Destiny 2: Cala La Notte Adesso online

Affrontiamo in diretta il nuovo evento Cala La Notte!

Speciale Destiny - The Dark Below

Chiediamo al presidente di Bungie qualche informazione sul futuro di Destiny

speciale Destiny - The Dark Below
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Ps3
  • PS4
  • Xbox One
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Probabilmente neppure i ragazzi di Bungie si aspettavano un successo così virulento, per il loro Destiny. Lo “Shared World Shooter” uscito lo scorso 9 Settembre ha lasciato un solco profondo sul mercato, ed anche se la struttura a metà fra lo sparatutto e l'MMO che il team di Seattle ha messo in piedi non ha convinto proprio tutti i giocatori, a Destiny si sono avvicinati in tantissimi, magari solo per dare una sbirciatina nei server e poi mollare il colpo. Chi è rimasto, poi, si è trovato letteralmente rapito dal gunplay sostanzialmente perfetto e da una spirale ruolistica magnetica e trascinante.
Interrogato su questioni un po' spinose, Harold Ryan, presidentissimo di Bungie, ha ammesso fra le righe di aver sottovalutato la velocità con cui i giocatori avrebbero consumato, divorato, aperto, esaurito il “suo” videogame. Non lo dice mai apertamente, ma lo sappiamo che sotto-sotto lo pensa, mentre ci dice che “Bungie capisce le vostre urgenze”.
Io sorrido, ringrazio, comprendo la necessità di non esporsi che si mescola alla voglia di rassicurare i fan più sfegatati. Ma nel mio “gruppo del martedì sera”, quello con cui prendiamo Atheon a calci in bocca, ho qualcuno che vorrebbe solo dirgli: “muovetevi, però!”.
C'è da aspettare ancora un po', a dire il vero: la data da segnare sul calendario è quella del 9 dicembre, quando arriverà The Dark Below (l'Oscurità dal Profondo in italiano), primo DLC di Destiny che “inietta” nel codice di gioco nuove missioni, oggetti, strike e raid.
Non vediamo l'ora, anche per via dell'incremento del “Light Cap” che sarà portato a 32.
Per allentare l'attesa, ecco il resoconto della nostra intervista ad Harold, in cui abbiamo parlato un po' del futuro del gioco.

Dal profondo...

Everyeye.it: Siete contenti dei risultati ottenuti da Destiny in questi primi due mesi di vita?
Harold Ryan: Estremamente contenti, non credevamo si potesse raggiungere un risultato tale in così breve tempo. Siamo rimasti impressionati da quante persone si siano avvicinate al gioco; molte di loro stanno per terminare il viaggio che li porterà al livello 30, ed è stato veramente soddisfacente vedere le loro reazioni, e la maniera in cui sono cambiate durante il percorso.

Everyeye.it: Non dev'essere facile bilanciare le necessità dei giocatori più attivi e quelle di chi si avvicina al titolo con meno foga. Avendo contatti diretti con i rappresentanti della prima categoria, avverto come una richiesta quasi incessante di nuovi contenuti. Avete in mente qualche evento settimanale diverso dal solito, per coprire i mesi che intercorrono fra un'espansione e l'altra?
Harold Ryan: Guardando i dati di utilizzo di Destiny, siamo rimasti sorpresi soprattutto da una statistica. Come saprete abbiamo circa 3.2 milioni di giocatori connessi quotidianamente ai server, ma l'aspetto che più ci ha colpito è che il tempo medio di gioco per utente supera le tre ore al giorno. Ci sono giocatori che hanno già superato 100 ore di gioco, ed è normale che una community così attiva consumi un numero impressionante di contenuti.
Abbiamo già capito che gli eventi settimanali sono fondamentali per mantenere alto l'interesse degli utenti, ma ci siamo trovati anche a dover aggiustare qualcosa che non andava. Abbiamo dei team al lavoro per monitorare le statistiche, altri per creare nuovi contenuti, quindi sì: aspettatevi un supporto costante e novità ad ogni update settimanale.

