma è difficile accorgersene quando si è così estasiati dallo spettacolo offerto dallo schermo OLED della PS Vita. Per tutti questi motivi Gravity Rush è il nostro vincitore di Giugno, nonché un titolo davvero imperdibile per tutti i possessori di PS Vita.

Riassunto

Gioco del Mese - Gennaio 2012: Resident Evil Revelations

Gioco del Mese - Febbraio 2012: Uncharted Golden Abyss
Runner up - Febbraio 2012: UFC 3
- Crusader Kings 2
- King Arthur II
- The Last Story
- Asura's Wrath
- The Darkness 2
- Syndicate
- Catherine
- Final Fantasy XIII-2
- Soul Calibur V
- Wipeout 2048
- Lumines Electronic Symphony
- Dear Esther
- Warp
- Alan Wake American Nightmare
- Motorstorm RC
- Dustforce

Gioco del Mese - Marzo 2012: Journey
Runner up - Marzo 2012: Mass Effect 3
- Kid Icarus: Uprising
- Street Fighter X Tekken
- SSX
- Twisted Metal
- Shogun 2: il Tramonto dei Samurai
- I am Alive
- Vessel
- Sine Mora
- Closure

Gioco del Mese - Aprile 2012: Fez
Runner up - Aprile 2012: Mass Effect 3
- Legend of Grimrock
- Botanicula
- Prototype 2
- Risen 2
- Trials Evolution

Gioco del Mese - Maggio 2012: Diablo 3
Runner up - Maggio 2012: Max Payne 3
- DiRT Showdown
- Gost Recon: Future Soldier
- Dragon's Dogma

Gioco del Mese - Giugno 2012: Gravity Rush
Runner up - Giugno 2012: Spec Ops: The Line
- Resonance