Horizon Zero Dawn: 10 scatti meravigliosi

Emanuele Bresciani ci propone i primi scatti dedicati a Horizon Zero Dawn, l'eccezionale open world di Guerrilla Games.

speciale Horizon Zero Dawn: 10 scatti meravigliosi
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • PS4
Emanuele Bresciani Emanuele Bresciani : insospettabile autotrasportatore di giorno, di notte veste i panni del videogiocatore e fotografo videoludico spendendo ore su un unico frame che cestinerà quasi sicuramente. Fondatore di ProjectRing negli anni ‘90 col nickname Emalord e redattore per riviste ormai dimenticate collabora con everyeye.it perché crede che Gaming sia sinonimo d’Arte e vuole diffondere l’idea su scala nazionale. Seguitelo su twitter @electricbskies per riflessioni bislacche e scatti che non vedranno mai la luce del giorno.

Per come si sviluppa sulla mappa e per gli stimoli visivi che offre, Horizon mi ricorda tantissimo Red Dead Redemption di Rockstar San Diego: un gioco che ti porta dal deserto alla campagna, dalle pianure alle montagne, dalla sabbia alla neve, dalla tundra alla giungla senza apparente soluzione di continuità e in pochi minuti di cavalcata. Quello che RDR faceva anni fa, Horizon lo fa oggi ma con i mezzi di una generazione aggiunta e su una scala più grande. Ogni cinque minuti, ad ogni calvalcata, ad ogni passeggiata più o meno distratta il giocatore scopre terre inesplorate ed inattese, specchi d'acqua meravigliosi, veri e propri scenari da guida del turismo. Ci sono fazzoletti di mappa meravigliosi che probabilmente alcuni giocatori non vedranno mai. Un albero mai visto prima in una posizione particolare, un laghetto solitario, un ponte dal design unico, una scarpata infinita che vi atterra in una giungla inaspettata. Il senso di verticalità di Horizon è fortissimo dall'inizio alla fine e le locazioni uniche ed irrepetute nel corso del gioco sono in quantità generosissima. Per chi ama il Photomode, Horizon è una fonte continua di stimoli e suggestioni.

Immortalare un gioco splendido come Horizon è rischioso perchè tutta questa bellezza rende ogni singola foto un potenziale capolavoro. Distinguere tra "bello si" e "bello ma" è cosa molto ingannevole e necessita di ore di lavoro e immersione. Ho fatto decine di foto in cui Aloy combatte un Watcher (Sentinella), ma alla fine solo questa si è salvata perchè è una eccellente sintesi di movimento, azione e senso di profondità. Più di una volta ho fatto foto dove -ad esempio- si percepiva chiaramente che Aloy non stava mirando alla testa della macchina oppure che Aloy e la macchina non stessero in realtà confliggendo, e sebbene all'inizio mi sembrassero dettagli trascurabili alla fine ho cestinato svariate foto in quanto etichettate "bella ma".

Come spesso succede, questa foto è frutto di colpo d'occhio ma anche di fortunata coincidenza: essere nel posto giusto (deserto) al momento giusto (il passaggio del Tallneck) all'ora giusta. Il resto viene da solo. L'unico mio merito reale è l'avere scelto il formato 21:9 e l'avere rimosso Aloy dall'inquadratura tramite apposita opzione, il resto l'ha fatto il Decima Engine.

Contrariamente a quanto sopra, questa foto è invece il risultato di tantissime prove di taglio, composizione, filtro e scelta dell'ora del giorno. Mettere Aloy in quell'angolo in maniera così defilata mi è sembrato l'unico modo possibile di valorizzare i due splendidi Behemoth. Avrei potuto caricare di più la sfocatura del secondo piano per rendere più leggebile il Behemot in primo piano, ma così facendo avrei nascosto la testa del Longleg che fa photobombing sulla destra e la cosa mi sarebbe dispiaciuta. Trovo che la scena sia comunque leggibilissima per quanto vagamente complessa.

Potenzialmente spoilerosa, questa foto è il mio primo incontro con un Corruttore. Una delle poche scene d'azione di massa -con altre gente e macchine in scena- che mi sia ben riuscita senza inopportuna presenza di carcasse, cadaveri, caos, animazioni o effettistica troppo ridondanti. Notare come frecce e lacci rimangano perfettamente adesi al corpo della macchina.

Per quanto il chara-design sia la cosa più debole del gioco a mio avviso (facce serene e paffutelle e barbe perfettamente tagliate in un mondo post-apocalittico?? What?), Aloy -a modo suo- rimane uno dei personaggi femminili meglio riusciti di sempre grazie ad un'espressività, dolcezza e simpatia davvero straripanti (aiutate da un antialiasing spettacolare e fisica dei capelli eccellente). Ho voluto dedicarle per questa mia prima collezione una foto mentre cavalca libera e serena nella natura. Notare come i capelli si adattino al vento in direzione contraria all'andatura nonchè il mecha-design del Corsiero pieno di parti composte da materiali diversi.

Una cacciatrice appostata ad osservare la sua preda da una distanza di sicurezza. A volte una foto racconta tante storie senza bisogno d'altro.

Esistono svariate versioni di questa foto nel mio archivio, alla fine ho scento questa perchè è la più chiara, leggibile e colorata. Col senno di poi avrei potuto calcare la mano con sfocature e filtri ma c'è un qualcosa di diretto, fumettoso e fantastico in questa foto che non smette di piacermi.

Non sono il tipo che gioca con pesanti effetti di post-produzione -le mie foto di solito sono molto chiare, dirette e leggibili a costo di sembrare banali- ma devo ammettere che questa foto di Aloy che perquisisce la carcassa di un Trampler con un focus ristretto ad un metro di diametro mi sembrava talmente bella da essere imprescindibile per questo articolo, anche per l'estrema diversità di soggetto che porta.Notare la satinatura di alcune parti metalliche.

Questa foto è molto complessa e per certi versi poco leggibile. La distanza tra Aloy e il Thunderjaw non è chiara, il senso di pericolo non è presente, il polline nell'aria non si capisce se sia neve o cosa. Eppure credo che a qualcuno arriverà diretta e nitida come un'idea geniale. Non avete idea di quanto ci ho lavorato e di quanto sia stato difficile togliere dall'inquadratura la vegetazione che ostruiva i tagli e le visuali più "normali". Sapendo cosa rappresenta e cosa c'è dietro, questa foto secondo me è una delle migliori di questa collezione anche se so che non arriverà nitidamente a tutti.

Spoiler alert, questa foto viene direttamente dal "Calderone" più difficile del gioco. Non dico altro. L'ho scelta perchè è potente e perchè aggiunge una benvenuta dose di colore blu alla collezione.
Cari amici e lettori di Everyeye, spero che questa raccolta vi sia piaciuta. Ne ho un altro paio in canna dedicate a questo splendido gioco, stay tuned per novità in tempi più brevi del mio solito.

Che voto dai a: Horizon Zero Dawn

Media Voto Utenti
Voti totali: 191
9.1
nd