Q&A Domande e Risposte Oggi alle ore 16:00

Rispondiamo in diretta a tutte le vostre domande e curiosità

E3 2012

Speciale Conferenza Electronic Arts

Tutte le novità Electronic Arts presentate all'E3 2012

speciale Conferenza Electronic Arts
Articolo a cura di

Dopo la conferenza Microsoft ci siamo recati all’Orpheum Theatre di Los Angeles, pronti per il keynote ufficiale di EA. Non ci sono state grandi sorprese, con nostro rammarico, ma piuttosto una riconferma delle IP previste per la fine del 2012 e l’inizio del 2013. Ben dieci titoli sono stati presentati durante questa sfarzosa presentazione, a partire da alcuni graditi ritorni -tra cui Dead Space 3, il nuovo Medal of Honor, Crysis 3- e gli immancabili titoli sportivi.

UNA LINE UP RICCA DI “VECCHIE” CONOSCENZE

Quando le luci si sono spente in sala, sullo schermo si è materializzata seduta stante una sessione di Dead Space 3 dove abbiamo visto il protagonista Isaac insieme a Ellie Langford, intenti a manovrare una navetta spaziale durante un drammatico atterraggio di emergenza. Successivamente ci viene mostrata una fase giocata in co-op dove i due giocatori affrontano orde di necromorfi a suon di fucile a impulsi, dando la netta impressione che il titolo abbia preso una piega molto più action rispetto alla componente horror dei capitoli precedenti. Dal punto di vista grafico gli interni di Dead Space 3 non ci hanno fatto certo gridare al miracolo, ma ad un certo punto l’azione si e’ spostata sugli estrerni di un pianeta ghiacciato, sfoggiando un panorama mozzafiato steso su lande desolate che si perdevano a vista d’occhio. Come da tradizione, il trailer si e’ chiuso con un enorme cliffhanger che vede i protagonisti lottare con un enorme necromorfo, ma potete già trovare un’analisi ben più approfondita del titolo nel nostro articolo dedicato.

Il testimone è passato quindi nelle mani di Maxis con due titoli appartenenti alla serie SimCity. La prima presentazione ci ha svelato SimCity Social, un titolo previsto per la piattaforma Facebook: solo il motto che appare ad un certo punto del trailer (“more city, less ville”) lascia presagire fino a che punto Maxis voglia competere nel mondo dei social network. Il titolo di per se ricorda molto i SimCity del passato ed è stata annunciata una beta a breve distanza dall’E3.
Subito dopo, Maxis ci ha mostrato l’ultimo SimCity per PC e questa volta finalmente abbiamo potuto ammirare appieno la sua nuova veste grafica. Infatti dopo una serie di video promozionali -in cui ci veniva mostrato il titolo castrato dal punto di vista visivo per spiegarci il funzionamento dell’intelligenza artificiale- ora lo si può osservare nel pieno del suo splendore. L’impressione che abbiamo avuto è stata quella di trovarci di fronte ad un grande e dettagliatissimo plastico che ricorda quelli dei grandi negozi di modellismo o dei musei. Anche il sistema di illuminazione sembra particolarmente sofisticato, riuscendo a generare fonti di luce separate per ciascuna finestra di un grattacielo. Sono molto promettenti anche le funzioni social che vedono l’interazione tra le città di più giocatori influire sulle altre dal punto di vista sociale, economico e urbanistico.

Successivamente il nostro occhio e’ caduto sulla nuova offerta denominata Battlefield 3 Premium, che raccoglie ben cinque pacchetti: Back to Karkand, Close Quarter, Aftermath (che potrebbe essere incentrata sul single player dopo gli eventi conclusi nella campagna principale), Armored Kill (con le sue 3 mappe multiplayer incentrate sui mezzi pensanti), e infine Endgame, che si focalizzerà sull’azione frenetica degli scontri tra più giocatori a bordo di alcune motociclette. Al tutto si aggiungeranno nuove armi, sfide e piastrine per migliorare le configurazioni custom degli appassionati.

