Hello Neighbor (Alpha 4) Oggi alle ore 17:00

Giochiamo con questo stealth game ad alto tasso disagio!

Rubrica Xenoblade Chronicles X - SoundSteps

Hiroyuki Sawano firma per il capolavoro Monolith Soft una colonna sonora che rimarrà negli annali del videogioco. L'esplorazione del pianeta Mira non poteva avere sottofondo audio migliore!

rubrica Xenoblade Chronicles X - SoundSteps
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Wii U
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

A Xenoblade Chronicles su Wii erano bastati i primi due brani della colonna sonora per stregarci. Il pianoforte in crescendo dello schermo titolo e la schitarrata attraversando la Piana di Gaur erano troppo sublimi per non finire di diritto nelle playlist di smartphone e lettori mp3: le incursioni di Yasunori Mitsuda, ma sopratutto l'ispirazione della Shimomura diedero nuova linfa vitale ad un videogioco già impareggiabile dal punto di vista artistico.
Per Xenoblade Chronicles X, che proprio oggi esce in Europa quale esclusiva Wii U, ci aspettavamo un trattamento sonoro molto simile, melodioso e classicheggiante. Ci sbagliavamo di grosso: in linea con l'ambientazione fantascientifica e la forte preponderanza dell'elemento esplorativo, Monolith Soft ha deciso di scombinare le carte anche musicalmente e chiamare a dirigere l'orchestra un compositore di fama, ma fino ad ora lontano dal mondo dei videogiochi.
Il suo nome è Hiroyuki Sawano. Gli appassionati di anime avranno immediatamente drizzato le orecchie, ricordando senz'altro i grandiosi temi orchestrali da lui composti per Kill La Kill o il più recente Attacco dei Titani, le musiche piene e le ost alquanto varie negli echi musicali. Monolith ha chiesto a Sawano di fare altrettanto con Xenoblade Chronicles X: di fronte ad un pianeta tanto vasto e di una trama di ampia portata, il nostro ha scritto oltre 4 ore di musica, zampettando da un genere all'altro a seconda della situazione. Serve un brano per accompagnare una cut scene? Eccovi servito il registro grave e quello comico, a seconda del personaggio che parla e della situazione. Occorre porre in risalto l'estensione impareggiabile di Mira? Eccovi l'orchestra al gran completo e tante tracce che si sovrappongono. Serve sottolineare il mood di pericolo nell'esplorare un pianeta alieno, assai diverso dalla nostra Terra? Nessun problema, mischiando archi europei a tamburi africani e si ottiene qualcosa di squisitamente extra-terrestre.
Visto che nel testo della recensione abbiamo un po' colpevolmente omesso dei riferimenti all'ost di Sawano, abbiamo deciso di dedicare una puntata monografica di Sound Step proprio all' "opera d'arte totale" diretta dalla bacchetta del compositore nipponico.

Mira in tutto il suo splendore

"Le musiche rock però non mi piacciono" commentavo via WhatsApp al buon Fossetti quando ancora le alte sfere del BLADE mi costringevano entro le mura di Neo Los Angeles, in principio di avventura. In effetti il rap ed il rock che si ode per quelle strade è martellante e dozzinale...ma basta uscire dai cancelli, fare qualche passo sul manto roccioso di Primordia (il primo continente che si esplora nel gioco) per fare la conoscenza di tutt'altre sonorità.
Il brano intitolato Z5 Mira è quello che accompagna la cut scene in cui viene presentata la fauna libera, selvaggia e autoctona del pianeta, che ha fatto fino ad ora a meno dei "civilizzati umani". Mentre la telecamera mostra una field of view impressionante ed emozionante, la fida scout Elma ci sussurra all'orecchio: "questo è Mira, non lo troverai su nessuna mappa celeste. Ma è la nostra nuova casa".
Il brano in sottofondo a questa scena merita un ascolto indipendente per apprezzarne la ricchezza sonora e domandarsi perchè i musicisti sia occidentali che nipponici quando devono descrivere una scena incontaminata, originaria e primitiva scomodano sempre qualche sciamano africano...




