Speciale Guild Wars 2: due anni dopo

L'MMO di ArenaNet compie due anni! Ecco le novità in arrivo a Settembre con il Feature Pack.

speciale Guild Wars 2: due anni dopo
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
Alessandro Sordelli inizia la sua avventura videoludica ereditando un leggendario Commodore 64 a cassette magnetiche, computer che gli apre le porte ai giochi di ruolo e tutto ciò che è fantascienza. Pur nutrendo da sempre un particolare amore per la piattaforma PC, non disdegna il panorama console. E' in giro su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Tra i titoli PC online-only preferiti in redazione, un posto speciale è sicuramente riservato a Guild Wars 2, massive game a tema fantasy, sequel del popolare CORPG uscito nel 2005.
Fra qualche giorno, l’MMO fantasy sviluppato da ArenaNet e Distribuito da NCSOFT compirà due anni. È un traguardo importante per un titolo che, pur non vantando una popolazione numerosa come quella di tanti altri massive game sulla piazza, si ritaglia un importante spazio nel mondo del PC gaming online, tanto nel territorio europeo quanto in quello nord americano. Due sono i punti di forza del gioco Made in Washington: l’assenza di un canone mensile, e i nuovi contenuti costantemente rilasciati per rendere il mondo di gioco sempre più vivo e dinamico.
Dopo due anni intensi e ricchi di nuovi contenuti, il publisher ci assicura che le sorprese non sono affatto finite, e che nonostante l’uscita di Wildstar, il popolare fantasy game non verrà affatto abbandonato, vantando anzi un sacco di nuove aggiunte anche per la stagione 2014/2015. Tra qualche settimana potremo avere un piccolo assaggio dei futuri add-on grazie ad un succoso aggiornamento che influirà per lo più su PvP, WvW e bilanciamento delle classi.

LA SITUAZIONE ATTUALE E GLI ULTIMI UPDATE

Scarlet è morta. Lion's Arch porta i terribili segni di una dura battaglia, versando ormai in condizioni critiche; da una terra lontana il risveglio di un nuovo Elder Dragon minaccia quella poca parvenza di pace raggiunta dagli abitanti.
La prima stagione conclusasi lo scorso giugno, ha visto la bellezza di 20 episodi - o capitoli - e 9 eventi speciali. I primi sono proposti al pubblico al pari di vere e proprie puntate di un serial TV: una nuova storia da raccontare, un plot che si intreccia magnificamente con il mondo di gioco, il tutto condito da quest tematiche, eventi dinamici e boss inediti. Gli special event sono invece delle festività ricorrenti che vengono celebrate in gioco con quest, eventi e modalità multigiocatore create ad hoc per l’occasione. Nel corso del Wintersday, che cade nel periodo compreso tra S. Lucia e i primi dell’anno, si sfidano gli altri giocatori a palle di neve e si combatte contro le forze del male che vogliono sabotare il Natale (la versione videoludica de “Il Grinch”). In questi eventi i giocatori sono solitamente ricompensati con oggetti speciali, particolarmente rari e disponibili solo in quella finestra temporale; ci sono costumi, pozioni speciali, armi e persino skill a tema. La season 2 è invece iniziata il primo di luglio scorso con il modulo Gates of Magumma ed è attualmente giunta al quarto episodio, The Dragon’s Reach - Part 2. I nuovi giocatori o quelli che sono rimasti indietro con la storia, possono guardarsi dei comodi video di recap per scoprire tutto circa gli ultimi risvolti narrativi.

"La prima stagione conclusasi lo scorso giugno, ha visto la bellezza di 20 episodi e 9 eventi speciali."

Il piano di updating di ArenaNet per Guild Wars 2 si chiama Living World. In maniera simile a quanto sta facendo Perfect World con Neverwinter, il gioco si aggiorna ogni mese (o anche meno, a seconda dei casi) con nuove quest per tutti i giocatori che hanno già raggiunto il level cap con il personaggio. Come suggerisce lo stesso appellativo, il piano a lungo termine ha lo scopo di rendere Tyria qualcosa di più di un semplice mondo persistente, ma una dimensione viva e pulsante. Lo dimostrano alcune ambientazioni profondamente mutate, come Arco del Leone, che da gioiello del regno è divenuta una massa fumante di macerie. Una grossa cicatrice sulla regione di Kryta, diretta conseguenza della grande guerra contro la malvagia Scarlet. Ma la distruzione di Lion’s Arch non è che un esempio dello splendido universo dinamico e interattivo tratteggiato da ArenaNet nell’ultimo anno. Uno degli episodi più interessanti della season one è stato Cutthroat Politics, durante il quale i giocatori erano chiamati a votare uno dei due candidati alla carica di Capitano del Consiglio di Arco del Leone, in quella che era una campagna elettorale vera e propria (i giocatori potevano fare propaganda in prima persona, partecipando a missioni tematiche). Qualche settimana più tardi, durante il Giubileo della Regina, i giocatori potevano combattere con degli speciali boss in un’arena approntata per l’occasione.

