Q&A: Domande e Risposte Adesso online

Rispondiamo in diretta alle vostre domande e curiosità!

Speciale Nintendo 3DS Direct

Il Direct di Luigi e del 3DS

speciale Nintendo 3DS Direct
Articolo a cura di
Lorenzo Lorenzo "Kobe" Fazio ama il basket, o per meglio dire i Los Angeles Lakers, l’Hip Hop e il teatro. Dopo aver rincorso la carriera del finto regista, dal 2007 si spaccia anche per finto esperto di videogiochi scrivendo su Everyeye.it. Lo appassionano le belle storie e gli stili visivi ricercati. Cercatelo su Twitter e su Google Plus.

La preoccupante e frustrante inattività di Nintendo sembra essere ormai un triste ricordo. La mancanza di un marketing incisivo e di una politica ben definita, nel periodo che ha visto esordire il 3DS e andare in pensione il Wii, ha fomentato gli scettici e scoraggiato i fan, anche a fronte di indiscutibili capolavori del calibro di Xenoblade Chronicles.
Gli indugi paiono essersi ufficialmente rotti lo scorso 23 gennaio, data dell’ormai famoso Nintendo Direct in cui un generosissimo Iwata ci ha ricordato perché amiamo la Grande N e ha empiricamente dimostrato che il Wii U è solo all’inizio del suo ciclo vitale, non a un punto morto.
Dopo neanche un mese la casa di Kyoto ha deciso di bissare, concentrandosi totalmente sull’altro dispositivo attualmente in commercio: il 3DS. Pur non raggiungendo la magnificenza della scorsa videoconferenza, anche questa volta Iwata ha estasiato il suo pubblico iniziando subito con qualcosa di inaspettato: il 2013 sarà l’anno della ribalta di Luigi, eterno secondo e fratello del ben più acclamato Super Mario.

Tanti giochi, poche novità

Fiero del suo cappello verde con tanto di L ricamata al centro, Iwata ha introdotto la famosa mascotte con un breve riassunto della sua storia personale. Dopo l’esordio nel 1983 in Mario Bros., la grande occasione giunge nel 2001 con il favoloso Luigi’s Mansion, che ebbe addirittura l’onore di accompagnare il promettente Game Cube al lancio.
Proprio al diretto seguito è toccato aprire la lunga trafila di annunci, con l’intervento di Shigeru Miyamoto, in qualità di producer del gioco, che ha rotto il ghiaccio annunciando la data di rilascio di Luigi’s Mansion 2 nel nostro continente: il 28 marzo. Dopo l’utile e gradita notizia, il famoso game designer si è subito speso nel sottolineare il lavoro artistico e tecnologico alla base del prodotto. Il 3D, unitamente alla particolare attenzione riservata agli effetti luce e ombra, sarà parte fondamentale dell’esperienza. Il titolo si pone un duplice obbiettivo: immergervi il più possibile nella magione infestata dai fantasmi e al contempo farvi scorrere qualche brivido giù per la schiena, senza per questo scadere mai nell’horror. L’idea è interessante e alla portata della console ospitante: del resto non c’è niente di più emozionante che giocare al buio più totale con un buon paio di cuffie. Sicuramente stridono un po’ i colori troppo accessi di nemici e ambientazioni, così come le buffissime espressioni di Luigi mentre si aggira per gli oscuri corridoi della villa. Tuttavia, memori dei precedenti hands-on, possiamo assicurarvi che un po’ di inquietudine la proverete durante le fasi di esplorazione.

"Luigi’s Mansion 2 ci sembra un prodotto sviluppato con molto impegno e in grado di espandere in tutte le direzioni il concept già vincente che fu del capitolo pubblicato su Game Cube"

