GCom12

Speciale Gamescom 2012 - L'arrivo e le aspettative

Cosa ci aspettiamo da questa edizione della fiera tedesca

Articolo a cura di

Anche quest'anno la traversata lunga un'intera giornata è stata compiuta con successo.
Quando quest'articolo verrà pubblicato non sarà altro che la vigilia dell'inizio della GamesCom, ma mentre viene scritto noi dello staff di Everyeye.it dobbiamo ancora sistemare il proprio bagaglio e scegliere, o meglio sottrarre alla spietata concorrenza, il letto al quale affiderà il prezioso riposo. Siamo arrivati da pochi minuti nel nostro hotel e già, sporgendoci dalla finestra che ci regala una suggestiva vista della città al tramonto, indichiamo punti sempre più lontani nei quali riecheggiano ancora le nostre avventure degli anni passati.
La GamesCom è diventata ormai un'irrinunciabile consuetudine, un rito di passaggio che, come la tradizione vuole, si veste di precise ricorrenze e specifiche usanze sempre più ferree e cariche di significati. C'è un viaggio, da vivere rigorosamente in macchina tra interminabili autostrade e inspiegabili code in Svizzera. Ci sono cene in locali dai nomi improbabili, con i loro piatti ormai classici e l'immancabile cameriere italiano pronto a spiare i nostri strani discorsi sui videogiochi. C'è la serata in cui riascoltare tutte le hit dei The Lonely Island, ridendo come pazzi, come se fosse la prima volta. Ci sono aneddoti, ormai infarciti di particolari leggendari da trasmettere ai nuovi arrivati. E naturalmente c'è anche lei, il motivo per cui ogni anno ci facciamo mille chilometri in macchina: la GamesCom. Evento che da sempre soffre la vicinanza dell'E3, ma che riesce comunque a regalarci qualche sorpresa.
Quali sono le nostre aspettative a poche ore dell'apertura ufficiale dell'evento? Anche quest'edizione del 2012 che ci apprestiamo a vivere si apre con i migliori auspici, carica di speranza ed eccitazione. Eppure, sullo fondo compare lontana qualche nuvola grigia.

Le (non) mosse dei big three

Le premesse di questo pallido, ma innegabile, sentimento di scetticismo e preoccupazione nasce molto prima del nostro arrivo a Colonia. Esso trova le sue radici tempo addietro, nelle notizie della mancata partecipazione di Microsoft e Nintendo. Al contrario delle scorse edizioni, i due colossi non avranno un proprio booth né nell'area business, quella riservata agli addetti e ai giornalisti, luogo insomma delle presentazioni a porte chiuse, né sullo show floor, da sempre punto di incontro tra sviluppatori, le loro creature e l'utenza.
Per quanto riguarda la casa di Redmond l'assenza è pesante, ma in qualche modo comprensibile. I titoli esclusivi in sviluppo per la loro ammiraglia stanno chiaramente diminuendo. Sebbene l'hype per Halo 4 sia già incontenibile, e avrebbe fatto piacere anche a noi poterlo rivedere nuovamente, i numerosi rumor sulla futura Xbox lasciano intendere che ormai Microsoft è pronta per il salto. Un investimento importante, come lo sarebbe stato quello per assicurarsi la partecipazione alla GamesCom, appare insomma poco conveniente visto quanto fatto all'E3 e nell'impossibilità di mostrare attualmente la loro prossima console.
Diverso il discorso per Miyamoto e soci, la cui assenza ha fatto molto rumore. Il 3DS avrebbe tratto sicuramente giovamento da qualche ulteriore annuncio e presentazione dei nuovi titoli in arrivo. I dati vendita disastrosi di PS Vita rendono la vita relativamente tranquilla ai piani alti del quartier generale situato a Kyoto, ma la line-up del portatile necessita comunque, e in tempi rapidi, ulteriore supporto.
Il Wii U è un capitolo a sé. La delusione per la sterile conferenza dell'E3 è ancora viva in moltissimi fan che, quantomeno, si aspettavano un moto d'orgoglio alla kolmesse teutonica. Niente da fare invece: la next-gen casalinga targata Nintendo potrà contare unicamente su ciò che mostreranno le terze parti. L'assurdità di questa decisione è piuttosto evidente, tanto più che la console dovrebbe fare il suo esordio entro la fine dell'anno. Perché non sfruttare quest'occasione per convincere ulteriormente stampa e pubblico della bontà del concept alla base di Wii U?
Di fronte a un tale scenario toccherà a Sony fare la parte del leone, il che, a ben vedere, ha sicuramente senso: se le due concorrenti paiono a loro agio e in vantaggio nei rispettivi continenti d'origine, il colosso nipponico ha fatto registrare i risultati migliori proprio in Europa. Ecco dunque che per l'occasione il publisher ha preparato le cose in grande stile: presentazioni a porte chiuse in un hotel adiacente alla sede della GamesCom, immenso stand sullo show floor e persino una conferenza fissata tra qualche ora rispetto alla pubblicazione di quest'articolo.
E' quindi piuttosto semplice fare un discorso di aspettative relativamente ai tre produttori hardware: Microsoft e Nintendo sono ferme ai box e si limiteranno a vivere di quanto le terze parti mostreranno. Sony, al contrario, ha il dovere di regalarci almeno un colpo di scena. In molti vociferano la presentazione del nuovo modello ultra-economico della PS3, ma noi di Everyeye speriamo in qualche ghiotto annuncio per PS Vita. Se per PS3 infatti c'è già abbastanza carne sul fuoco, tra The Last Of Us e Beyond Two Souls, la piccola di casa ha il dovere di ribaltare i pronostici che la danno già per spacciata. Call Of Duty Declassified e Assassin's Creed 3 Liberation sono una buona base, ma servirebbe un ulteriore annuncio di una first party Sony. Speriamo bene.

