Speciale I giochi più attesi del 2010 - Xbox360

Una carrellata dei giochi più attesi del 2010 per Xbox 360

speciale I giochi più attesi del 2010 - Xbox360
Articolo a cura di

Il 2010 sarà un anno decisamente interessante per gli appassionati di Videogiochi. Già i primi mesi riserveranno parecchie sorprese, con un numero spropositato di prodotti “Tripla A”, inizialmente previsti per il periodo natalizio e poi rimandati in massa. Dopo un'apertura che definiremmo esplosiva, fra i seguiti di Mass Effect, Bad Company e Bioshock, anche il periodo autunnale dovrebbe garantire immense soddisfazioni, con The Last Guardian, Halo Reach e Alan Wake pronti a fare faville. L'arrivo delle nuove periferiche (Natal ed il Playstation Wand, ma forse anche il discusso Vitality Sensor di Nintendo) farà da contrappunto al rilascio di titoli interessanti per tutte le console. Anche il mercato portatile sembra dimostrare un discreto vitalismo, con la Line-Up DS estesa quanto mai ed un'offerta PSP intenzionata a proseguire il trend positivo dell'ultima parte dell'anno. Grazie a questa serie di speciali, illustriamo sommariamente quelli che sono i prodotti più attesi dalla redazione, divisi per ogni piattaforma. Nella speranza di non alimentare, come spesso è uso fra la stampa specializzata, un Hype spropositato e poco utile; semmai una curiosità sincera, che sappia accompagnare un'informazione sana e serena.

Nota: Hanno contribuito alla stesura di questi articoli: Simone Callioni, Andrea Centini, Adriano Della Corte, Nicolò Carboni. A tutti loro un grazie sincero per l'impegno profuso e la serietà dimostrata.

Esclusive Xbox 360

Mass Effect 2
Il Comandante Shepard non ha concluso la sua missione e la Galassia è ancora minacciata dai Razziatori mentre gli oscuri misteri dei Prothean aspettano di essere svelati. Provato da Everyeye sia in occasione della Gamescom di Colonia, sia, più recentemente, durante il press tour europeo di Bioware, Mass Effect 2 sembra confermare tutte le buone intuizioni del primo capitolo, correggendo qualche difetto tecnico di troppo. L’analisi della psicologia dei personaggi sarà ancora più profonda, mentre l’avventura di Shepard assumerà toni da dramma aristotelico, costringendoci a scelte che mai avremmo pensato di dover fare. Torneremo fra le stelle a Gennaio, sempre in esclusiva su Xbox 360.

Splinter Cell: Conviction
Sam Fisher è sicuramente uno dei personaggi più amati dalla vecchia guardia di appassionati Xbox, oggi in piena forma per ri-sbarcare nella nuova generazione con un capitolo molto più oscuro e cattivo del buon Double Agent: Sprinter Cell Conviction, dopo una serie di ritardi, presunte soppressioni e restyling di vario genere è in dirittura d’arrivo nei primi mesi del 2010 e promette un’azione ed una trama degne del capostipite della serie, aggiungendo componenti action e truculente molto più importanti che nei capitoli precedenti (senza sottovalutare l’anima stealth del prodotto): in fondo il caro buon Sam in questa nuova avventura deve vedersela col suo passato, cercando vendetta per la figlia assassinata e combattendo contro i vecchi amici di un tempo.
Le più che convincenti presentazioni delle ultime fiere hanno mostrato un comparto tecnico di sicuro impatto ed un gameplay per certi versi accostabile ad Assassin’s Creed (altra produzione top di gamma targata Ubisoft); in attesa che vengano forniti maggiori dettagli su tutte le modalità di gioco (si prevede un ricco multiplayer anche cooperativo) e l’annuncio per quali piattaforme vedrà la luce - per ora confermate solo Xbox 360 e Pc, il 25 febbraio - possiamo già affermare che Sam non fallirà la sua missione.

