Speciale Calci alla pirateria

Miles Jacobson fa i conti con i danni che i download illegali hanno causato a Football Manager 2013

speciale Calci alla pirateria
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • PSVita
  • Pc
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

Quanto costa all'anno la pirateria all'industria videoludica? Quante sono le copie piratate ogni 12 mesi? E a qunto ammontano le perdite dovute ai mancati guadagni?
Il passatempo di giocare ai videogiochi sisa è uno tra quelli più costosi. Non collezioniamo francobolli rari, né spolveriamo auto sportive in garage, ma i 60 euro al mese li lasciamo nelle casse di Gamestop. Almeno 60 euro!
Qualcuno, però, pur amando incondizionatamente il mondo dei videogiochi, non ha la disponibilità o la voglia di sborsare quel migliaio di euro annuo in FIFA, Call of Duty e Grand Theft Auto. E allora pirata, cracca, masterizza, acquista dal marocchino in centro (no, forse questo non più!): comunque sia si appropria aggratis del lavoro duro altrui e non lo remunera in alcun modo. I giochi costano tanto e su questo siamo tutti concordi, ma non si fa pressione per ridurre i prezzi semplicemente scaricandoli da Torrent o facendoseli masterizzare dal cugino!
In occasione della London Games Conference 2013, il volto di Football Manager Miles Jacobson non ha voluto magnificare l'ottimo responso dell'edizione 2014 del manageriale calcistico, né presentare adeguatamente le recentemente pubblicate versione mobile; ha preferito impostare il proprio intervento dinnanzi ad una platea di sviluppatori in erba ed addetti ai lavori parlando degli effetti negativi che la pirateria ha avuto su Football Manager 2013!

Dove c'è Football Manger, c'è Casa

Football Manager 2013 é stato pubblicato su PC nell'Ottobre 2012, esattamente come l'edizione dell'anno prima e quelle degli anni precedenti. Le vendite sono state dignitose: il titolo distribuito da Sega raccoglie un certo numero di appassionati, fedelissimi alla serie e affamati di ogni affinamento alla formula manageriale. Il titolo è stato per larga parte dell'Autunno dominatore assoluto delle classifiche di vendita PC sia nel Regno Unito che in Italia; su Steam Football Manager 2013 ha settato un nuovo record quando contemporaneamente stavano giocando ad esso in 78 488!
Tuttavia rispetto agli anni precedenti il team di sviluppo é stato particolarmente lesto nel bloccare l'usuale tentativo di piratare il gioco a poche settimane dall'uscita. Come é stato possibile? Raggiungendo un accordo con il gruppo di sviluppatori da garage che usualmente si impegnavano nel consegnare una crack alla comunità di giocatori insofferenti all'apertura del portafoglio.
Prima che qualcun altro si organizzasse da zero ed escogitasse il modo per scavalcare le restrizioni del codice passarono diversi mesi, fino al Maggio del 2012. Il crack, però, non riuscí probabilmente ad aggirare un piccolo file denominato Home che traccia il codice IP di chiunque pirata il gioco (o forse anche di chi lo acquista regolarmente?).
Tale file ha ovviamente prodotto una quantità enorme di dati statistici, tanti sono coloro che hanno scaricato illegalmente il gioco.
Quanti sono? Jacobson parla di oltre 10,1 milioni di persone! Una cifra enorme cosí suddivisa per nazionalità (l'IP di un computer a quanto pare vanta la medesima profondità di informazioni di un codice fiscale!):

