Speciale Level 5 Vision 2010

Cosa ci offrirà in futuro la promettente software house giapponese?

Articolo a cura di
Adriano Della Corte Adriano Della Corte Da quando ha ricevuto in regalo il suo primo Gameboy all'età di 5 anni, non ha mai smesso di giocare. Grande appassionato di platform e di epiche avventure. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Level 5, una delle software house emergenti dell'industria videoludica giapponese, ha tenuto come ogni anno la sua conferenza stampa dedicata agli annunci dei nuovi progetti in lavorazione presso i suoi studi. "Level 5 Vision 2010" prometteva già da inizio Ottobre di riservare importanti sorprese, ed oggi le promesse sono state ampiamente mantenute. Level 5, che in questi periodi di magra per l'intero mercato giapponese non ha per nulla risentito della crisi (tutt'altro, visto che prossimamente aprirà nuovi studi in America e Europa), punta moltissimo sul settore portatile, entrando a "gamba tesa" sul Nintendo 3DS, scelta come nuova piattaforma di riferimento per i prossimi titoli in arrivo.

Ni no Kuni: The Another World

Lasciando al momento a bocca asciutta coloro che attendevano maggiori informazioni sulla versione PlayStation 3, la software house durante l'evento ha dedicato ampio spazio a Ni No Kuni: The Another World per Nintendo DS, che approderà in Giappone il prossimo 9 Dicembre. Ricordiamo che il titolo è un RPG nato dalla collaborazione di Level 5 con lo studio Ghibli, rinomato studio d'animazione giapponese diretto dal maestro Hayao Miyazaki. Durante la dimostrazione live sul palco dell'evento, il CEO di Level 5, Akihiro Hino, insieme al Chief Director Ken Matsumura ed al creative director del Magic Master (il libro di 352 pagine incluso nel gioco) Noriko Maruya, hanno mostrato alcune nuove caratteriste del gioco. Il primo elemento è il "World of Dreams" (Il mondo dei sogni), una nuova area accessibile facendo riposare il nostro personaggio in una pensione denominata "Matatabi Inn." Una volta entrati nel mondo dei sogni, ci troveremo catapultati in un universo pieno di rompicapi da risolvere, attraverso l'uso del libro Magic Master. Durante la prove, Matsumura e Maruya hanno mostrato un esempio di puzzle presente nel Mondo dei Sogni. Per aprire uno scrigno, il giocatore dovrà decifrare un messaggio fornito dal gioco. Il sistema fornirà gli indizi per scoprire la pagine del libro dove risiede la soluzione.
Una nuova caratteristica del gioco è la possibilità di catturare e allevare mostri denominati "Imagine". Ce ne saranno circa 350 in tutto il gioco, da collezionare e allenare per poterli utilizzare durante i combattimenti. Gli Imagine potranno essere scambiati con gli amici e sfruttati anche nella componente multigiocatore. Anche qui Matsumura e Maruya hanno dato dimostrazione di un combattimento fra due giocatori: ruolo importante avrà la scelta strategica della disposizione dei mostri: i più forti dovranno essere posizionati in prima linea, spostati poi nelle retrovie quando saranno feriti. Gli Imagine sono inoltre parte di un'altra funzione del gioco, una modalità Wireless simile alla Tag Mode presente in altri titoli per Nintendo DS. La "Tabisuru Tamago" (Traveling Egg) permette di inserire in delle uova oggetti e mostri raccolti durante l'avventura, in modo da poterli scambiare con gli altri giocatori che sfrutteranno la stessa modalità. Per aprire un uovo ricevuto, sarà necessario spendere dei punti, ottenibili scambiando a propria volta le proprie uova.
Ni No Kuni offrirà inoltre un'altra forma di connettività attraverso la Wifi Connection, utilizzata in altri RPG sviluppati dalla compagnia, come il recente Dragon Quest IX. A partire dal giorno di lancio, Level 5 offrirà alcuni contenuti scaricabili come oggetti e missioni aggiuntive per un intero anno.
Ni No Kuni garantisce inoltre una vasta gamma di ambientazioni: Hino ha infatti mostrato la possibilità di muoversi sulla mappa di gioco con una nave, e ha rivelato la presenza di una città in stile Las Vegas, in cui potremo dedicarci a diversi minigiochi.