Halo Reach
Halo Reach è senza alcun dubbio il titolo più atteso per Xbox360 nell’annata 2010. Sviluppato dai Bungie in collaborazione con Microsoft Game Studios, il progetto è ancora avvolto nel mistero, ma senza alcun dubbio traghetterà la serie di Master Chief verso nuovi orizzonti. Temporalmente ambientato prima della trilogia che tutti i fan conoscono, quando ancora gli Spartan solcavano i campi di battaglia, Reach sarà ovviamente un First Person Shooter incentrato sul Multiplayer. Il primo trailer rilasciato mostra un profilo tecnico eccezionale, veicolato da un nuovo engine, ma soprattutto rivela la presenza di classi specializzate. L’art direction più maturo, con cromatismi meno accesi ed un character design dal tratto dettagliato, dipinge un manipolo di cinque protagonisti pronto ascendere in campo. Sarà forse la modalità co-op per 5 giocatori il fulcro di Halo Reach? Per scoprirlo si dovrà attendere ancora qualche mese, visto l’immnente rilascio di una beta. Il titolo completo vedrà poi la luce il prossimo autunno.

Alan Wake
Alan Wake è un survival horror atteso ormai da molto tempo dai possessori di Xbox 360. Il titolo in arrivo, sembra, nel 2010 promette emozioni forti ed una meccanica di goco che si pone come via di mezzo tra Resident Evil e Alone In The Dark. Il protagonista dell'avventura, Alan, e' uno scrittore a cui par esser venuta meno la vena creativa, che decide quindi di spostarsi dalla citta' alla montagna, fra panorami mozzafiato e lunghi silenzi che potrebbero ridar linfa alla sua vena artistica. Navigherà ben presto nelle angosce della sua mente, fra fantasmi e aberrazioni, in quellop che si trasformerà in un incubo senza fine. Dai colleghi sopra citati, Alan Wake eredita sia la componente action che l'incedere leggermente impacciato del protagonista, avvolto l'oscurita' dominante nelle ambientazioni. L'uso delle fonti luminose per rallentare ed indebolire i nemici sarà inoltre una indispensabile componente del gameplay. Anche se il ritardo accumulato dal team di sviluppo rende meno incredibile la qualità del comparto visivo, Alan Wake potrebbe concorrere per il ruolo di Miglior Survival Horror di questa generazione.

Titoli Multipiattaforma

Bayonetta
La Sexy strega di Clover Studios ha già fatto la sua comparsa in Giappone da qualche mese, ma noi occidentali dovremo aspettare ancora un po’ prima di poterci mettere le mani sopra (ogni doppio senso è, naturalmente, voluto). Creato dall’ideatore del primo Devl May Cry, Bayonetta è un action in terza persona dove il kitch e l’esagerato la fanno da padrone. Alla ricerca della combo perfetta potremo svestire la nostra protagonista, vedendo i suoi capelli trasformarsi nelle più strane creature, il tutto a ritmo j-Pop. Un gioco sicuramente non per tutti, che a tratti sfiora il feticismo, ma in grado di conquistarsi il perfect score sia su Edge che su Famitsu. Bayonetta o si ama alla follia o si odia, non esistono mezze misure, e, a Gennaio, anche noi Europei potremo decidere se farci sedurre oppure rimanere indifferenti.

Lost Planet 2
Lost Planet 2 pare voler superare d'un colpo tutti i limiti storici del predecessore. Il gameplay appare ampliato e rinnovato, grazie alle enormi possibilità date dall'inserimento della coop, di battaglie su larga scala e di un'IA decismente più varia e credibile. Il profilo ludico di Lost Planet 2 pare già delineare un titolo da attendere con trepidazione, forte anche di un comparto tecnico sopra le righe. Dimostrando attenzione estrema per la necessità di svecchiare un concept di gioco che poteva sembrare abusato, il team ha infatti puntato tutto sulla qualità dell'esperienza multiplayer: le arene immense, i boss gargantueschi, e dinamiche di gioco che stimolano la collaborazione effettiva (come la possibilità di scambiarsi energia termica) saranno senza dubbio in grado di irretire i giocatori. L'ottima componente artistica, che rivede in maniera creativa i cliché della Science Fiction, si sposa con un Engine davvero performante, in grado di rapire fin dai primi scorci.

