Speciale I giochi più attesi del 2010 - PSP e DS

I titoli più attesi del mercato portatile

Articolo a cura di

Il 2010 sarà un anno decisamente interessante per gli appassionati di Videogiochi. Già i primi mesi riserveranno parecchie sorprese, con un numero spropositato di prodotti “Tripla A”, inizialmente previsti per il periodo natalizio e poi rimandati in massa. Dopo un'apertura che definiremmo esplosiva, anche il periodo autunnale dovrebbe garantire immense soddisfazioni. Anche il mercato portatile sembra dimostrare un discreto vitalismo, con la Line-Up DS estesa quanto mai ed un'offerta PSP intenzionata a proseguire il trend positivo dell'ultima parte dell'anno. Grazie a questa serie di speciali, illustriamo sommariamente quelli che sono i prodotti più attesi dalla redazione, divisi per ogni piattaforma. Nella speranza di non alimentare, come spesso è uso fra la stampa specializzata, un Hype spropositato e poco utile; semmai una curiosità sincera, che sappia accompagnare un'informazione sana e serena.

NIntendo DS

Ace Attorney: Miles Edgeworth Investigation
Dopo Apollo Justice siete rimasti senza le avventure degli avvocati e dei procuratori di casa Capcom? Il 2010 riserverà per voi una gradita sorpresa. La serie Ace Attorney ritornerà su Nintendo DS in una formula mai vista prima: vestendo per la prima volta i panni del procuratore più celebre della serie, Miles Edgeworth, dovremo risolvere alcuni casi di omicidio, indagando personalmente sulla scena del crimine. Il titolo offre un approccio completamente differente dai canonici fondali statici da esaminare attraverso il touch screen. L'azione di gioco sarà infatti in terza persona, e con uno stile simile alle avventure grafiche punta & clicca. Della serie Ace Attorney rimarranno però intatte l'interazione con moltissimi personaggi coinvolti nelle nostre indagini, e l'esame degli indizi alla ricerca delle prove schiaccianti, inseriti questa volta in un contesto inedito che metterà a dura prova le nostre capacità logiche e intuitive, nel trovare i giusti collegamenti tra gli indizi e gli avvenimenti accaduti. Ace Attorney: Miles Edgeworth Investigation è di sicuro una ventata di aria fresca in una serie che con i suoi 4 episodi su Nintendo DS, incominciava a sentire la mancanza di idee originali.

Okamiden
A 3 anni dall'uscita su PlayStation 2 delle avventure del Lupo Amaterasu, create dai defunti Clover Studio, Capcom rispolvera il marchio Okami, creando un seguito destinato alla console portatile Nintendo. Okamiden riporta alla luce il nipponico mondo medievale con tutti i suoi elementi fondamentali: Chibiterasu, un lupo incarnazione della dea del sole - anche se in formato ridotto -, un mondo da esplorare e una storia ben articolata. Il Nintendo DS sembra poi adattarsi perfettamente alle dinamiche di gioco classiche della serie, in parte affidate ad un pennello magico, che con l'utilizzo del touch screen permetterà ai giocatori di tracciare velocemente i simboli per risolvere enigmi o per eseguire mosse speciali durante i combattimenti.
Lo stile del titolo, con ovvie differenze rispetto alla versione originale per home console, riesce tuttavia ad essere fedele con i colori e tratti decisi con cui sono creati gli ambienti e i personaggi principali de gioco. Sperando che Capcom, orfana dei Clover, riesca a ricreare le giuste atmosfere e una storia convincente ed appagante come il precedente capitolo, Okamiden è sicuramente un titolo da osservare, viste le origini di provenienza.

WarioWare D.I.Y.
I folli minigiochi di Wario tornano nel prossimo anno con un nuovo titolo, questa volta totalmente incentrato sui contenuti generati dagli utenti. Gran parte del gioco infatti non è altro che una serie di editor per creare i propri minigiochi dalla durata di pochi secondi. WarioWare D.I.Y. permetterà di creare praticamente tutto: il soggetto principale del gioco, gli scenari di fondo, gli effetti speciali, le musiche di accompagnamento e le regole affinché il minigame possa essere eseguito in modo corretto. Il gioco propone una serie di livelli creati con l'editor, ma la componente maggiore del titolo sarà appunto affidata ai contenuti creati dagli utenti di tutto il mondo. Si, perché WarioWare D.I.Y. permetterà di scambiare i minigiochi attraverso le connessioni Wireless e Online, di ricevere e modificare a proprio piacimento i nuovi contenuti ricevuti dalla communiy dei giocatori, e partecipare a contest periodici per creare contenuti a tema che verranno pubblicati poi sui server Nintendo. Insomma per chi ha tanta creatività, WarioWare D.I.Y. sarà sicuramente una valvola di sfogo. Per chi non è così abile nel gestirsi tra gli editor, potrà comunque crogiolarsi con una quantità teoricamente infinita di minigames in stile WarioWare.