L’attenzione si è poi spostata sul Poltergust, prodigioso aspirapolvere che permette al pavido Luigi di fronteggiare le ectoplasmiche presenze che infestano la magione. Oltre che per avere la meglio sui nemici, l’attrezzo tornerà utilissimo per risolvere i tanti enigmi che vi sbarreranno la strada. Il breve video è stato piuttosto efficace in questo senso: potrete gonfiare palloni aerostatici per raggiungere zone altrimenti inaccessibili, attrarre oggetti speciali o chiavi, risucchiare mobilia per scovare denaro e così via.
Non mancherà neanche il multiplayer. Una modalità cooperativa, sia online che in locale, vedrà fino a quattro giocatori darsi man forte al fine di bonificare ogni piano della Torre del Caos.
Luigi’s Mansion 2 ci sembra insomma un prodotto sviluppato con molto impegno e in grado di espandere in tutte le direzioni il concept già vincente che fu del capitolo pubblicato su Game Cube.
Riacquistato il centro della scena, Iwata ha introdotto quindi il nuovo capitolo della saga di Mario & Luigi, brand da sempre pensato esclusivamente per i portatili Nintendo. Questa volta tutto ruoterà attorno ai sogni di Luigi, che non solo fungeranno da ambientazione principale delle gesta del duo, ma rappresenteranno anche il fondamento del gameplay stesso. Scuotendo in vari modi il suo faccione posto sullo schermo inferiore del 3DS, potremo condizionarne il subconscio a modificare la morfologia dei livelli, risolvendo enigmi e spianando la strada a Mario. Alcune piattaforme, ad esempio, diventano scalabili solo dopo aver pungolato in un certo modo il volto di Luigi.
Disponibile quest’estate, non ci è possibile lasciarci andare a commenti di sorta vista la pochezza di dettagli fin’ora rilasciati. Sicuramente abbiamo a che fare con un prodotto promettente e dal pedigree che vale come mezza assicurazione. Speriamo di poterlo provare in prima persona all’E3.
Sempre in estate dovrebbe essere pubblicato un nuovo episodio della fortunata serie di Mario Golf. Anche questo episodio è stato affidato alle espertissime mani di Camelot che, stando ai primi dettagli rivelati dal presidentissimo, manterrà inalterato feeling e gameplay nel pieno rispetto dei canoni del brand. Il breve video mostrato focalizzava l’attenzione sugli splendidi modelli poligonali di Mario e compagni, sulle grandi dimensioni dei campi di golf e sugli immancabili super tiri.
L’onnipresenza di Luigi in questo Nintendo Direct si è poi brevemente spostata nei lidi Wii U. Entro la fine dell’anno sarà rilasciato un DLC per New Super Mario Bros. U intitolato New Super Luigi U. Si tratterà di una pesante rivisitazione dei livelli già presenti nel gioco: niente di totalmente nuovo dunque, ma Iwata ci ha rassicurato che i designer stanno lavorando con estremo rigore per regalarci qualcosa di paragonabile all’avventura principale.

La parola è poi passata al simpatico Satoru Shibata, che ha aperto le danze con una disamina su Monster Hunter 3 Ultimate, previsto sia su 3DS che su Wii U. In primis è stato annunciato il doppio bundle, uno per ogni edizione del gioco, entrambi in uscita il 22 marzo. Secondariamente, lo stesso Royzo Tsujimoto -producer del gioco- si è speso nell’illustrare la connettività tra le versioni per le due console Nintendo. Innanzitutto la stessa partita potrà essere salvata sulla consola casalinga e sul portatile, potendola interrompere e riprendere indifferentemente su una delle due piattaforme, in qualsiasi momento. Inoltre, giocando in multiplayer locale, potrete fare affidamento sia sul Wii U che sui 3DS disponibili. Capcom sta traducendo quello che Sony chiama Cross-Play e Cross-Save in ambito PS3 e PS Vita. L’idea è vincente e si sposa alla perfezione con un titolo estremamente ritagliato intorno al multiplayer come Monster Hunter.

"In Monster Hunter 3: Ultimate la stessa partita potrà essere salvata sulla consola casalinga e sul portatile, potendola interrompere e riprendere indifferentemente su una delle due piattaforme, in qualsiasi momento"