Mafia 2
A otto anni dall’uscita dello splendido predecessore, Illusion Softwork (nel frattempo assorbita da 2k Games) ci riporta nell’america dei gessati e dei Borsalini, abbandonando la Grande Depressione delle strade di Lost Heaven, per accompagnarci a Empire City, dove faremo la conoscenza di una nuova famigghia, e di un giovane picciotto, Vito Scaletta, ansioso di farsi strada nei ranghi del braccio americano di Cosa Nostra. Come nel primo capitolo, Mafia II propone un gameplay da Free Roaming molto articolato, mentre tenteremo in tutti i modi di farci notare dal boss di turno. Rispetto al gioco precedente il modello di guida è stato semplificato, mentre la nostra “vita” sarà molto più realistica, dato che dovremo mangiare, cambiare vestiti e fare attività sociali.

Bioshock 2
L’incubo Art Decò di Rapture è pronto a rapirci di nuovo nell’attesissimo sequel di uno dei giochi più apprezzati della scorsa stagione. La maledizione di Fontaine non è ancora scomparsa e nuovi esseri mostruosi, fra cui l’inquietante Sorella, hanno cominciato a rapire bambine dalle zone costiere d’America ed Europa. La città di Ryan ha nuovi abissi da esplorare, mentre i misteri riguardo il destino dei ricombinanti si intrecciano con i nuovi e potentissimi Plasmidi. L’Adam ci sta richiamando, potremo saziare la nostra fame a partire da Febbraio.

Final Fantasy XIII
Il tredicesimo episodio della più longeva, amata, discussa e giocata saga JRPG sta per tornare, per la prima volta in dieci anni sia su Xbox 360 che Playstation 3. Integrando un gameplay che aggiorna il classico ATB alle meccaniche moderne dei giochi di ruolo action, a un comparto tecnico tutto basato sull’ultima versione del Crystal Engine, Square spera di rilanciare Final Fantasy reinventandolo sulle console di nuova generazione. Il gioco uscirà a Marzo, inutile dire che l’attesa da parte dei fan si fa sempre più spasmodica, dato che Square non ha ancora, come da tradizione, rilasciato neppure una demo giocabile.

Red Dead Redemption
Seguito di uno dei titoli Western più belli della scorsa generazione, Red Dead Redemption non è uno dei tanti Free Roaming che si accumulano sulla scena, ma sembra dotato di una personalità tutta sua, grazie alla splendida ambientazione Western. La storia racconta delle disavventure di John Marston, un ex fuorilegge arruolato dal Bureau per stringere la corda al collo dei suoi vecchi compagni. La particolarità di Redemption, oltre ad una trama dagli importanti risvolti psicologici, è il forte impatto scenografico, nonchè la presenza di eventi casuali e non scriptati che rendono più verosimile l’ambiente di gioco, interrompendo anche il fluire delle singole missioni. Una colonna sonora d'eccezione, scorci visivi indimenticabili, per uno Western videoludico classico e coinvolgente.

Dante's Inferno
Sull'onda lunga del successo di God of War, arriva Dante's Inferno, un action game che recupera le meccaniche di gioco dal capolavoro firmato Santa Monica Studios. Il titolo EA propone però un'ambientazione originale: una rivisitazione contorta e violenta dell'inferno dantesco, in cui vorticano le personalità famose descritte dal sommo poeta fiorentino. Dante's Inferno, forte di una meccanica di gioco collaudata, basa la sua forza sui pregi artistici del colpo d'occhio e sull'estrema violenza degli scontri. La possibilità di condannare o salvare le anime imprigionate nei vari gironi, una meccanica di gioco che impone di variare il più possibile il proprio stile e le mosse utilizzate, e la presenza di personalità storiche e letterarie ben conosciute, ridisegnate con un tratto distorto e macabro, potrebbero garantire al prodotto un carattere piuttosto incisivo.

Darksiders
DarkSiders è un action game decisamente Apocalittico.
La storia narra le gesta di Guerra, uno dei quattro cavalieri che scenderanno sulla terra quando si scatenerà l'apocalisse. Il nostro anti-eroe verrà scomodato da una "fine del mondo" anticipata, e dovrà scoprire chi l'ha causata, contravvenendo al rigido disegno divino. Dal punto di vista ludico, Darksiders è un action game che propone un combat system piuttosto semplice, ma che si rende esemplare per un level design eccellente, reso interessante dal backtracking ben dosato e dalla presenza di enigmi ambientali piuttosto interessanti. Un approccio all'action game, diremmo, di vecchia scuola, che ricorda qualche classico intramontabile come Soul Reaver. Adeguato per chi non cerca un action tecnico all'inverosimile, con una dotazione di mosse interminabile, ma vuole un buon adventure game, con un comparto artistico non del tutto comune.

