Speciale Destiny - Art Gallery

Tutti gli artwork ufficiali di Destiny, con un commento che spiega dettagli e svela nuove informazioni

speciale Destiny - Art Gallery
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • PS4
  • Xbox One
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Vi abbiamo detto tutto quello che sappiamo su Destiny. Le informazioni sul gameplay ancora sono poche, ma dopo una lunga giornata passata negli studi di Bungie abbiamo capito finalmente quali sono i tratti del progetto e cosa dobbiamo aspettarci. Sfortunatamente, nonostante a noi della stampa sia stata concessa l'opportunità di posare gli occhi sul motore grafico, Activision ha deciso di non rilasciare al momento nessuna immagine In-Game; probabilmente perchè l'engine è ottimizzato anche per le piattaforme Next Gen, che saranno le "leading platform" della campagna di comunicazione.
In attesa quindi che il publisher possa mostrare qualcosa anche al pubblico (bisognerà aspettare probabilmente gli annunci di Sony e Microsoft), dobbiamo "accontentarci" di un discreto numero di Artwork. Visto che la curiosità attorno a Destiny è tanta, abbiamo deciso di proporvi questa gallery commentata, in modo da contrappuntare ogni immagine con qualche dettaglio riguardo al nuovo universo creato da Bungie.

Tutto il Coverage!

Vista l'importanza del nuovo progetto Bungie, noi di Everyeye.it abbiamo voluto dedicare a Destiny un Coverage molto sostanzioso. Oltre all'articolo che state leggendo, quindi, ecco gli altri pezzi che non dovete perdervi:

- Destiny: Tutti i dettagli
- Destiny: Grafica e Sonoro

E restate sulle nostre pagine per altri articoli nei prossimi giorni.

Gallery

Bungie ha per il momento presentato quattro delle razze aliene che incontreremo nel corso delle nostre scorribande. In questa immagine vediamo i Vex, esseri completamente sintetici, che si adattano a qualsiasi clima e atmosfera. Qui li vediamo infatti sulle spiagge dei mari di acido di Venere. Nel corso della presentazione il team di sviluppo ha affermato che questi Robot sono in grado di viaggiare del tempo.


Il viaggiatore. Una nave spaziale venuta dalle profondità del cosmo, venerata come una divinità, che si erge a protezione di Last City: l'ultima città sulla terra. Sull'immensa pianura all'ombra della sfera sembra di vedere un cratere: sono invece le mura concentriche dell'ultimo baluardo a difesa dell'umanità. Quale sia il ruolo del Viaggiatore non lo sappiamo, ma con tutta probabilità i Guardiani vorranno spingersi ad esplorarne la superficie o gli interni.


Un Hunter a bordo della sua Pike. Anche senza confermarlo, il team ci ha lasciato intuire che ci sarà un sistema di "mount": chissà se anche le moto antigravitazionali potranno essere personalizzate come le astronavi per i viaggi interstellari. L'Hunter qui rappresentato ci è stato introdotto nel corso di un appassionato racconto: è spuntato dal nulla per supportare una squadra di due giocatori in difficoltà sulla superficie di Marte. Un esempio del matchmaking fluido e continuo di Destiny.


Una base lunare abbandonata, sulla superficie rotta del nostro satellite. L'atmosfera è innaturale, la sabbia grigia solcata da cicatrici vecchie di decenni. La zona è il "Mare delle Tempeste" (Oceanus Procellarum), luogo di sbarco della missione Apollo 12, atterrata il 19 Novembre 1969.


Questa zona si chiama "La bocca dell'inferno". Nelle profondità della Luna sembra essersi insediata una razza di alieni. Avrete il coraggio di spingervi nella loro roccaforte interrata per scoprire i misteri che cela?


Le prime tre classi presentate dal team: un Hunter femmina, uno Warlock, ed un Vanguard. L'armatura di quest'ultimo ricorda molto da vicino quella degli Spartan. Vicino alla figura dello Warlock c'è un piccolo robot volante: una sorta di famiglio sintetico?


Una zona misteriosa, chiamata semplicemente "Giardino". Oltre alla superficie devastata dei pianeti, il team conferma che ci muoveremo alla scoperta di luoghi sconosciuti, intrisi di una bellezza ancora vivida ed esotica. Come se fossimo a bordo dell'Enterprise.


Una squadra di tre giocatori, alle prese con quelli che sono stati definiti semplicemente "space zombies". Si tratta dell'immagine più "fantasy" del pacchetto, tanto che si intravede persino una sorta di magia lanciata da uno dei personaggi (che imbraccia solo un'arma ad una mano). Siamo curiosi di sapere quali saranno le abilità a disposizione delle varie classi.


La razza dei Fallen, probabilmente la più iconica delle quattro presentate. Questi alieni hanno quattro occhi e quattro braccia, e si spostano in drappelli con i loro enormi robot rugginosi. Il design ricorda un incontro fra gli Helgast e l'universo degli Star Wars originali.


Una misteriosa "Zona di Esclusione". I vessilli sono quelli dei Cabal, alieni aggressivi e pericolosi: sembra quasi una muraglia che conduce nel loro territorio.


Un cacciatore che si nasconde per sfuggire ad una pattuglia di Fallen e Cabal. Imbraccia un fucile da cecchino. In Destiny ogni arma avrà il suo nome, e questo Sniper Rifle si chiama "The Fate of All Fools".


La minacciosa cittadella dei Vex: un gorgo di strutture sintetiche unite da una rete di impulsi neurali. Un'altra delle aree in cui spingersi a cercare fortuna e loot. Le sentinelle aliene proteggono l'accesso: chissà quale inferno di metallo attende i guardiani all'interno di questa struttura.


Il relitto della sonda Cassini, perduto nello spazio da secoli. Bungie vuole riempire il suo mondo con la storia dell'uomo e delle sue conquiste.

Che voto dai a: Destiny

Media Voto Utenti
Voti totali: 220
7.8
nd