Rubrica Le Novità di Agosto

Mentre tutti erano al mare, il mondo videoludico continuava a muoversi. Cosa vi siete persi?

rubrica Le Novità di Agosto
Articolo a cura di

Mentre eravate troppo impegnati a scattarvi foto da invidia in qualche splendida spiaggia, mentre abbandonavate la vostra postazione di gioco per godervi qualche rilassante serata tra amici, mentre in piscina sfoderavate con orgoglio il fisico modellato da mesi di palestra, la stoica redazione di Everyeye, imperterrita e insensibile al caldo africano, ha continuato ad aggiornarvi con news a cascata e recensioni a zampilli, manco ci trovassimo in un divertentissimo (e rinfrescante) Acquapark. Più robot che umani, non abbiamo abbandonato la nave, sfidando con sorriso beffardo tutte le ondate di caldo a cui i metereologi, da un po' di tempo a questa parte, si divertono a dare i nomi più disparati. Insaziabili, ma evidentemente bisognosi di refrigerio, abbiamo cercato riparo nelle brulle terre teutoniche, facendo man bassa di scoop e hands-on nell'ormai celebre GamesCom: la fiera videoludica più imponente e importante d'Europa.
Se durante il vostro periodo di pausa con il mondo tecnologico vi siete persi qualche puntata e avete mancato la visita giornaliera sulla nostra home page, nessuna paura. Everyeye ha pensato a tutti voi, inaugurando questa nuova rubrica, con cadenza settimanale, che si occuperà di volta in volta di ragguagliarvi sulle principali notizie e articoli pubblicati sul sito. Eccezionalmente per questa puntata vi proporremo gli highlights dell'intero mese di agosto, con un occhio di riguardo alla già citata GamesCom.
"Siete appena tornati", come recitava un noto spot di qualche anno fa? Nessun problema: ci pensiamo noi ad aggiornarvi.

Un agosto all'insegna di next-gen

Da dove cominciare se non dallo scontro a distanza tra Microsoft e Sony? Abbandonate al loro destino PS3 e Xbox 360, che comunque non mancheranno di regalarci ulteriori gioie nell'immediato futuro, i due colossi si sono punzecchiati tutto il mese, in una mascolina battaglia a suon di specifiche tecniche e roboanti dichiarazioni che ha avuto come unico effetto quello di far schizzare alle stelle il nostro hype per la next-gen.
L'Achievement per il primo colpo sparato tocca alla casa di Redmond che, prendendo tutti in contropiede, dichiara soddisfatta di aver aumentato la velocità della GPU che animerà l'Xbox One. Mossa praticamente obbligata, visto il potentissimo hardware vantato dalla diretta concorrente. Quasi sicuramente nessuno dei giochi pubblicati al lancio sfrutterà a dovere questo tardivo power-up, ma una cosa è certa: ora la macchina di Microsoft ha più speranze di giocare ad armi pari, avendo anche la possibilità di prolungare il suo ciclo vitale senza restare troppo indietro in termini prestazionali.

Un esplicativo video di unboxing, immediatamente oggetto di una riuscitissima parodia, ha poi rivelato cosa troveremo esattamente nella scatola in cui la console verrà venduta. Tra il controller con oltre 40 miglioramenti rispetto al collega per 360, un Kinect 2 potenziato in ogni aspetto e la presenza di tre porte USB 3.0 sul retro, è stato anche risolto il più annoso dei misteri: le cuffie saranno incluse nel bundle.
Esclusi i colpi esplosi durante la GamesCom, del quale parleremo nel paragrafo dedicato, l'agosto di Microsoft si è concluso con una fumosa e ambivalente notizia sulla data d'uscita di Xbox One. Si parla di un generico giorno di novembre, tutt'ora da rivelare, ma solo in 13 paesi tra cui, fortunatamente, figura anche l'Italia. Una scelta relativamente inspiegabile, che non ha mancato di creare polemiche e velenosi rumor circa la lentezza con cui il publisher statunitense assemblerebbe le sue macchine.
Sony, dal canto suo, dopo aver stravinto la battaglia dell'E3 si è concessa una piccola pausa, abbassando i toni e concentrandosi sui propri (preoccupanti) bilanci.
Tanto per cominciare si è affannata a sottolineare come il nuovo hardware non causerà alla casa le stesse perdite registrate ai tempi della PS3. Questo non può che farci piacere visti i tempi già poco facili in cui sta versando Sony. Il passivo della (sola) branchia gaming, per l'anno fiscale conclusosi lo scorso 30 giugno, ammonterebbe all'incredibile cifra di 14,8 miliardi di Yen (114 milioni di Euro all'incirca).