I publisher che non restano a guardare

Anche tra gli altri publisher, a ben vedere, non ci sono grandissime aspettative. Purtroppo la vicinanza con l'E3 è una realtà che si fa sentire anche quest'anno per i motivi sbagliati. Così tra demo identiche che verranno risposte sullo show floor e una carenza fisiologica di nuovi annunci, si vivrà per lo più di grandi e piccoli approfondimenti, ulteriori hands-on e novità appena sussurrate.
Ciò non vuol dire che nella nostra agenda non siano presenti stimolanti incontri con gli sviluppatori e promettenti presentazioni a porte chiuse. Star Wars 13 tanto per cominciare, ancora piuttosto timido e sconosciuto, Dishonored, sul quale vertono pesanti aspettative, il nuovo Hitman, che potrebbe avere la forza necessaria per riportare la saga alla gloria di un tempo, sono solo alcuni dei titoli più interessanti che ci preoccuperemo di vedere da vicino. La lista può proseguire tirando in ballo l'intrigante Defiance, il cui rapporto con la serie TV affine deve essere meglio specificato, Residen Evil 6, sul quale aleggiano dubbi e paure, e il rinato X-Com, fiore all'occhiello di tanti nostalgici.
In tutto questo vanno poi inserite le conferenze di EA, che potrebbe serbare qualche sorpresa e noi speriamo che prenda le sembianze di Mirror's Edge 2, e di Capcom alle prese, tra le altre, con il rilancio di Lost Planet. Non mancheranno poi tour prolungati nei boot dei vari sviluppatori dove potrebbero essere svelati, a tradimento, nuovi progetti.
Difficile insomma fare delle vere e proprie predizioni. Ciò che è certo è che ci sono tantissimi titoli da vedere, sul quale non mancheremo di scrivere nuove anteprime e di informarvi sui possibili aggiornamenti. Al di là di qualche piccolo sogno però, come il già citato Mirror's Edge 2, se ci saranno delle sorprese saranno tali per tutti: noi in primis.

Il PC si afferma

Naturalmente altissime le aspettative sul fronte PC gaming. Ricordiamo a tutti che Gamescom è da sempre una manifestazione decisamente orientata al gioco per computer, in un paese, la Germania, che fa del PC gaming un vanto e una tradizione, partendo dal casual player fino al pro-gamer.
Sega avrà l’onore di presentarci l’ultima fatica del team Creative Assembly con Rome Total War II, seguito di uno dei capitoli di Total War più amati dal pubblico nonché uno dei più acclamati dalla critica. Siamo sicuri che il titolo in questione saprà mostrare un engine ulteriormente potenziato ed un livello di dettaglio ancor superiore rispetto al già incredibile Shogun II.
Alla manifestazione non poteva certo mancare Blizzard, con due titoli molto attesi dagli utenti del mondo PC: ovviamente ci riferiamo al nuovo capitolo di StarCraft II, seconda parte del famoso RTS ambientato nello spazio che questa volta vede protagonisti gli Zerg, e Myst of Pandaria, imminente espansione di World of Warcraft, la cui data di release è recentemente slittata al 22 di settembre.
Presenza importante e immancabile della conferenza è Paradox, che a questo turno avrò occasione di presentarci War of the Rose, il dungeon strategy game Impire e l´atteso sequel della serie Europa Universalis arrivata al suo quarto episodio .
Ci auguriamo di poter mettere mano alle demo giocabili della tonnellata di FPS in arrivo per la prossima stagione, quali Medal of Honor Warfighter, Call of Duty Black Ops II e Far Cry 3; ma non dimentichiamoci di Arma III. Bohemian Interactive sarà anch’essa presente alla manifestazione per mostrarci ancora una volta il terzo episodio di Arma, un vero e proprio combat simulator in prima persona, più realistico che mai e tattico come solo una vera guerra può essere. Ma sul fronte degli shooter non è ancora finita, perché Ubisoft dovrebbe presentare in forma giocabile l’ultimo titolo della software house francese Nadeo, Shootmania, già presentato lo scorso giugno a Los Angeles in occasione dell’E3, proprio durante la conferenza di Ubisoft.
In questo contesto non possiamo non menzionare i team di sviluppo italici in trasferta qui a Colonia, fieri portatori del tricolore italiano con alcuni titoli legati al mondo delle corse automobilistiche. Il primo è Victory di Vae Victis, un frenetico gioco di corse online che si propone in forma free-to-play, mentre il secondo è Assetto Corsa, un titolo altamente simulativo che promette di imporre un nuovo standard di realismo nei racing game per computer.
Anche Deep Silver avrà sicuramente molto da raccontarci, in modo particolare sono alte le aspettative per la conferenza stampa di Dead Island 2, un sequel inatteso per il bel survival horror co-op in prima persona dello scorso anno. Ma non scordiamoci di Secret Files 3, titolo che completa la trilogia di una delle avventure grafiche più celebri degli ultimi anni. Siamo inoltre sicuri che la manifestazione ospiterà tanti piccoli sviluppatori che all’occorrenza sapranno sfornare qualche novità e qualche titolo sorpresa.
In questi giorni farà capolino anche Nvidia, che con ogni probabilità presenterà al pubblico qualche nuova tecnologia per l’ambito il mobile, forse la nuova versione Tegra 3.

Gamescom 2012 La Gamescom 2012 è ai nastri di partenya. Dopo le conferenze di oggi gli otto inviati di Everyeye.it si riverseranno nei padiglioni e apriranno le serratissime "Closed Door" di ogni presentazione, come sempre per ofrrirvi il più completo coverage del Web sull'evento tedesco. Restate con noi.