Professor Layton and The Mask of Miracle

La conferenza stampa ha riservato qualche novità anche per il nuovo titolo per Nintendo 3DS del Professor Layton, giunto in Giappone al suo quinto episodio (ricordiamo che in Europa uscirà questa settimana il terzo capito, "Il Futuro perduto"). Come rivela lo stesso Hino, il titolo in precedenza era stato pianificato per una release sul Nintendo DS, ma visto l'arrivo incombente della nuova console Nintendo, lo studio ha poi optato per lo sviluppo sul 3DS. La storia di The Mask of Miracle prende luogo un anno dopo l'incontro del Professore con il suo assistente Luke. Durante la conferenza viene rivelato inoltre che la timeline della storia sarà divisa in due parti: se nella prima parte seguiremo le nuove avventure del professore e del suo assistente, nella seconda faremo un tuffo nel passato, impersonando un giovane Layton che di sicuro rivelerà nuovi retroscena riguardanti la sua interessante storia personale. Il titolo, come i precedenti episodi, sarà composto da puzzle e rompicapi realizzati dal game designer Akira Tago, e sfrutterà le nuove caratteristiche della console per garantire una nuova prospettiva sull'esperienza di gioco. Un evidente cambiamento è l'utilizzo di modelli tridimensionali dei personaggi durante lo svolgersi del gioco: la software house ha affermato di aver utilizzato la tecnica del motion capture per rendere le animazioni più realistiche possibili, pur trattandosi di protagonisti in stile cartoon. Il gameplay sfrutterà entrambi gli schermi: lo schermo 3D sarà utilizzato per la visualizzazione del rompicapi, mentre quello inferiore sarà dedicato all'esplorazione e alla componente investigativa. Infine Level 5 ha annunciato la componente online del titolo: come nei precedenti episodi, The Mask of Miracle darà la possibilità di scaricare nuovi puzzle attraverso la WiFi connection, ma a fare la differenza questa volta sarà la quantità. la software house ha infatti confermato che pubblicherà un nuovo enigma ogni giorno per un anno dal lancio: a conti fatti ci ritroveremo con 365 rompicapi aggiuntivi oltre a quelli già presenti nella scheda!

Fantasy Life

Uno dei titoli scomparsi dalla line-up ufficiale di Level 5 era un prodotto per Nintendo DS sviluppato da Brownie Brown, un RPG denominato "Fantasy Life". Il gioco non è stato però abbandonato, ma ha subito nel tempo un cambio di rotta. Al Level 5 Vision 2010 è infatti riaffiorato in una nuova veste, in arrivo ora per Nintendo 3DS. In Fantasy Life i giocatori potranno creare un proprio personaggio e gli abitanti di un villaggio rurale, decidendo i mestieri e le attività da svolgere. Con una grafica completamente rivista, ora in 3D, il gioco è in mano a due esponenti del franchise di Final Fantasy: l'illustratore Yoshitaka Amano e il compositore Nobuo Uematsu. Anche se la compagnia non ha mostrato le varie dinamiche di gioco, a vedere le immagini ci viene subito in mente lo stile caratteristico di un capolavoro uscito per Nintendo Wii: Little King Story. L'ambientazione e i personaggi, così come l'atipico contesto per un gioco di ruolo, accrescono la nostra attenzione verso questo progetto, che approderà in Giappone nel corso del 2011.

Mystery Room

Professor Layton non è il solo franchise di Level-5 dedicato alle avventure farcite di elementi puzzle. Alla conferenza stampa la software house ha infatti presentato Mystery Room, titolo per Nintendo DS annunciato un anno fa.
Mystery Room è di fatto una nuova IP della compagnia, prodotta da Akihiro Hino e diretta da Tatsuya Shinkai. Il gioco segue le avventure di Poccho e Sly, due detective che lavorano in un'agenzia investigativa privata. Il loro compito sarà quello di prelevare i casi irrisolti depositati nella "Final Investigation Room", conosciuta anche con il nome di Mystery Room", e di risolverli raccogliendo gli indizi ed esaminando le informazioni accumulate dai detective che si sono occupati delle indagini. Il giocatore selezionerà di volta in volta il crimine su cui investigare e, seguendo le indicazioni di Poccho e Sly, dovrà confrontare le prove con le testimonianze, riscontrare eventuali errori, e arrivare alla soluzione. Tutto il titolo sarà ambientato nella "Mistery Room". Una sessione dimostrativa è stata mostrata durante l'evento stampa: il software ricostruirà una scena del crimine visualizzando alcune immagini: al fianco di esse sarà presente un testo che potremo modificare selezionando vari soggetti e complementi oggetto. Scegliendo le varie voci modificheremo le immagini e potremo così confrontare le varie ipotesi investigative, scartando quelle irreali, e mantenendo quelle plausibili.
Un titolo sicuramente molto interessante, caratterizzato da uno stile grafico già apprezzato nella serie del professor Layton. Il titolo sarà pubblicato in Giappone in primavera. Speriamo che Mystery Room arrivi anche da noi, e non diventi uno dei tanti ottimi titoli di Level 5 relegati esclusivamente al mercato Giapponese.