Everyeye.it: Cosa ne pensi delle critiche mosse al droprate del titolo? Sai che ci sono giocatori che hanno costruito tre personaggi della stessa classe, e si passano l'equipaggiamento, per poter fare i raid e gli assalti settimanali tre volte e aumentare la probabilità di avere oggetti interessanti?
Harold Ryan: Voglio sottolineare due cose, riguardo a questo argomento. La prima è che queste critiche arrivano spesso da utenti molto appassionati, e sono veramente convinto che rappresentino una testimonianza di quanto i giocatori tengano in fondo al prodotto. La seconda è che sono pienamente convinto che sulla lunga distanza, anche i giocatori che oggi si fanno tre personaggi identici finiscano per avere versioni fortemente specializzate del loro titano, ad esempio, e scelgano l'uno o l'altro a seconda delle missioni che intendono giocare o degli obiettivi che vogliono perseguire. Alla fine, questo gli farà capire quanto Destiny sia un prodotto profondo e in continua evoluzione.

Everyeye.it: Un sistema di potenziamento basato interamente sul loot, non è un po' rischioso in termini di stimoli per il giocatore? Faccio l'esempio dell'evento Ira della Regina: non appena avete rimosso la possibilità di ottenere materiali rari smontando gli oggetti ottenuti, i giocatori hanno smesso di fare le taglie della Regina. Potrebbe succedere anche con i Raid e gli assalti? Se quelli inseriti nei DLC droppano oggetti migliori, si perde il motivo per fare quelli vecchi...
Harold Ryan: La nuova espansione, The Dark Below, è pensata per offrire attività a tutti i giocatori, anche a chi non ha raggiunto l'endgame. Quello che cercheremo di fare, aggiungendo nuove missioni e nuovi raid, è dare ai giocatori un più ampio spettro di cose da fare, che non siano mutualmente esclusive. Anche se non dovete aspettarvi necessariamente l'arrivo di nuovi modificatori di difficoltà, cercheremo sempre di rendere interessanti le vecchie missioni, magari con qualche cambiamento che arriverà con una patch, magari rilanciandole con i sistemi di promozione settimanale e giornaliero delle varie missioni.

Everyeye.it: In termini contenutistici, cosa possiamo aspettarci da questo primo DLC?
Harold Ryan: In The Dark Below ci saranno nuove armi, equipaggiamenti e armature, tre nuove mappe multigiocatore, ed il Level Cap della Luce sarà alzato a 32.
Un altro elemento importante è l'arrivo di un nuovo vendor, Eris, che vi permetterà di vivere la storia in una maniera completamente diversa. Vi manderà in giro per lo spazio per cercare di sterminare finalmente l'Alveare.
C'è poi un nuovo assalto e un nuovo raid. E i giocatori delle piattaforme PlayStation potranno giocare un assalto co-operativo esclusivo (Mente Imperitura) e recuperare un’arma esotica inedita.

Everyeye.it: In termini di storia, quindi, questo DLC avrà una sceneggiatura più articolata? Ci spiegherà qualcosa in più su quello che sta succedendo nella galassia oppure sulle origini dell'Alveare?
Harold Ryan: Il nostro obiettivo, con questo DLC, era quello di aggiungere nuovi elementi all'universo sci-fi, far conoscere nuove informazioni su Crota, e dare ai giocatori un nuovo modo di vivere la storia. Il nuovo NPC che troverete alla Torre avrà un ruolo fondamentale.

Everyeye.it: Ci puoi raccontare un po' del Raid che troveremo sulla luna, qualche sequenza originale tipo quella stealth della volta di vetro?
Harold Ryan: Non vogliamo svelare questo tipo di dettagli prima che il gioco esca, perchè vogliamo che i giocatori scoprano da soli il modo di affrontare i Raid, ma in buona sostanza dovete sapere che sì, abbiamo sviluppato il raid con le stesse intenzioni di quando abbiamo sviluppato la Volta di Vetro, e potete aspettarvi un'identica complessità.

Everyeye.it: Avete lavorato in maniera eccelsa sul lore del gioco, ma per tanti utenti non è facile entrare in contatto con quelle informazioni, “nascoste” nelle carte del Grimorio sul sito Bungie.net. Avete in mente un sistema per integrarle in-game?
Harold Ryan: Migliorare l'accessibilità all'universo finzionale che abbiano creato è importante per noi. Devo dire che le cose stanno andando bene anche con Bungie.Net, visto che abbiamo avuto ben 2 milioni di nuove iscrizioni. Il grimorio sta funzionando, insomma, ma siamo d'accordo che sarebbe auspicabile avere accesso a quei contenuti direttamente in-game.

Everyeye.it: A quando una nuova area esplorabile?
Harold Ryan: Non ne stiamo parlando al momento, ma capiamo l'urgenza per questo tipo di contenuti.

Che voto dai a: Destiny

Media Voto Utenti
Voti totali: 220
7.8
nd