Last Windows
Il 2010 segnerà un gradito ritorno per chi ama le avventure grafiche, e in particolare i fan di Hotel Dusk, il titolo sviluppato da Cing che vedeva l' ex poliziotto Kyle Hyde investigare su strani avvenimenti collegati son la morte del suo collega. Last Window è un seguito diretto, ambientato 3 anni dopo, in una Los Angeles del 1980. La vita di Kyle Hyde non è cambiata molto, e un giorno si ritrova senza lavoro e con un avviso di sfratto dal suo appartamento. Ben presto Kyle riceverà una lettera anonima da qualcuno che cerca un misterioso oggetto chiamato "Red Star". Apparentemente l'oggetto, qualunque cosa sia, potrebbe trovarsi all'interno di Cape West, un edificio abbandonato, il quale è previsto venga demolito a breve. Kyle decide di partire ed andare a dare un'occhiata, e scavando nel passato dell'edificio, scoprirà informazioni riguardanti la morte di suo padre.
Una nuova avventura che ripercorre gli schemi già visti in Hotel Dusk: al giocatore verranno presentati tanti personaggi, ognuno con una sua storia personale che in qualche modo aiuterà Kyle a proseguire nelle sue indagini. Le parti esplorative, grazie all'uso del touch screen per scoprire e risolvere gli enigmi, e le fasi investigative, fatte di interrogatori accurati ai vari personaggi presenti nello stabile, rimarranno i punti cardini del gameplay. Una sorta di romanzo interattivo, che se confermerà la qualità artistica/tecnica del precedente capitolo, sarà uno dei prossimi titoli da acquistare ad occhi chiusi su Nintendo DS.

Pokemon Heart Gold/Soul Silver
Nintendo non manca l'appuntamento del 2010, per proporre un nuovo titolo Pokemon per console portatile. Questa volta tocca ad un remake della famosa serie dei mostri tascabili: dopo il rifacimento di Rosso, Verde per Gameboy Advance, tocca a Oro e Argento avere l'onore di subire un restyling su Nintendo DS. Visitando la regione di Jotho, ricreata nel 3D già utilizzato nell'ultima generazioni di titoli su DS, con Pokeom Heart Gold e Soul Silver potremo di nuovo catturare i Pokemon della seconda generazione, più alcune sorprese che coinvolgeranno Pokemon leggendari dalle altre edizioni. Questi enanced remakes ovviamente non solo riproporranno le storie dei titoli originali, ma si avvaloreranno di tutti i progressi raggiunti dalla serie fino ad oggi, come lo sfruttamento della WiFi Connection per scambiare e far combattere Pokemon online, più una moltitudine di aree e servizi per rendere il gioco vario e dinamico come non mai. Novità assoluta è poi l'introduzione di una periferica venduta insieme al titolo, Il Pokewalk, un contapassi in cui si potrà trasferire un Pokemon catturato, e allenarlo attraverso i nostri passi e giocare con lui a piccoli minigiochi. Un'appetitosa operazione nostalgica per tutti i Pokemon addicted.

Dragon Quest IX
L'RPG per eccellenza, Dragon Quest, dopo annunci e rinvii, attese e posticipi ritornerà anche per noi europei con nuovo titolo inedito per Nintendo DS. "Le Sentinelle del Cielo" mantiene fedele la struttura a turni di ogni Dragon Quest principale, con la possibilità di personalizzare il proprio personaggio giocabile, potendo modificarne l'aspetto. Il titolo offrirà numerose side-quest, che fungeranno da contorno alla storia principale, per ampliare notevolmente l'esperienza di gioco. Tramite la Nintendo WiFi Connection si avrà la opportunità inoltre di aggiungere nuove quest alla storia. Il titolo offre anche una corposa modalità co-operativa fino a 4 giocatori in locale, permettendo di collaborare in battaglia con altri 3 amici.
Dragon Quest IX offrirà ore e ore di puro gameplay della serie storica, pur aggiungendo moltissimi aspetti inediti ed interessanti. Per Nintendo DS, la casa degli RPG in questa generazione, una pietra miliare imperdibile.