Time Travelers

Time Travelers, il misterioso gioco annunciato ad Aprile di quest'anno, orfano fino ad oggi di una piattaforma di riferimento, è stato presentato ufficialmente durate l'evento. L'avventura approderà su Nintendo 3DS, e sarà co-prodotto da Level 5 e dal game designer Jiro Ishii, sviluppatore dell'acclamata avventura grafica per Nintedo Wii, 428 (Chunsoft). Al centro dell'intricata storia basata sui viaggi temporali, ci sono al momento due personaggi: Skeleton, un terrorista, e Mikoto Shinmichi, una semplice ragazza che frequenta il liceo. Entrambi, per qualche motivo rimasto ancora avvolto nel mistero, sono capaci di muoversi nel tempo e di fatto conoscono il corso degli eventi futuri, che sembrano muoversi in direzione di una immensa catastrofe. Il loro compito è quindi quello di modificare in qualche modo il corso della storia: una trama comune a molti film di successo (L'Esercito delle 12 Scimmie tra tutti). Il titolo, come rivela Hino, giocherà sulla "suspance" che la storia, ricca di colpi di scena, saprà generare. Per il momento le informazioni rese note si fermano qui, ma già da queste poche nozioni apprese siamo sicuri che Time Travelers sarà uno dei titoli di punta della compagnia per il prossimo anno.

Professor Layton vs Ace Attorney

Il pezzo forte del "Level 5 Vision 2010" la compagnia lo ha riservato per ultimo. Nelle ultime settimane si rincorrevano diversi rumor che vedevano la software house in stretti rapporti con Capcom per la realizzazione di un progetto in comune. Arriva al termine dell'evento la rivelazione del gioco co-prodotto dai due studi, che sicuramente farà molto parlare di se: si tratta di Professor Layton vs. Ace Attorney, un'avventura che unisce due dei franchise più popolari per il mercato console. In sviluppo per Nintendo 3DS, Professor Layton vs Ace Attorney vede il Professore Hershel Layton e Phoenix Wright -e relativi assistenti- catapultati in un mondo alternativo, in una città denominata Labyrinth City dove realtà ed illusione si fondono. Questa strana cittadina è popolata da streghe che si nascondono nell'ombra, ed è comandata da un malvagio signore, chiamato da tutti "Il Narrastorie" (Story Teller). La storia che scrive con la sua penna diventa realtà, e così egli gestisce tutti gli eventi del passato, presente e futuro, soggiogando l'intera popolazione. In un'avventura ricca di colpi di scena, Layton dovrà affrontare nuovi enigmi, mentre Phoenix Wright dovrà difendere una persona che chiede il suo aiuto, accusata di stregoneria.
Ammettiamolo, la scelta di unire due universi così differenti tra di loro (da un lato una serie di avventure grafiche incentrate sull'investigazione, dall'altro una raccolta di enigmi da risolvere per scoprire una storia affascinante) risulta sì originale, ma lascia spiazzati. Le nostre sensazioni, al momento dell'annuncio, sono state contrastanti: se per un verso siamo decisamente entusiasti nel vedere finalmente il ritorno di uno dei personaggi più carismatici creati da Capcom nell'ultimo decennio, unito con l'altrettanto famoso Professore inglese di Level 5, dall'altro ci chiediamo cosa possa venire fuori in termini di gameplay da un titolo così ambizioso. I nostri dubbi, scaturiti soprattutto dall'impazienza di saperne di più, devono però arrestarsi difronte al primo trailer ufficiale del gioco: le atmosfere sono magiche, i personaggi ripropongono i gesti e le battute caratteristiche (che per un momento addirittura si invertono quando il Professor Layton grida "Obiezione!" con l'indice puntato!), e la storia sembra cogliere i due tratti distintivi delle due serie: epicità e sorprendenti colpi di scena.

Level 5 Level 5 segna nuovi punti a suo favore: se erano già encomiabili gli sforzi nel dare nuova aria all'industria videoludica con i timidi progetti un paio di anni fa, la "Visione" di quest'anno traccia una nuova linea di demarcazione per il mercato nipponico. Mentre c'è chi si lamenta del fatto che le idee sono finite, la ricerca è in stallo, e l'occidente è l'unico modello da poter imitare, Level 5 continua a crescere, espandersi, e a proporre sempre nuove ed interessanti soluzioni, mantenendo una visione coerente con le proprie radici. Il Giappone è in crisi? Level 5 è una dolce eccezione alla regola.