Speciale Heroes of the Storm - Lost Vikings e Patch di Febbraio

Arrivano i vichinghi

speciale Heroes of the Storm - Lost Vikings e Patch di Febbraio
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
Lorenzo Morlunghi Lorenzo Morlunghi gioca ormai da oltre 20 anni a quasi tutto e adora parlare di videogiochi e farci video sopra, soprattutto per ridere. Nel tempo libero guarda anche film e legge qualche fumetto, ascoltando per lo più musica elettronica. Lo trovate su Facebook.

A circa un mese dall'ultimo aggiornamento che ha fiondato Heroes of the Storm nella tanto attesa fase Closed Beta, Blizzard ha reso disponibile sui propri server una nuova patch per il suo innovativo moba. Anche in questo caso le modifiche non si sono limitate al puro piano del gameplay e del bilanciamento: troviamo la gradevole aggiunta di un nuovo eroe e cambiamenti per quanto riguarda il comparto grafico. Scopriamo quindi insieme tutte le più importanti migliorie che sono state apportate.

DIRETTAMENTE DAL 1992

Primi membri di una nuova categoria d'origine degli eroi selezionabili, i Vichinghi Sperduti non appartengono a nessuno dei 3 universi da cui finora si è attinto per inserire dei nuovi personaggi, e fanno riferimento a un generico gruppo "Retro". Per chi non lo conoscesse, The Lost Vikings è il primo gioco sviluppato da Blizzard Entertainment nel lontano 1992, disponibile su console dell'epoca come Super Nintendo e Sega Mega Drive, ed è proprio da lì che sono stati ripresi i nuovi eroi norreni, con tutta la loro verve e pronti a seminare distruzione con archi, scudi e navi da guerra.
Innanzitutto diciamo che i Vichinghi Sperduti sono un personaggio atipico tra quelli selezionabili, perché contano come un singolo eroe, ma fisicamente sono in tre. Il tris di eroi (Erik, Olaf e Baelog) può anche dividersi, ma le barre della vita restano sempre e comunque divise fra i singoli personaggi (conseguentemente anche la morte e il relativo tempo di cooldown non saranno comuni a tutta la squadra). Questo apre delle discrete prospettive strategiche, soprattutto per i giocatori più avvezzi al multitasking, in quanto (in linea teorica) si potrebbe mantenere un eroe per ogni corsia e gestire la partita in un modo precluso agli avversari.

Tale vantaggio è però mitigato dall'assenza delle tre abilità di base disponibili per tutte le altre classi. Q W e E possono essere sbloccate solo attraverso alcuni talenti (e non sono obbligatorie), quindi la maggior parte dei danni che derivano dalle unità sono frutto dei semplici attacchi di base. Le due mosse finali disponibili sono di tipo opposto: la prima è di tipo curativo e permette di resuscitare istantaneamente gli altri compagni morti nel punto in cui si trova chi la utilizza; la seconda è strettamente offensiva ed evoca una Drakkar (un'antica barca vichinga) su cui i nostri eroi potranno salire e sparare cannonate in ogni dove.
Allo stato attuale questa unità ci è sembrata estremamente difficile da gestire in maniera efficiente, pensata in buona sostanza per giocatori provenienti da esperienze come Starcraft e simili, in cui la gestione contemporanea di più unità è una competenza di base. È molto probabile che già dalla prossima patch alcune sostanziali modifiche verranno applicate a questo nuovo, divertente ma caotico personaggio, soprattutto tenendo conto del feedback e delle opinioni che i giocatori avranno in merito.

LA SUBLIME ARTE DEL NERF

Come era lecito aspettarsi Blizzard sta proseguendo nella sua opera di bilanciamento dei personaggi, cercando (almeno stando a quello che dice la comunità) di tenere sotto controllo gli eroi più utilizzati nelle partite ufficiali e cercando di metterli al pari con tutti gli altri. Anche in questo caso assistiamo a cambiamenti più o meno sostanziali un po' per tutti, ma vi segnaliamo quelli che, a nostro parere, hanno dato la svolta più radicale:

  • Arthas è stato "nerfato", rimuovendo il talento Avvelenamento (molto utilizzato tra i giocatori) e modificando Tempesta Congelante (ora consuma più mana e fa più danni, ma sono stati rimossi/cambiati alcuni talenti a essa collegati). Il talento Panacea Runica è stato depotenziato (ora cura di meno), mentre l'abilità finale Armata dei Morti ha un cooldown aumentato e garantisce una guarigione inferiore derivata dai ghoul.

  • Raynor è stato modificato pesantemente, in quanto sono stati aggiunti molti nuovi talenti ed è stata cambiata la sua abilità passiva, che non riduce più i cooldown quando un nemico da lui ferito viene ucciso in breve tempo, ma garantisce un range visivo e di attacco aumentato. L'abilità Ispirazione non aumenta più i danni, ma la velocità d'attacco, mentre la finale Hyperion è stata integrata automaticamente con il relativo talento che si prendeva a livello 20. Infine le banshee de I Randagi di Raynor ora possono essere reindirizzate verso un bersaglio scelto dal giocatore.

