Speciale Destiny Il Re dei Corrotti - Corte di Oryx

Terzo e ultimo live di Bungie dedicato alla nuova espansione di Destiny, in uscita il 15 settembre: questa volta si entra nell'Astrocorazzata per fare una visitina alla corte di Oryx.

speciale Destiny Il Re dei Corrotti - Corte di Oryx
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • PS4
  • Xbox One
Sergio Pennacchini Sergio Pennacchini Giornalista freelance, scrive di videogame da troppo tempo per ricordarsi esattamente quando ha iniziato. Vive a Londra ma non è un cervello in fuga perché mancano le basi, cioè il cervello. Lo trovate su Facebook e Twitter.

Ormai ci siamo. Ancora qualche giorno e il Re dei Corrotti, l'espansione che di fatto segna l'inizio dell'anno due di Destiny, arriverà nei negozi. Come abbiamo avuto modo di scrivere nelle precedenti anteprime, si tratterà di un cambiamento profondo, che stravolgerà il mondo di Destiny per come lo abbiamo conosciuto fino a oggi. Forse anche per aiutarci a digerire questi cambiamenti, Bungie ha organizzato dei live su Twitch per spiegare novità e introdurci ai primi segreti dell'Astrocorazzata, la nave di Oryx, il papino di Crota che si è un po' adirato per il fatto che abbiamo preso a mazzettate in testa il suo tenero figliolo. L'ultima diretta si è concentrata proprio sulla nave fortezza del Re dell'Alveare, che sarà anche la location principale della nuova espansione. Una demo veloce, dove abbiamo avuto di fare conoscenza con i nuovi eventi pubblici "su richiesta", vedere quella che forse sarà la tipologia di arma più potente dell'anno due di Destiny (il nuovo Gjallahorn?) e, infine, dare una fugace sbirciatina al nuovo Raid, La Caduta del Re, che sarà disponibile pochissimi giorni dopo il lancio del Re dei Corrotti, il 18 settembre.

Scusi, vorrei tre chili di Cabal, grazie

Non appena i tre guardiani mettono piede sull'Astrocorazzata, sono due le cose che notiamo subito. Primo, l'ambientazione sembra davvero spettacolare. Ambienti aperti, enormi: colonne che si stagliano verso l'alto a perdita d'occhio, strani macchinari lucenti che sovrastano i guardiani, facendoli sentire un'anomalia, un ospite davvero indesiderato. Dal punto di vista scenografico, insomma, l'Astrocorazzata è uno spettacolo. Ma questi ambienti vasti hanno anche un valore pratico: rispetto ai pianeti, infatti, qui siamo in territorio nemico. E ce ne accorgiamo subito, perché a ogni passo si ha sempre una sensazione di minaccia incombente. Dovremo combattere contro i Corrotti, ma potremo imbatterci anche in uno scontro tra i Cabali e i Corrotti: niente di cui stupirsi, questa è a tutti gli effetti una zona di guerra e Bungie ha intenzione di ricordarcelo spesso. Il fatto che gli ambienti siano così vasti ha anche un secondo scopo: la sensazione, almeno a giudicare da queste prime demo, è che i nemici siano molto più aggressivi. Verranno a cercarvi, vi inseguiranno: l'ambiente vasto, esteso, serve proprio a favore questo tipo di scontri. I tre guardiani intanto raggiungono la Corte di Oryx, una particolare zona che si trova dentro la Sala delle Anime. Qui Bungie svela come funzioneranno i nuovi eventi pubblici "a richiesta". In pratica, durante le nostre avventure potremo ottenere delle particolari rune che potremo usare sulle statue della Corte di Oryx per evocare un evento pubblico tutto per noi, o per quei poveri guardiani (massimo nove) che si troveranno nelle vicinanze. Questi eventi pubblici sono molto particolari: sono casuali, ovviamente, e possono essere combinati tra loro per offrire una sfida il più possibile varia anche nel lungo periodo. Confusi? Ora vi spieghiamo tutto.