Infinte Space
Sviluppato dai promettenti Platinum Games, Infinite Space è un interessante gioco di ruolo ambientato nello spazio profondo. Il nostro compito sarà quello di creare e gestire una intera flotta spaziale durante l'esplorazione di due galassie remote. Il giocatore avrà una vasta scelta di componenti, nel poter creare le proprie navicelle, e di reclutare più di 150 personale dell'equipaggio differente. In un battle system in tempo reale, la nostra efficienza negli scontri con altre flotte spaziali, sarà data dalla strutture delle nostre navi e dall'abilità del nostro equipaggio. Un RPG tecnicamente interessante e dall'ambientazione e dinamiche decisamente originali, Infinite Space è da valutare soprattutto per chi è saturo delle solite ambientazioni fantasy nei giochi di ruolo.

Dementium II
Renegade Kid ci riporta di nuovo nel suo mondo malsano con Dementium II. Il titolo, seguito dell'originale del 2007 sempre per Nintendo DS, ci propone una nuova avventura horror in prima persona in un mondo parallelo ambientato da orrende e terribili creature, pronte ad assalirci lungo la nostra esplorazione, in luoghi macabri e spesso buoi, illuminati solo dalla nostra torcia, gestita con il pennino sullo schermo. Molti dei difetti del primo episodio sono stati limati, offrendo un gameplay molto più fluido e funzionale gestito con lo schermo tattile e la croce direzionale, con la presenza di una mappa consultabile su schermo, un sistema di gestione delle armi più intuitivo ed un livello di difficoltà maggiormente calibrato. Dementium II non mancherà poi di enigmi da risolvere attraverso le caratteristiche della console. Un viaggio spaventoso verso luoghi raccapriccianti con colpi di scena sempre dietro l'angolo.

Tsumuji
Electronic Arts punta verso oriente con Tsumuji. Non ancora annunciato ufficialmente per il mercato Europeo, questo titolo è un interessante action game, ambientato tra i combattenti ninja e magici poteri. Con uno sguardo a dinamiche già viste in The Legend of Zelda su Nintendo DS, l gioco propone fasi esplorative in aree aperte, seguite da zone dungeon dove il personaggio principale del titolo, dovrà gestirsi tra nemici e elementi puzzle, attraverso l'utilizzo dell'unione di comandi classici e touch screen. Tsumuji sembrerebbe un titolo, anche se non strettamente originale, curato sia tecnicamente, sia sotto un profilo narrativo e di giocabilità. Se farà buon uso degli elementi intravisti nelle prime immagini e video mostrati, sicuramente sarà una buona alternativa alla più famosa avventura Nintendo di Link e Zelda.

Sony PSP

Metal Gear Solid: Peace Walker
Peace Walker è il seguito di Portable Ops, e si colloca temporalmente a metà fra il vecchio episodio PSP e il primo Metal Gear. Big Boss e i suoi uomini, i "Soldati senza Frontiere", intervengono in una delle zone calde del globo, ai confini della Costa Rica, nella speranza di evitare una nuova crisi internazionale. Il collaudato e sempre efficace sistema di gioco, riveduto, riadattato e aggiornato per le misure offerte dalla PSP, si rivela adatto al suo scopo e dovrebbe garantire un’esperienza di gioco all’altezza degli altri episodi della serie. L'avventura è inoltre suddivisa a missioni per favorire il quick play, indispensabile per la piattaforma portatile. Dalle ottime potenzialità il comparto multiplayer cooperativo per 4 giocatori, che possono impersonare ciascuno un tipo di verso di Snake, per unire le proprio caratteristiche. Anche il giocatore singolo potrà scegliere fra queste 4 configurazioni, che influiranno sull'approccio alla missione.

Socom Fireteam Bravo 3
Fireteam Bravo 3 è l'ultimo capitolo della sezione portatile di Socom, FPS tattico firmato Zipper Interactive. La formula di gioco è sempre la stessa: controlleremo il comandante di una squadra di quattro elementi, impartendo semplici ordini ai nostri compagni grazie ad un sistema dinamico che si adatterà in base alla situazione.
Il gameplay, nonostante alcuni piccoli ritocchi che aggiungeranno un po' di pepe all'azione, rimane come da tradizione orientato alla tattica: sarà infatti sempre sconsigliato l'assalto irruento e premiato l'approccio silenzioso e ragionato (magari sfruttando le “stealth kill”, efficaci manovre di eliminazione alle spalle del nemico).
In Fireteam Bravo 3 il multiplayer, sia in locale che online, avrà un ruolo centrale nell'economia di gioco: il nuovo lavoro Slant Six Games promette infatti, per la mole di opzioni e la qualità del netcode, di essere il miglior titolo multiplayer della futura stagione per la piccola di casa Sony.