Ce la faranno gli umani a resistere sul pianeta Mira? Riusciranno a rifondare una società giusta e democratica? Dovranno vivere braccati all'interno di Neo Los Angeles, come (non a caso visto il coinvolgimento di Sawamoto) l'umanità medievale di Attacco dei Titani, oppure potranno creare altri avamposti nei vari continenti di Mira? E le altre razze presenti sul pianeta, autoctone o capitate in seguito, lasceranno che l'umanità possa trasferirsi liberamente oppure li scacceranno con violenza appena estrarranno una goccia di Mirarium più del dovuto?
Theme X, uno dei brani principali del gioco che sentirete varie volte, anche remixato, parla sopratutto di questa speranza covata nei cuori di tutti i nostri simili esuli dalla bella Terra!


Gli stranieri siamo noi!

Monolith Soft inganna volutamente il giocatore quando propone una geografia di Primordia abbastanza simile a quella delle pianure incontaminate terrestri, prati verdi a perdita d'occhio e rocce che spuntano qua e là erose da molti secoli di vento ed intemperie. Poi si raggiunge il limitare Est ed ecco spuntare il deserto di Oblivia, contrappuntato da imponenti strutture metalliche, a Ovest, invece, ci sono le paludi e la giungla di Noctilum, dove gli alberi si contorcono fino al limitare del cielo e proteggono le creature che li dimorano con intricati grovigli.
In realtà vi toccherà esplorare a fondo anche Noctilum, perchè qui sembrano aver trovato rifugio non pochi sopravvissuti della Balena Bianca, l'astronave che è fuggita dalla Terra e poi è precipitata su Mira. Vi troverete all'interno di una foresta simile per colori e habitat a quella del film Avatar, per quanto ben più intricata e con nemici decisamente più incazzosi. La musica scritta per accompagnare l'esplorazione di quest'area evoca, specialmente nel suo arrangiamento in notturna, l'idea di foresta, di piante che rilasciano leggiadramente le loro spore, di anfibi che sonnecchiano ma con una palpebra spalancata. E' un suono terrestre, ma con un che di "alieno" rispetto alle rilassanti melodie ambient in stile "suoni della natura". Provate a farci caso mentre ascoltate Yakou Mori, letteralmente "foresta notturna"...




Il quarto CD della monumentale colonna sonora di Xenoblade Chronicles X racchiude alcuni remix e riarrangiamenti al pianoforte. C'è anche questa melodia struggente e melanconica, un topos ricorrente di molti anime (Sadness and Sorrow di Naruto ne è un bell'esempio), che a dire il vero non ricordo dal gioco: forse appartiene ad una missione che non ho giocato o forse avevo la testa altrove. In questo caso il supporto ottico altrimenti noto come compact disc viene in soccorso e permette di ascoltare quante volte si vuole questo ensemble di violini, archi assortiti e pianoforti.


Anglo-giapponesi

Xenoblade Chronicles X propone anche un discreto numero di tracce cantate, che a differenza di altri JRPG si trovano improvvisamente e casualmente più nelle fasi esplorative che in sottofondo alle cut scene più importanti. Anche qui Sawano ha saccheggiato dalla sua precedente esperienza nel mondo degli anime, ingaggiando come voce maschile il cantante che si fa chiamare mpi (Kill La Kill e Attacco dei Titani), mentre come come voce femminile nientemeno che Mika Kobayashi (idem come sopra), la quale si è anche esibita in Italia al Lucca Comics & Games del 2013.
Uncontrollable non parte a onor del vero in maniera brillantissima, ma si risolleva al primo ritornello quando le due voci esplodono, senza però venir meno ad un timbro pieno e chiaro.




Tutt'altro suono caratterizza The way, il cui testo inglese è stato scritto dalla cantautrice Sayulee, metà giapponese metà neozelandese. Chitarra in spalla e voce molto calda, The Way parla di un amore non corrisposto (quale direte voi, neo-esploratori di Mira?), purtroppo con un testo banale e adolescenziale: perchè è difficile trovare un significato profondo dietro il seguente pastiche linguistico, "Just everything about you. Can't stop my self. Something's just begun, tell me why I will think about you. Don't go away I will stay for you".
Però è una canzone piacevole che si lascia ascoltare; io ce la vedo bene insieme ad una cioccolata calda in una di queste sere d'Inverno...



Che voto dai a: Xenoblade Chronicles X

Media Voto Utenti
Voti totali: 9
9.6
nd