Arena of Valor Adesso online

Giochiamo in diretta con il MOBA Mobile di Tencent!

Speciale MMO Estivi

I migliori free to play in attesa del caldo autunno

INFORMAZIONI GIOCO
Articolo a cura di
Carlo Cicalese Carlo Cicalese respira, mangia e sogna mondi videoludici dal 1995, aspira a diventare uno dei migliori comunicatori italiani del settore e migliorare la percezione del medium videoludico nel grande pubblico. É un fanboy di Warhammer 40.000, quindi lanciategli un "For the Emperor!" su Facebook e Twitter per farvelo amico.

A parte qualche rara eccezione, la passione per i videogiochi non va mai in ferie. Tra smartphone, tablet, PC, console fisse e portatili, il vero videogamer sa sempre come divertirsi, sia fra le mura domestiche che fuori in vacanza. Con questo speciale, noi di Everyeye ci rivolgiamo a quei giocatori alla ricerca di un veloce passatempo in attesa dell’autunno, quando verrà aperta la prossima stagione videoludica con titoli come Destiny e Wasteland 2, e quale modo migliore di ammazzare il tempo se non un MMO Free-to-Play?
In questi mesi sono stati pubblicati diversi nuovi titoli Freemium, alcuni nuovi, altri riedizioni di altri già usciti in passato, e da questi abbiamo stilato la nostra personale lista dei migliori MMO dell’Estate 2014.

Zombie voxel, perle del passato e nuovi titoli promettenti

DEFIANCE

Inauguriamo il nostro elenco con un nuovo arrivato nell’universo Free-to-Play, Defiance. Pubblicato inizialmente il 2 Aprile 2013 come tie-in dell’omonima serie TV prodotta da SyFy e passato al modello Freemium lo scorso 4 Giugno, Defiance è uno sparatutto in terza persona con elementi RPG, caratterizzato da una struttura “classless” dei personaggi, in cui le scelte di personalizzazione iniziale (background, razza, sesso) non influiscono sulle abilità che è possibile acquisire nel gioco. Il punto forte della produzione trans-mediale Universal/Trion Worlds consiste nelle missioni cooperative istanziate da quattro giocatori, affrontabili liberamente una volta sbloccate, in cui le meccaniche shooter e la collaborazione con gli altri giocatori contribuiscono a creare un’atmosfera adrenalinica e divertente.


UNTURNED

Protagonista di una recente sessione di gameplay live sul canale Twitch di Everyeye, Unturned unisce gli elementi tipici dei survival games e degli zombie games nella cornice cubettosa della grafica voxel e di meccaniche di fondo che ricordano molto l’antesignano Minecraft. Giocabile sia in modalità solitaria locale che online con gli amici, l’obiettivo dei personaggi creati in ogni partita consiste nel sopravvivere in un’ambientazione desolata e ostile, costruendo un insediamento con gli strumenti e le risorse trovate in giro, difendendosi allo stesso tempo dai costanti attacchi degli zombie. Naturalmente buona parte dell’enfasi è dedicata al crafting, con cui è possibile creare una vasta gamma di oggetti partendo dai materiali raccolti, nonché sintetizzare quelli più avanzati grazie a strumenti aggiuntivi come fuochi da campo, seghe e martelli.

FACE OF MANKIND

Quella di Face of Mankind è sostanzialmente la storia di un gioco troppo avanti per i suoi tempi: uscito inizialmente a metà 2006 e chiuso dopo poco più di due anni d’attività, Face of Mankind è stato già ripubblicato nel 2009 come prodotto Freemium, ma apparentemente la formula proposta dallo sviluppatore Duplex Systems non ha funzionato a dovere. Dopo aver acquisito l’IP del gioco nel 2010, il publisher originale NeXeon Technologies ha tentato di rilanciarlo con una nuova iterazione, con un engine migliorato, una maggiore attenzione all’influenza dei giocatori sul mondo di gioco e un business model pensato da principio per il mercato F2P. Dopo una riuscita campagna di crowdfunding su Kickstarter, lo scorso Luglio NeXeon ha lanciato Face of Mankind: Fall of the Dominion che, in sostanza, è un MMORPG sandbox in cui i giocatori hanno il controllo diretto su aspetti importanti del background come l’economia e la politica globale. La creazione di armi e beni di consumo, l’amministrazione dei vari governi locali e perfino la creazione delle quest e dei relativi compensi, tutti questi contenuti sono creati dai giocatori attraverso le Fazioni, che sostituiscono il vecchio Dominion gestito dagli NPC. PvP sempre attivo, controllo territoriale e polizia gestita direttamente dai giocatori fanno di Face of Mankind: Fall of the Dominion un’esperienza altamente coinvolgente e dinamica, tale da potersi rivelare anche più di una semplice “avventura estiva” videoludica.

FIREFALL

L’ultima entrata della nostra lista di titoli Freemium estivi è Firefall, l’atteso MMO shooter sviluppato da Red 5 Studios di cui, nei prossimi giorni, potrete leggere la recensione su queste stesse pagine. La caratteristica principale di Firefall consiste nella possibilità di passare liberamente da una classe all’altra, attraverso il sistema dei Battleframe intercambiabili, ai quali si aggiungono versioni avanzate che, per essere sbloccate, richiedono un esborso di soldi reali o il faticoso accumulo di livelli sui frame già in possesso. Il sistema di crafting, inoltre, permette non solo di creare versioni avanzate di armi principali e secondarie, ma anche delle skill associate ai diversi frame, nuclei che influiscono sulle potenzialità delle armature e persino i moduli di potenziamento da “sockettare” negli equipaggiamenti più rari. Data l’assenza di una forte componente narrativa che ne caratterizzi l’esperienza solinga, Firefall trova il suo perché nel gioco di squadra con amici o altri giocatori, soprattutto in occasione di eventi casuali come le invasioni da parte dei misteriosi nemici alieni Chosen e delle mini-quest pubbliche sparse per la mappa.

NOSGOTH

Concludiamo questo nostro speciale citando un altro titolo che, tecnicamente, andrebbe considerato free-to-play, ma che in questo momento è accessibile esclusivamente in accesso anticipato acquistando uno starter pack, ovvero Nosgoth. Annunciato nel giugno 2013, dopo diversi leak e tra i mugugni degli appassionati della serie Legacy of Kain che, invece, aspettavano da 9 anni l’arrivo di un nuovo capitolo single-player della saga di Kain e Raziel, negli ultimi mesi di Beta Nosgoth si è rivelato essere un prodotto solido, un TPS a squadre veloce e tattico allo stesso tempo, con una convincente caratterizzazione delle diverse classi di gioco che, a dispetto delle convenzioni del genere, non trovano corrispondenze dirette fra i due schieramenti. Se, infatti, i cacciatori umani sono specializzati nel combattimento a distanza e nel creare trappole, i quattro esponenti della razza vampirica, tra i quali figurano anche, per la prima volta nella serie, i discendenti alati del leggendario Raziel, puntano tutto sulla capacità di arrampicarsi sui tetti, nascondersi e tendere imboscate da punti altrimenti inaccessibili o, nel caso dei Razielim, fiondarsi sui nemici ignari, portarli in quota di volo e farli precipitare dall’alto.
Ci auguriamo che questo elenco sia stato utile per voi lettori, e che vi abbia aiutati a trovare un titolo veloce e gratuito con cui passare questa parte finale dell’Estate e, chissà, anche il resto dell’anno.