Uno dei piatti forti di questa conferenza era senza dubbio costituito dal nuovo Medal of Honor che nella sua presentazione ha sfoggiato un pezzo giocato attraverso una missione ambientata in medio oriente. Nel complesso il motore proprietario di Dice, il Frostbite 2, fa un buon lavoro anche se si presenta alquanto castrato rispetto a quanto visto in Battlefield 3. Anche sotto il profilo delle animazioni dei soldati in certi momenti si vacilla. Interessante invece la parte in cui si cui si fa breccia in una porta. Tramite un menu di selezione la scelta poteva ricadere su diverse opzioni che spaziavano dal tipo di armi alle granate che si volevano utilizzare per l’irruzione. Una volta selezionato il tutto il titolo emula le breach di Modern Warfare entrando in slow motion e disponendo di un indicatore che ci avverte della presenza dei nemici e del loro stato di salute. Un plauso va alla sessione a bordo del drone, dove lo vediamo con stupore farsi strada tra i cunicoli e le calli strette di una cittadina diroccata mostrandoci il sistema di illuminazione in tutto il suo splendore, che viene persino accentuato dalla sporcizia presente sull’obbiettivo della telecamera. Purtroppo, dal punto di vista del motore fisico, non sappiamo ancora dire se la distruttibilità sarà implementata a pieno in questo capitolo o solo in parte, limitandosi ad oggetti e piccole coperture.

Il prossimo titolo presentato segna il ritorno della serie Need for Speed. Most Wanted fa della polizia e delle gare clandestine pane per i denti di tutti i giocatori. La demo mostrata era incentrata su una competizione in cui i concorrenti, o anche la polizia, potevano essere scagliati fuori pista con spettacolari capitomboli al rallentatore, riprendendo il sistema di danni e telecamere visto nell’ultimo Hot Pursuit.

Bioware invece ci ha anticipato i contenuti della patch 1.3 di Star Wars: The Old Republic dove saranno presenti un nuovo pianeta, un nuovo compagno, una nuova razza giocabile e nuove missioni sia a terra che nello spazio. I neofiti di questo capitolo targato Bioware saranno felici di sapere che il titolo si può giocare gratuitamente sino al livello 15.

Infine l’azione si sposta in una New York assalita dalla vegetazione di Crysis 3, dove Prophet si fa strada fra le truppe Cell per far saltare una diga all’interno di una sfera-ecosistema. Dal punto di vista grafico abbiamo osservato qualche piccolo miglioramento nei dettagli, come esplosioni ed effetti particellari. Molto Interessante invece, è stato vedere l’arco in azione, nel quale si può caricare un munizionamento differente, tanto che un elicottero nemico può essere abbattuto con una freccia esplosiva ben assestata.

SOTTO CON LO SPORT

Anche EA sport dal canto suo ha presentato un discreto numero di titoli che portano con se qualche innovazione, come NFL 2013 ed il suo motore fisico studiato per determinare con precisione l’impatto tra più giocatori. In pratica in base al bilanciamento del corpo un giocatore potrà cadere o essere placcato secondo la posizione di impatto, delle sue braccia o del suo moto. Peccato che il titolo sembri carente dal punto di vista delle animazioni, eccessivamente legnose ed irrealistiche se pensiamo soprattutto ai capitomboli ai quali abbiamo assistito.
Anche NHL e NBA Live sono stati annunciati, ma purtroppo nessun trailer di gioco è stato finora rilasciato. Lo stesso discorso vale per Fifa 13, del quale tuttavia sappiamo che disporrà di una funzione social. Grazie ad un’applicazione del proprio smarthphone si potrà seguire la propria lega anche se non si sta giocando in quel momento: sono inoltre previsti miglioramenti dell’IA in attacco.

E3 2012 EA quest’anno non vuole farci sorprese e punta sul sicuro mostrando al mercato titoli che si sapevano per la maggior parte in sviluppo da tempo. Forse avremmo preferito qualcosina in più e in particolare vorremmo sapere che fine ha fatto Comand & Conquer: Generals 2 che molti giocatori stanno aspettando con ansia specialmente dopo l’annuncio che il motore proprietario sarà il Frostbite 2. Per ciò che riguarda i titoli sportivi erano almeno due anni che non venivano più prodotti titoli della serie NBA e di certo sarà un lieto ritorno per tutti gli appassionati di Basket. Tutto sommato questa è stata forse una delle conferenze più standard dell’intero E3 se pensiamo alla presentazione di Assassin Creed e The Last of Us di Sony, Gears e Halo 4 di Microsoft e alla sorpresa che ci ha fatto Ubisoft con Watch Dogs. Tuttavia la qualità dei titoli è evidente, nonostante la comprensibile voglia costante di annunci a sorpresa.