Boss su richiesta

Una volta posizionata la runa, l'evento pubblico avrà inizio e l'area intorno alla Corte di Oryx verrà sigillata. Se l'evocatore dovesse morire o si allontanasse, avrà 15 secondi per tornare in battaglia o l'evento finirà. Gli eventi sono divisi in tre livelli di difficoltà, e abbiamo avuto modo di vedere i primi due. Nel primo caso i tre guardiani se la sono dovuta vedere contro nemici di livello 36, nel secondo invece gli avversari erano di un impegnativo livello 41. Non abbiamo visto il livello successivo, il terzo, che sarà quello più tosto ma anche quello che darà le ricompense migliori. Il livello dell'evento dipende dalla runa che utilizzerete per evocarlo. Ci sono diversi modi per ottenere queste rune: potrete averle dopo aver ucciso un certo nemico nell'Astrocorazzata, ma quelle più rare per accedere agli eventi di livello 2 e 3 le avrete completando i Cala la Notte e altre attività più impegnative. L'evento funziona come una sorta di arena, dove bisogna uccidere un boss che utilizza però una strategia particolare. Nel primo caso, ad esempio, c'era un cavaliere dell'Alveare di nome Vorlok che aveva scudi che cambiano elemento ogni tot di danni subiti (come il boss Cabal nelle Prigioni degli Anziani). Poi sono arrivate tre maliarde che andavano uccise a breve distanza una dall'altra, altrimenti tornavano in vita: ovvia che bisogna lavorare in team, portarle tutte e tre a un livello basso di energia e poi ucciderle velocemente una dopo l'altra. Abbiamo notato un orco che presentava uno scudo danneggiabile solo dall'esplosione di uno schiavo nelle vicinanze, e infine due boss, uno normale e uno corrotto, che avevano protezioni che si disattivavano solo quando i due erano molto vicini. Gli eventi di livello 2, fondamentalmente, mischiano casualmente i boss del primo livello, potenziandoli. Sono eventi rapidi, veloci: durano qualche minuto, ma sono intensi, dinamici e bisogna assolutamente collaborare, giocare insieme, oppure la sconfitta sarà molto probabile. Non saranno l'attività principale del Re dei Corrotti, ma sembrano una bella offerta secondaria che, se sarà davvero varia come promette Bungie, potrebbe tenerci impegnati molto a lungo. Alla fine di ogni evento compare una cassa: dentro potremo trovare premi di vario livello, e, negli eventi più difficili, anche materiale leggendario o esotico. Ma questa piccola dimostrazione degli eventi pubblici ci ha permesso di vedere in azione anche il nuovo Gjallahorn...

Cloud, fatti da parte

Non è un nuovo lanciarazzi, ma la Raze Lighter, una spada esotica che uno dei guardiani ha utilizzato durante il live. Ok, un po' di notizie da assimilare. Uno: ci saranno le spade, come già si sapeva, e saranno una nuova categoria di armi pesanti. Due: sono stupende, i tre guardiani ne avevano tre diverse, dalla fiammeggiante Raze Lighter a quello spadone che sembrava la Buster Sword di Cloud in Final Fantasy VII. Utilizzano munizioni, proprio come mitragliatrici e lanciarazzi, e le consumerete ad ogni colpo (il numero varia in base al tipo di attacco, leggero o pesante, o all'abilità speciale utilizzata).

Inoltre, le spade si possono usare anche come scudo. La Raze Lighter aveva dei perk interessanti, ad esempio migliora l'armatura, e delle abilità speciali come il "solar light uppercut", un colpo speciale che arriva a fare 20000 punti di danno. Sì, siamo a livelli di danno paurosi: più del doppio del Gjallahorn, che in molti ritengono l'arma più potente di questo primo anno di Destiny. Ecco, con la spada dovrete andare incontro al nemico, sarete molto più esposti, ma farete anche tanto, tanto danno in più. Come ottenere questa spada? Potrebbe essere quella famosa spada i cui pezzi (cinquanta) andranno raccolti in giro per l'Astrocorazzata. Ci vorrà tempo e impegno. Il live si è chiuso con uno spettacolare sguardo al raid La caduta del Re, che sarà attivo tre giorni dopo l'uscita del gioco, il 18 settembre. Sinceramente, non vediamo l'ora di provarlo.

Destiny Se siete tra quelli che hanno continuato a giocare a Destiny per tutto l'anno, è difficile non rimanere colpiti dal lavoro svolto da Bungie per questo Re dei Corrotti. Sarà un'espansione che cambierà tutto, ma che sembra in grado di offrire abbastanza contenuti e tanta qualità per tenerci impegnati per un bel po'. È difficile ovviamente esprimere un giudizio ora, ma tutto sembra essere al posto giusto: il sistema di crescita del personaggio è stato stravolto, per il meglio sembrerebbe, e l'Astrocorazzata sembra davvero un posto ricchissimo di segreti da scoprire. Il nuovo raid, sottolinea Bungie, sarà qualcosa di molto diverso da Crota: ci vorrà tempo per completarlo e scoprirne tutti i misteri. Sinceramente non c'è molto altro da aggiungere: adesso è il momento di smettere di guardare e cominciare a giocare. L'appuntamento quindi è per la recensione. Forza guardiani, non manca molto...