Kingdom Hearts Birth By Sleep
La narrazione di Kingdom Hearts: Birth By Sleep (sviluppato dal team di Kingdom Hearts: Chain of Memories) prende il via ben dieci anni prima gli eventi narrati nel primissimo capitolo della serie, incentrando la storia sui precedenti possessori del Keyblade. L’efficace comparto tecnico e sonoro, la giocabilità immersiva ed immediata, uniti al fascino dei personaggi Disney e Square Enix (anche qui presenti in quantità industriale), faranno la felicità dei numerosi appassionati della serie nata diversi anni fa su console PlayStation 2. Tutti gli altri si troveranno quasi sicuramente tra le mani un titolo valido e ben costruito, sebbene pesantemente fondato sulle basi poste dagli illustri predecessori apparsi sulle console casalinghe a 32 bit. L’unico pericolo è quindi quello di doverci accontentare di un mero prequel fotocopia, dato che a prima vista le meccaniche ludiche sembrano riprendere in toto quanto visto nei precedenti episodi della serie.

God Eater
God Eater è un titolo che si modella sulla struttura di Monster Hunter, recuperandone la filosofia di fondo. Namco Bandai garantisce però un carattere preciso alla produzione, anzitutto architettando una trama di fondo che colleghi le varie missioni, e poi lavorando sul character design, a metà fra lo Sci-Fi e il fantasy di impronta stilistica nipponica. Anche il gameplay, rispetto al classico Capcom, è molto più frenetico e veloce: ritmi serrate, schivate e mosse speciali, delineano un profilo da action game d'alta scuola. Buono e sostanzioso il comparto tecnico, mentre le promettenti opzioni multigiocatore lasciano ben sperare per questo ambizioso progetto.

Valkyria Chronicles 2
Seguito di uno dei più interessanti GDR di questa generazione, Valkyria Chronicles 2 arriverà entro l’anno su PSP. La demo rilasciata in Giappone sottolinea già un profilo tecnico eccellente, che recupera in toto lo splendido comparto artistico del primo episodio. Sullo schermo fluisce quindi quasi un quadro disegnato a mano, un acquerello tenue che racconta con discreta poesia visiva le gesta di un manipolo di soldati in uno strano racconto ucronico. La componente tattica, che fonde elementi tipici degli RPG tattici con un più dinamico Battle system, rimarrà inalterata, delineando un profilo ludico senz’altro imponente.

Undead Knights
Undead Knights è un Hack 'n' Slash canonico nelle premesse (struttura dei livelli, impostazione dei controlli e caratteristiche dei protagonisti), intrecciato però con qualche elemento strategico. I tre non-morti protagonisti, infatti, possono riportare in vita i nemici sconfitti, e utilizzarli non solo come truppe da lanciare all'assalto, ma anche per risolvere dei puzzle. L'esercito di “Brain Eaters” si rivelerà piuttosto dinamico, assolvendo ad un numero eccezionale di funzioni: ad esempio, si potranno disporre gli zombi come fossero un di ponte di carne (marcescente), per superare un fossato; ancora, i non-morti saranno in grado di eseguire azioni particolari, quali abbattere una torre, un portone, o aggrapparsi ad un corpulento avversario per rallentarne i movimenti e lasciare che il protagonista lo colpisca. Se l'intelligenza artificiale che controllerà gli zombie si rivelerà adeguata e se ambientazioni e situazioni saranno abbastanza varie, il titolo riuscirà a ritagliarsi un posto nella softeca degli amanti del genere.

Fat Princess: Fistful of Cake
Già disponibile per Playstation3, Fat Princess è un action game dedicato al multiplayer, intriso di un umorismo nero davvero sottile e dotato di dinamiche coinvolgenti e sempre fresche. Due squadre si contendono la cattura della principessa avversaria, che deve essere fatta letteralmente rotolare attraverso i livelli, fino alle segrete del proprio castello. Oltre ad impersonare una delle cinque classi a disposizione, specializzandosi di volta in volta in diversi compiti, i giocatori possono anche nutrire la vorace principessa che, ingrassando, renderà più arduo il compito degli avversari, costretti a smuovere una mole mastodontica. Dotato di nuove mappe e nuove modalità rispetto alla versione PSP, Fistful of Cake conserva il gameplay immediato e frenetico, e l’impatto grafico coloratissimo e piacevole.