ARRIVA IL FEATURE PACK 2!

Seppur gran parte dei contenuti dell’imminente feature pack siano ancora avvolti nel mistero, alcuni post del blog ufficiale di ArenaNet ci vengono in aiuto con info e piccoli suggerimenti, attenuando l’attesa e caricando l’utenza con un po’ di sano hype.
Già lo scorso aprile Guild Wars 2 fu aggiornato con svariati contenuti: migliorati i menù e le interfacce, ridisegnato il sistema di ricerca del gruppo per i dungeon, rivisti i loot dei champion mob, sistemato alcune falle del sistema economico e migliorato l’infrastruttura server (con la tecnologia Megaserver). Il guardaroba del personaggio è ora suddiviso in menù e risulta ordinato anche se non sempre più comodo da utilizzare; segue a ruota qualche cambiamento nel dying system.
Per le prossime settimane attendiamo l’ennesimo bilanciamento delle classi (tutte e 8), volto a migliorare le dinamiche di PvP e PvE. L’Elementalist vede migliorate le proprie skill di utilità, mentre l’Engineer subisce qualche cambiamento per ciò che concerne l’uso degli elisir. Anche il Guardian rivede le sue utility skill, così da favorire la creazione di nuove build sia offensive che difensive. Il Mesmer è quello che subisce la revisione più pesante, con interventi e ritocchi in quasi tutti gli ambiti; il Necromancer, al contrario, si limita a ottimizzare la survivability. Al Ranger è stata sostituita del tutto un’abilità di marksmanship, mentre il Thief incrementa danni e valori di alcuni tratti. Da non dimenticare il Warrior, che vede sistemati uso e perdita di adrenalina in combattimento. Il Commander System disporrà invece di nuove icone colorate così da rendere ancor più semplice gestire le tattiche del PvP.

Ovviamente è stato annunciato l’inizio della nuova stagione World vs World e, insieme a questo, il Guild Wars 2 Tournament Series, ovvero un circuito internazionale che darà possibilità ai migliori giocatori di tutto il mondo di sfidarsi per ottenere il titolo mondiale, oltre a un premio in denaro di ben 50 mila dollari. La speranza è che il titolo di ArenaNet possa ritagliarsi uno spazio ancor più importante nello scenario del competitive gaming, anche se dubitiamo si possa replicare il successo del primo Guild Wars.

Sul fronte tecnico, il netcode è stabile più che mai; l’engine, invece, pecca ancora di ottimizzazione, con CPU (anche di fascia alta) che lavorano a pieno regime anche quando non sembra essercene motivo (con temperature elevate e ventole che impazzano). Inutile dire che negli ultimi anni abbiamo potuto assistere ad un netto miglioramento tecnico nel mondo degli MMO (il recente ArcheAge ne è la prova lampante), e Guild Wars 2 pare purtroppo non essere ancora riuscito ad adeguarsi allo standard.

Guild Wars 2 A ben quarantotto mesi dal lancio, il titolo di ArenaNet si conferma essere uno dei più interessanti MMO del mercato, senza dubbio dei meglio supportati in termini di contenuti e add-on. La strategia adottata dal publisher NCSOFT si è rivelata infatti vincente: micro-espansioni a cadenza mensile, per un end game vivo e dinamico. La season two appena avviata è decisamente intrigante; il secondo feature pack in arrivo promette invece di sistemare il bilanciamento e aggiungere qualche interessante funzione, così come ulteriori modifiche all’interfaccia e alla gestione del party. Gli amanti di PvP e WvW, infine, saranno omaggiati con un nuovo sistema di ricompense e un allettante campionato mondiale. Insomma, davanti a Guild Wars 2 sembra davvero esserci un roseo futuro. Dovessimo consigliare dei giochi PC da giocare il prossimo autunno, il titolo di ArenaNet sarebbe certamente in cima alla nostra lista della spesa.