Bad Company 2
Bad Company 2 è il secondo capitolo di un prodotto che, al tempo della sua uscita, ha segnato una piccola rivoluzione nel campo degli FPS. per questo episodio, DICE ha puntato tutto sul multiplayer e sul potenziamento della ddistruttibilità ambientale. Il dinamismo dello scenario e la personalizzazione delle classi sono gli elementi principali della fortuna di Bad Company, mentre la campagna single player sarà caratterizzata dallo stesso "Black Humor" che ha fatto la fama del prequel. Bad company 2 è un titolo che vuole quindi porsi come nuovo capostipite del genere FPS; la grandezza impressionante delle mappe multiplayer, la possibilità pressochè illimitata di personalizzare le proprie classi, la distruzione totale dell’ambiente che ci circonda, il buon numero di armi da fuoco e mezzi di trasporto e una eccellente realizzazione grafica fanno di questo nuovo capitolo del franchise uno dei giochi più attesi del nuovo anno.

Metro 2033
Ancora poco si sa di questo progetto firmato 4A Games e THQ, ma le prime occasioni in cui è stato possibile vedere il gioco in movimento rassicurano riguardo alla qualità globale del prodotto. Metro 2033 è un FPS post-apocalittico, ispirato all'omonimo best-seller di Dmitri Glukhovsky. Alla guida di un gruppo di sopravvissuti, costretti da vent'anni a vivere nella metropolitana di Mosca, dovrete affrontare una pericolosa missione per riunire tutti i cunicoli. L'impostazione globale del gioco sembra quella di un First Person Shooter molto classico, con sparatorie frenetiche e caratterizzato da un acerta linearità. Eppure, per variare l'azione di gioco e rendere il pacchetto più intressante, fasi stealth dalla buona complessità compaiono ad inframezzare la progressione. Il punto di forza del titolo, tuttavia, sembra essere l'impatto grafico e la caratterizzazione dell'ambiente. I lugubri cunicoli della motropolitana e le installazioni umane all'interno delle viscere fredde del suolo, riprodotte grazie ad un engine decisamente performante, potrebbero rendere l'avventura più interessante, mescolando horror e thriller per evitare che a risaltare sia la stanchezza concettuale. Da tenere d'occhio.

Dead Rising 2
Seguito dell’ancora amatissima epopea del carismatico giornalista Frank West, Dead Rising 2 si prospetta come uno dei titoli più avvincenti e poliedrici del prossimo anno: ambientato nella caotica e luccicante Fortune City (ispirata chiaramente alla voluttuosa Las Vegas), il titolo Capcom immergerà il giocatore in un’area di gioco immensamente più grande e variegata del famigerato centro commerciale Willamette in Colorado; ricchi di insidie ed opportunità, gli spazi della cittadina potranno ospitare fino a seimila zombies contemporaneamente su schermo, contro lo già spropositato numero di cinquecento presenti nel titolo originale.
Grazie ad una storia ancora avvolta nel mistero (il protagonista, Chuck Green, è uno stuntman di fama mondiale amante delle due ruote) che comunque riprenderà e continuerà la trama avviata nel capitolo precedente, l’inserimento di un comparto multiplayer fuori di testa e spassosissimo (del quale potete leggere una gustosa anteprima a questo indirizzo) e la possibilità di ampliare e customizzare un arsenale praticamente illimitato, non vediamo l’ora di metter mano sul pad e cominciare a mietere zombies nei modi più fantasiosi e divertenti possibili!

R.U.S.E.
R.U.S.E. si prospetta titolo davvero promettente, sia per coloro i quali siano oramai stufi del ripetitivo continuum a cui i troppi RTS ci hanno abituato, sia per chi voglia avvicinarsi al genere in maniera diversa.
Forte di un gameplay sulla carta fuori dal comune e di un comparto tecnico decisamente al passo con i tempi, la nuova IP Ubisoft si basa sulla capacità dei giocatori di "ingannare" i propri avversari, avviando azioni-esca o trasmettendo trasmissioni false, per cercare di stimolare un'azione diversiva avventata. Manca poco alla commercializzazione, e ben presto sapremo se la varietà di strategie adottabili sarà davvero capace di costruire un RTS ampio e dinamico.