  • Tychus è stato depotenziato mutando radicalmente il funzionamento dell'abilità finale Odin, che ora non concede più una seconda barra della vita, così che distruggendo il mech viene sconfitto di conseguenza anche l'eroe. In compenso sono stati aumentati sia la portata degli attacchi di base, sia la velocità d'attacco, inoltre sono stati aumentati i danni dell'abilità Annichilimento, mentre i Missili di Ragnarok ora possono essere indirizzati. È stata aggiunta anche una nuova abilità, Propulsori, che fa scattare Tychus in una direzione desiderata.

  • Alachiara è stata depotenziata, infatti Guizzo Fasico, che permette di teletrasportarsi su un eroe alleato, ora ha un cooldown aumentato da 30 a 45 secondi, inoltre l'efficacia di Polvere di Fata è stata ridotta su tutti i fronti: durata del potenziamento, riduzione della velocità di movimento e riduzione della cariche di parata fornite. In compenso ne sono stati ridotti anche il costo in mana e il cooldown.

  • L’IMPORTANZA DEL TALENTO

    Grandi modifiche sono state fatte anche nel sistema dei Talenti. Innanzitutto sia Fosky, sia i Vichinghi Sperduti ora contano singolarmente per i talenti che richiedono un'uccisione di eroi (precedentemente per Fosky era necessario uccidere lui e l'uovo). Inversione è stato modificato nuovamente, scalandolo dal livello 13 al 20 e impedendone, quindi, l'utilizzo fino alle fasi finali della partita. In compenso sono stati introdotti 4 nuovi talenti di livello 20, vincolati comunque a determinati personaggi:

  • Lame del Nexus, che aumenta i danni degli attacchi base (Illidan, Kerrigan, Sonya, Thrall, Tyrael, Zeratul)
  • Frenesia del Nexus, che aumenta la velocità d'attacco e estende la portata degli attacchi base (Jaina, Raynor, Sgt. Hammer, Tychus, Valla)

  • Scudo Rinforzato, che riduce notevolmente i danni subiti per un breve periodo di tempo (Anub'arak, Arthas, Chen, E.T.C., Sparachiodi, Muradin, Sonya, Tritacarne, Tyrael)

  • Furia della Tempesta, che potenzia periodicamente un attacco base (Sparachiodi, Nazeebo, Sgt. Hammer, Vichinghi Sperduti, Zagara)

  • Tra le migliorie varie ritroviamo anche un aggiornamento dell'interfaccia utente, con l'introduzione di un comodo sistema di statistiche sulle ultime partite, come ad esempio il rapporto vittorie/sconfitte delle singole mappe. La grafica è stata rivista soprattutto nelle animazioni e negli effetti visivi di alcune abilità, che ora si presentano in forme differenti anche a seconda del costume indossato dall'eroe in questione.

    Cattive notizie in arrivo per i giocatori meno pazienti e dediti all'abbandono volontario delle partite. Infatti, fuggendo da un match in Lega Eroi, ora non solo si dovrà portare a termine una Partita Rapida prima di riprenderne una classificata, ma, nel caso in cui diventasse un atteggiamento frequente, aumenteranno di conseguenza anche il numero di tali partite "punitive" da compiere. Inoltre, diventando giocatori segnalati, nelle Partite Rapide il sistema di matchmaking tenderà a unirci con altri giocatori della stessa categoria, nel tentativo di ridurre quegli atteggiamenti scorretti purtroppo molto comuni nel mondo dei moba.

    Heroes of the Storm A cadenza mensile Blizzard è pronta ad aggiornare Heroes of the Storm con aggiunte e modifiche sempre più importanti nell'economia del titolo. Anche in questo caso abbiamo ottenuto un nuovo eroe, nuovi talenti, bilanciamenti e stravolgimenti del gameplay (oltre che a innovazioni varie dal punto di vista grafico), per un titolo che, nonostante l’avanzato stadio di sviluppo, continua ad evolversi in maniera sempre interessante. È altresì vero che tali cambiamenti potrebbero non essere graditi da tutta la community, che fondamentalmente si ritrova, una volta al mese, a dover rivedere le proprie strategie e ad adattarsi alle “mode” online del momento. È però indubbio che tale politica sia funzionale a evitare un imbarbarimento della componente tattica, in un genere di gioco che rischia perennemente di vedere nei match sempre gli stessi eroi in campo. Sarà da vedere se questo sistema verrà utilizzato anche una volta che il gioco sarà uscito in release finale, con l’introduzione di campionati ufficiali e leghe stagionali che, come è lecito immaginare, male si concilieranno con aggiornamenti così frequenti del gameplay. Che sia una soluzione temporanea in fase Beta o una ferrea politica Blizzard per smuovere le acque, solo il tempo potrà dircelo.

    Che voto dai a: Heroes of the Storm

    Media Voto Utenti
    Voti totali: 37
    7.8
    nd