Sempre in questo senso, fa piacere sapere dello stesso Mark Cerny, capo progettista di PS4, che la nuova console avrà un ciclo vitale almeno pari a quello del predecessore.
Per distendere i toni, abbandonando per un attimo matematica e bilanci, il colosso giapponese ha concesso alla sua utenza un video tributo alle sue passate console, mostrando l'evoluzione grafica di alcuni suoi brand ospitati su PSOne, PS2 e infine PS3. Se non soffrite troppo la nostalgia e non avete la lacrima facile, potete visionare il suddetto clip cliccando qui.
E Nintendo? Nintendo come ormai di consueto batte strade tutte sue, deludendo chi si aspettava qualche novità a ridosso della GamesCom e sorprendendo con un annuncio inatteso.
Il momento difficile in cui riversa il Wii U è ben fotografato da tre notizie. La prima è relativa all'ammissione della Grande N che la sua home console è ancora venduta in perdita. Un dato piuttosto sconcertante in vista dell'arrivo della next-gen targata Sony e Microsoft, che non farà altro che rendere ancora più difficile la vita del successore del Wii, e del recente price drop in Nord America che abbasserà il costo della versione deluxe a 249 dollari. In seconda battuta fanno riflettere le parole del Presidentissimo Satoru Iwata che riconosce le difficoltà nell' attirare l'attenzione dei videogiocatori sulle potenzialità del Wii U: parole che ci saremmo aspettati da un produttore di hardware alle prime armi, non certo dall'azienda che più di altre ha praticamente creato il mercato home console e quello handheld. Infine, lasciano l'amaro in bocca anche le terribili vendite di The Wonderful 101 in terra natia: solo 5300 le copie vendute, sulle circa 30mila distribuite. Un dato che fa riflettere e rivela il relativo raffreddamento dei fan più sfegatati nei confronti del Wii U.


Non è tutto da buttare però. Tanto per cominciare fa sempre piacere scoprire come Nintendo sia capace di aiutare l'industria, investendo in titoli che altrimenti difficilmente avrebbero visto la luce. Hideki Kamiya, designer di Platinum Games, ha ammesso che senza l'aiuto del colosso nipponico, il brand di Bayonetta sarebbe molto probabilmente scomparso nel nulla, privandoci così del ritorno dell'amatissima strega.
Un tiepido ottimismo sul futuro del Wii U viene anche dal piccolo annuncio apparso su Twitter della Shin'en Games, third party legata da tempo a Nintendo. A quanto pare infatti, il loro prossimo titolo, che verrà rivelato solo in autunno, verrà realizzato utilizzando un engine di seconda generazione . Stiamo finalmente per vedere le vere potenzialità della console? Noi ce lo auguriamo con tutto il cuore.
Chiude questa parte dedicata alla Grande N la presentazione a sorpresa del 2DS (che sarà disponibile in Europa dal prossimo 12 ottobre). Del nuovo portatile ne abbiamo già parlato ampiamente dedicandogli uno speciale e un hands-on frutto di un incontro ravvicinato avvenuto nella sede italiana della compagnia.

L'idea che noi di Everyeye ci siamo fatti, dopo l'iniziale sconcerto, è che questa volta Nintendo c'abbia visto giusto. La strategia che sta perseguendo è simile a quella dei produttori di elettrodomestici che propongono una gamma di prodotti simili, ma distinti nel prezzo in base alla loro efficienza e prestazioni. Così se ad un estremo troviamo il 3DS XL, il 2DS sarà rivolto a chi non ha troppi soldi da spendere in videogiochi o chi vuole rifilare la console al proprio nipotino: un tipo di utenza troppo giovane per apprezzare (e ricercare) certe finezze tecnologiche.
Mentre Saints Row IV vende il suo primo milione di copie, in una sola settimana di commercializzazione, e annuncia una special edition assolutamente folle (leggere per credere), Rockstar fa il minimo indispensabile per pubblicizzare nel caldo agosto la sua creatura più attesa: GTA 5. Praticamente assente sia all'E3 che alla GamesCom, gli bastano un paio di trailer (che potete visionare qui e qui) per mandare in visibilio pubblico pagante e critica.

Conclusa la consistente elencazione delle principali news , sarete sicuramente curiosi di vedere quali recensioni (e quindi giochi) vi siete persi mentre ve la spassavate tra feste in spiaggia e lunghi aperitivi. Se agosto è notoriamente un mese di pausa, quello del 2013 verrà comunque ricordato per aver donato ai videogiocatori nostrani un buon numero di perle con cui sollazzarsi al rientro dal mare.
Xbox 360 e PS3 offrono moltissimo a partire dall'onirico puzzle game Brothers: A Tale of Two Sons, indie game disponibile esclusivamente sugli store virtuali delle due console. Sempre in ambito digitale, vale la pena citare Le Streghe di Brigmore: magnifico DLC dell'altrettanto riuscito Dishonored. Per quanto riguarda i titoli retail, si ha solo l'imbarazzo della scelta.