  • Cina 3,2 milioni di copie piratate
  • Turchia 1,05 milioni di copie piratate
  • Portogallo 781 785 copie piratate
  • Italia 547 000 copie piratate
  • ...
  • Città del Vaticano 1 copia piratata (quale Cardinale ha osato tanto?)
Il ragionamento che subito si fa nel caso della pirateria è che una copia scaricata illegalmente sia una copia in meno acquistata regolarmente. La stima personalissima di Jacobson è che le copie perdute a causa della pirateria siano pari a 176 000. Un numero relativamente basso rispetto al totale delle copie pirata, ma anche quando si tratta di stimare la percentuale di persone che in assenza di crack avrebbero acquistato una copia del gioco (dal mese di Maggio ad oggi) egli si mantiene piuttosto contenuto e spara un 1,74%, cui corrispondono dei mancati guadagni pari a 3,7 milioni di Dollari. Tale risultato deriva dalla moltiplicazione tra 175 740 copie (il 1,74% di 10,1 milioni) e un prezzo di 21,05 Dollari. Un po' basso rispetto al prezzo di circa 40 Dollari a cui il gioco è ancora oggi venduto, ma forse si considera solo il costo di sviluppo del software, non le spese di marketing o di distribuzione.
Noiosi numeri a parte, l'intervento di Jacobson e il caso di Football Manager 2013 porta a tre considerazioni non indifferenti:
  • Le vendite sono state piuttosto sostenute nei mesi successivi all'uscita, maggiori che quelle degli episodi passati. Solo che da Maggio 2013, mese in cui è uscito il crack del gioco, le vendite sono calate vertiginosamente
  • Dai dati ricavati è emerso come il 18% dei pirati ha avviato il gioco 5 o più volte. Può anche darsi che il restante 82% abbia utilizzato la copia scaricata illegalmente a mo di demo e poi abbia acquistato il gioco (possibile, ma irrealistico. Molto probabilmente lo hanno trovato troppo complesso o non di loro gradimento!), mentre quel 18% ha giocato approfonditamente e da vero hardcore gamer il titolo
  • Infine, con quei mancati guadagni stimati in 3,7 milioni di Dollari Jacobson ritiene che si sarebbero potuti ingaggiare altri sviluppatori o dare lavoro ad altre figure all'interno del team. Quanti? Beh, calcolando uno stipendio mensile di circa 3000 Dollari i possibili nuovi assunti sarebbero quasi un centinaio!

Pirateria e next-gen

Quale può essere il peso della pirateria in ottica next-gen? Agli albori di una nuova generazione hardware e di un pieno salto tecnologico per i PC più performanti, ogni discorso sullo stato dell'industria deve essere rapportato al futuro da qui a 10 anni, visto anche il lunghissimo ciclo vitale di PlayStation 3 ed Xbox 360.
La pirateria é come abbiamo visto un fenomeno rilevantissimo su computer e ciò ha comportato l'introduzione degli odiosissimi DRM e della necessità di connessione ad internet pur giocando in single player. Diablo III e Sim City sono solo gli esempi più celebri di utenti impossibilitati a giocare per colpa di questa politica che pur colpendo i pirati, finisce per danneggiare i giocatori onesti e paganti. Sopra tutti danneggia gli appassionati, disposti ad acquistare al day one senza aspettare sconti o cali di prezzo, che si ritrovano con server per il login lenti e poco stabili. Gli appassionati si sa sono quelli disposti a spendere molto per il proprio hobby digitale, ma sono anche quelli più incazzosi, i primi a riversarsi sui forum al minimo malfunzionamento.
Su console la situazione non é diversa. In questo caso la modifica via hardware viene contrastata dai produttori con frequenti aggiornamenti del firmware pesanti appena qualche Mb, distribuiti con il solo obiettivo di creare intralcio ai pirati e l'utilizzo di copie contraffatte. Inevitabilmente tali aggiornamenti devono essere sopportati anche da chi é in regola ed é costretto a pazientare l'aggiornamento per lui inutile prima di lanciarsi nell'esperienza di gioco. Come la mettiamo con l'obbligo di check della licenza richiesto da ogni gioco scaricato dal Playstation Store di PsVita? Quante volte il sottoscritto si é dimenticato di avviare il software e farlo autenticare dal sistema e si é trovato in treno bloccato di fronte alla schermata d'errore? Quattro o cinque, almeno!
Un circolo vizioso difficile da sciogliere in pochi anni. Con sistemi meglio integrati dal punto di vista dell'online come le due console che a breve debutteranno sul mercato, i pirati paiono avere vita difficilissima, ma al tempo stesso i disagi per coloro che acquistano senza scappatoie i videogiochi sono ben lungi dall'essere esauriti!

Che voto dai a: Football Manager 2014

Media Voto Utenti
Voti totali: 19
7.7
nd