Rubrica SoundSteps

Parte la rubrica dedicata alle colonne sonore. Da After Burner all'ultimo Deus Ex

rubrica SoundSteps
INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
Alessandro Sordelli inizia la sua avventura videoludica ereditando un leggendario Commodore 64 a cassette magnetiche, computer che gli apre le porte ai giochi di ruolo e tutto ciò che è fantascienza. Pur nutrendo da sempre un particolare amore per la piattaforma PC, non disdegna il panorama console. E' in giro su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Elemento fondante di ogni opera videoludica che si rispetti, la colonna sonora è stato fin troppo spesso presa in considerazione solo marginalmente, non solo dai giocatori ma anche dalla critica specializzata. Se la produzione di soundtrack videoludiche era prima fortemente vincolata sia dai limiti tecnici (ridotte capacità di streaming dati ma anche la scarsa capienza dei supporti) che da questioni di budget, oggi la colonna sonora di un videogioco non invidia assolutamente nulla ad una produzione hollywoodiana di altissimo livello; non a caso moltissimi compositori di Los Angeles contribuiscono annualmente con le maggiori etichette videoludiche per le produzioni tripla A.
La rubrica che inauguriamo oggi non vuole essere una classifica o una “top of”, ma si limita a far conoscere dei pezzi di storia ai giocatori più giovani o, al contrario, a stuzzicare i ricordi delle generazioni più vecchie e nostalgiche... un po' come noi. Abbiamo tre selezioni speciali per voi: una dei mitici anni '80, con i suoi polverosi cabinati coin-op e i suoi temi musicali a 16-bit, una direttamente dai gloriosi anni '90 che hanno dato una grintosa spinta al mondo dei videogiochi, e infine una traccia musicata nel nuovo millennio per una produzione recente. Siete pronti? Mettetevi le cuffie...

OPENING THEME - AFTER BURNER II

Se avete avuto la fortuna di mettere piede in una sala giochi (ormai ne son rimaste davvero pochissime, almeno in Italia) senza dubbio conoscerete After Burner, uno dei primissimi titoli di combattimento aereo di successo, e senza dubbio uno di quelli rimasti nel cuore dei gamer di vecchia data. I giocatori più giovani devono sapere che il cabinato di After Burner era dotato di un sistema pneumatico e di slittamento che muoveva il sedile e il giocatore, al fine di regalare un'esperienza ancor più coinvolgente ed eccitante. Il gioco rimase celebre e famoso per la sua incarnazione arcade, nonostante venne reso disponibile su numerose piattaforme casalinghe, in particolare Sega Master System. La prima traccia musicale che abbiamo scelto per questo primo appuntamento è il tema principale del secondo capitolo della serie, che vanta sonorità meno grezze e un sound più pulito e gradevole. Il tema musicale è tanto ricordato e amato da pubblico e professionisti del settore, che nel 2009 i ragazzi di Platinum Games hanno deciso di remixare il tema inserendolo nell'ottavo capitolo del bizzarro ed eclettico beat'em up Bayonetta.









Dobbiamo la colonna sonora di questo importante arcade della storia videoludica, a Hiroshi Kawaguchi, compositore ufficiale per SEGA e attivo ancor oggi, entrato a far parte della grande azienda giapponese sin da quando la stessa ha messo piede nel vorticoso mercato videoludico e delle home console. Curiosamente, Kawaguchi ed è anche uno dei pochi elementi della “vecchia guardia” rimasti alle dipendenze del colosso nipponico. Oltre ad After Burner, i contributi più importanti di Kawaguchi-san all'industria videoludica sono stati Space Harrier e OutRun.

HELL MARCH - COMMAND & CONQUER: RED ALERT

Command & Conquer è un nome leggendario nell'ambito dei giochi di strategia su computer, serie videoludica nata nel 1995 in quella che potremmo considerare come la Golden Age del Real Time Strategy. Red Alert fu il prequel al primo episodio della serie, una produzione che ricalcò in tutto e per tutto gli alti standard qualitativi, con tanto di attori in carne ed ossa a recitare delle ottime parti narrate. Il gioco ebbe un successo tale che Electronic Arts decise di pubblicare la bellezza di tre expansion pack, Counterstrike e Aftermath editi nel 1997, e Retaliation uscito nel 1998.
La potenza di un sound rockeggiante, unita al ritmo cadenzato e deciso tipico della marcia militare, rende Hell March una delle tracce musicali più magistrali e imponenti della storia videoludica. Il pezzo era così tanto amato da fan e pubblico, da diventare tema principale di Red Alert 2 (2001) con una versione opportunamente riscritta e riarrangiata.









La splendida “marcia infernale” è opera di Frank Klepacki, celebre sound designer per il videogame, interamente dedito alle sue due passioni: la musica e i videogiochi. Pur avendo militato solo saltuariamente in ambito cinematografico e televisivo, il celebre compositore di origini polacche vanta una produzione musicale molto ampia, con sonorità rock industrial che contraddistinguono profondamente i suoi lavori. Ma il suo lavoro come compositore musicale e direttore del suono in ambito videoludico non è riconosciuto solo per il suo contributo alla serie di C&C, ma anche per aver musicato importanti avventure grafiche per computer, come la celebre saga Legend of Kyrandia e Blade Runner. Al momento è al lavoro sul titolo free-to-play di Trion Worlds, End of Nations.

ICARUS - DEUS EX: HUMAN REVOLUTION

Dopo aver rivangato nel passato videoludico, torniamo al futuro con un gioco davvero molto recente, che ha saputo regalare moltissime emozioni sia dai punti di vista di narrazione e gameplay, che sotto il profilo musicale. Il 2011 ha visto infatti il ritorno di un grandissimo franchise videoludico, molto amato dai giocatori PC di vecchia data, un affascinante setting fantascientifico/cyberpunk nato dalla brillante mente di Warren Spector, il tanto decantato Deus Ex, che insieme ad Half-Life ha imposto nuovi standard ad un genere che esigeva rinnovamento.
Il terzo episodio Deus Ex: Human Revolution si è presentato a noi nella sua tradizionale forma ludica, ovvero uno sparatutto in prima persona dotato di una discreta componente ruolistica e delle meccaniche stealth efficaci e molto divertenti. Per dare una svolta decisiva alla serie e per attirare il nuovo pubblico, Square Enix ha deciso di ripartire da zero con un prequel che fungesse da base di partenza per qualcosa di nuovo. A parte qualche piccola sbavatura, il gioco sotto la direzione Anfossi/Dugas è stato uno dei migliori esponenti del genere per l'anno 2011. Se non vi siete ancora immersi nel distopico mondo raccontato in quest'ultimo gioco Eidos, forse questa è l'occasione migliore per farlo; altrimenti fatevi cullare da questa colonna sonora magistralmente composta e orchestrata, dove una strumentazione moderna fatta di sintetizzatori e drum machine si unisce alla grandiosità del coro.









Le musiche che accompagnano il giocatore nel mondo di Human Revolution sono realizzate da Michael McCann, giovane compositore canadese attivo in particolar modo in ambito televisivo e per spot pubblicitari. Ha lavorato per MTV, Discovery Channel, Paramount Pictures e altri importanti nomi del settore, e ha partecipato a svariati progetti cinematografici dell'industria indipendente canadese. La sua predilezione per la musica ambient ed elettronica lo rendono affine ad uno scenario videoludico in perenne ricerca di talenti. L'ultimo contributo al mondo dei videogiochi è X-COM: Enemy Unknown.