Dal folle Saints Row 4, al gradito ritorno di Sam Fisher in Splinter Cell Blacklist, passando per lo strepitoso Rayman Legends e l'affascinante Killer Is Dead del grande Suda 51, avrete bisogno di qualche mese extra per recuperarli tutti.
Meno scelta, ma stesso livello di qualità per l'utenza Nintendo: a discapito degli scoraggianti dati vendita, The Wonderful 101 è un capolavoro del suo genere, su 3DS invece spicca il quarto capitolo della saga di Etrian Odyssey.
Su PC invece vogliamo limitarci a segnalare due piccoli capolavori della scena indie: Papers, Please, avventura grafica essenziale nell'impostazione ma colma di tematiche forti, e Gone Home esperienza introspettiva difficilmente inquadrabile.
Basta così? Neanche per sogno: che ne dite del ritorno di Plants vs Zombies 2 scaricabile gratuitamente?

Anche quest'anno "vacanze" a Colonia ad agosto

La GamesCom giunge alla sua quinta edizione di fila con sede in quel di Colonia e la redazione di Everyeye, dopo l'immancabile viaggio rigorosamente in macchina, non poteva certo mancare all'appello. Nonostante la penuria di veri e propri annunci bomba, la presenza di molte demo uguali a quelle già viste all'E3 e la quasi totale assenza di Nintendo, il nostro giudizio generale è stato comunque ampiamente sopra il par.
Sfruttando al massimo l'unico giorno di fiera aperto solo agli addetti ai lavori e contando su un'organizzazione generale sensibilmente migliore rispetto al corrispettivo evento losangelino, abbiamo avuto più tempo per entrare in contatto con la next-gen e per rivolgere domande ai vari sviluppatori incontrati. Inoltre anche le conferenze di Sony e Microsoft, pur senza fuochi d'artificio e annunci bomba, sono state assolutamente soddisfacenti.
Il colosso di Redmond ha svelato al mondo Fable Legends e annunciato che per ogni pre-order di Xbox One verrà regalata una copia di FIFA 14. Pur celando ancora la data di lancio della console, è stata presentata la line-up ufficiale che accompagnerà la piattaforma al day one. Tra i tanti titoli spiccano Dead Rising 3,
Forza Motorsport 5, Killer Instinct, Ryse: Son Of Rome, Assassin's Creed IV e Call Of Duty: Ghosts. Se tuttavia volete leggere l'elenco completo e conoscere nel dettaglio tutti gli annunci fatti durante la conferenza, vi consigliamo caldamente di seguire questo link.
Sony, dal canto suo, non ha deluso le aspettative, pur presentandosi con uno spettacolo sicuramente meno pirotecnico rispetto a quello messo in scena all'E3. Il focus della conferenza è stata la scena indie che nelle intenzioni della multinazionale rappresenterà un muro portante del futuro di PS4 e PS Vita. Già, il portatile. A sentire i proclami pre-GamesCom, saremmo stati subissati di novità riguardanti l'handheld il quale, teoricamente, "ricoprirebbe un ruolo importante nel mercato delle console portatili".
La realtà dei fatti è stata ben più amara. A parte Borderlands 2, che sarà comunque un porting, e la miriade di titoli indie, previsti anche su PS4, a destare scalpore ci ha pensato Murasaki Baby: puzzle game sviluppato dall'italianissima Ovosonico.
Il "botto", se così vogliamo chiamarlo, della conferenza Sony è stato l'annuncio della data d'uscita di PS4 in Europa (29 novembre), ma se siete curiosi di vedere in rapida successione tutti gli highlights dell'evento, vi consigliamo di visionare questo breve video.
Tantissimi i giochi visionati e testati in prima persona durante la fiera, di cui ci riserviamo di riassumervene solo un ridotto numero (a questo link tuttavia, potete trovare il nostro coverage della fiera).
Tra i titoli che ci hanno più impressionato maggiormente non possiamo non citare Titanfall, che ha reali possibilità di far evolvere l'ormai inflazionatissimo genere degli FPS. Grandi aspettative anche per Watch Dogs: grazie a una demo dall'esorbitante durata di un'ora ha finalmente conquistato totalmente i nostri cuori. Buone sensazioni anche dal seguito di Castlevania Lord Of Shadow. Un hands-on e una chiacchierata con il carismatico Dave Cox, game designer del gioco, ci hanno fatto venire una gran voglia di vestire i panni di Dracula. Momenti di puro panico durante la prova con mano dell'intrigante Dying Light: nuova IP di Techland a base di zombie e parkour. Applausi a scena aperta al termine della lunga presentazione di The Witcher 3: Wild Hunt . La sensazione è che gli utenti PC potranno presto sollazzarsi con un grande capolavoro del genere. Emozionante e affascinante l'ennesimo incontro con l'istrionico David Cage e la sua ultima creatura: Beyond Two Souls. Chiudono la breve rassegna Donkey Kong Country: Tropical Freeze, unico titolo per Wii U a presentarsi sullo show floor con una demo diversa rispetto a quelle già visionate all'E3, e Project Spark che da scialbo emulo di Little Big Planet si sta dimostrando ben più ambizioso e interessante di quanto preventivato.
E' tutto per quanto riguarda la GamesCom? Quasi. Che ne dite di un efficace recap video, registrato da un terzetto di nostri redattori, proprio al termine dell'ultimo giorno della fiera? Buona visione e buone risate.