All’interno della presentazione del nuovo capitolo della saga, Shibata ha anche colto l’occasione per mostrare al mondo il Circle Pad in formato XL che farà finalmente il suo debutto quasi in concomitanza con l’approdo del gioco nei negozi nostrani.
Messi da parte i giganteschi mostri da abbattere, è stato il turno di Castlevania: Lords Of Shadow - Mirror Of Fate, capitolo attesissimo dai tanti fan del brand, dal momento che racconterà molti dei misteri che si celano dietro alle varie generazioni dei cacciatori di vampiri. E’ stato lo stesso Dave Cox, nelle vesti di producer, a fornirci qualche gustosa informazione. Tanto per cominciare l’avventura durerà all’incirca una ventina di ore e potrete impersonare ben quattro personaggi, tutti appartenenti alla famosa famiglia dei Belmont. Il gameplay si baserà fortemente sull’esplorazione e sui combattimenti, in maniera molto simile a come accaduto nei tre capitoli pubblicati sull’ormai pensionato Nintendo DS. Visitando ogni anfratto dello scenario vi sconterete con una grande moltitudine di nemici, che elargiranno esperienza una volta abbattuti. Così facendo salirete di livello, imparando nuove mosse e diventando sempre più potenti. Grande importanza la ricopriranno alcune pergamene, in grado sia di svelare nuovi dettagli sulla trama, sia di fornirvi preziosi indizi sulla risoluzione degli enigmi. Da questo titolo, che dovrebbe esordire nel nostro continente l’8 marzo, ci aspettiamo moltissimo, memori soprattutto dell’ottimo lavoro svolto da Cox e dal suo team per il bellissimo Lords Of Shadow, pubblicato nel 2010 su PS3 e Xbox 360.
C’è stato poi il tempo per un triplice annuncio riguardo Fire Emblem: Awakening: il gioco verrà lanciato il 19 aprile e sarà possibile acquistarlo in bundle con un 3DS XL dal design ispirato alla saga. Inoltre tutti i DLC già rilasciati in Giappone saranno disponibili anche dalle nostre parti (il primo in forma gratuita per un breve lasso di tempo) con tutto il carico di nuove mappe, missioni e personaggi che apporteranno progressivamente.
Shibata a questo punto si è preoccupato di ricordare all’utenza dell’esistenza di due titoli già noti e sviluppati da terze parti. Stiamo parlando di Etrian Odyssey 4, primo capitolo in 3D della fortunata saga, e di Project X Zone, strategico che riunirà le mascotte di Namco Bandai, Capcom e Sega.
L’attenzione si è poi spostata sui prossimi titoli che Nintendo rilascerà sull’E-Shop. Il primo di questi è stato Splash Or Crash: impersonando un oggetto che cade dentro un pozzo, dovrete guidarlo sin dentro all’acqua, evitando gli ostacoli nel mezzo. Disponibile dal 28 febbraio si tratterà di un prodotto a metà strada tra l’azione e il puzzle game. Code Of Princess, dal canto suo, sarà disponibile al download in primavera e sarà un fiero rappresentante dei picchiaduro a scorrimento. Con oltre 50 personaggi disponibili e 100 quest da completare, avrete modo di far crescere e personalizzare gli avatar, gestendone statistiche, equipaggiamento e abilità.

Ritornati in ambito retail, Shibata ha annunciato ufficialmente l’arrivo in estate su 3DS di Inazuma Eleven 3. Con più di 2200 giocatori reclutabili e 350 tecniche speciali, questo sarà il capitolo più complesso e profondo dell’intera serie, con tanto di rilascio di due versioni lievemente diverse tra loro, in pieno stile Pokémon. Graficamente non abbiamo notato alcuna differenza rispetto all’edizione per Nintendo DS, dove il titolo è stato originariamente pubblicato in Giappone, ma difficilmente i fan si lamenteranno di una definizione non proprio all’altezza del nuovo portatile.
Pokémon Mystery Dunegon Gates To Infinity è stato il videogioco successivo mostrato da Shibata. Come da tradizione, in questo spin-off impersonerete un Pokémon nell’esplorazione di oltre 20 dungeon, con la possibilità di arruolarne altri per aiutarvi nel compito. Novità assoluta di questa iterazione, la possibilità di creare una città tutta vostra, personalizzandola da cima a fondo al fine di creare il paradiso perfetto per i simpatici mostriciattoli di Nintendo. Sarà disponibile il multiplayer fino a quattro giocatori e potrete anche utilizzare la fotocamera per esplorare nuovi livelli generati inquadrando gli oggetti intorno a voi.
E’ seguito un lungo intervento sull’attesissimo Animal Crossing: New Leaf. Purtroppo non sono stati rivelati nuovi dettagli sul gameplay, che resterà a grandi linee fedele alla tradizione, ma finalmente sappiamo quanto dobbiamo aspettare prima di poterci mettere le mani sopra: il 14 giugno è la data da segnare in rosso sul calendario.
Finito? Neanche per sogno, visto che alla lista di mascotte nintendose ne mancava ancora una: Donkey Kong. Il famoso scimmione sarà prossimo protagonista di due giochi: un nuovo Mario vs. Donkey Kong e il remake di Donkey Kong Country Returns, meraviglioso platform enormemente apprezzato su Wii. Del primo sappiamo che ci saranno 180 livelli, che non mancheranno minigiochi che si allontaneranno dalle meccaniche solite del brand e che sarà scaricabile direttamente dall’E-Shop. Abbandonato il rigoroso 2D per immergersi nel mondo del 3D, questa volta non avrete a che fare solo con i Mini-Mario, ma anche con Mini-Peach, Mini-Pauline, Mini-Toad e Mini-DK, ognuno dotato di particolari abilità. Sul secondo, invece, sappiamo che si tratterà in tutto e per tutto di un adattamento, ma che sarà data anche molta importanza al potere impattante del 3D. Certo, avremmo preferito un capitolo tutto nuovo o magari una raccolta dei tre favolosi Country pubblicati sul Super Nintendo, ma ci accontenteremo.

Scheda Nintendo 3DS Ben lontani dagli annunci bomba del Nintendo Direct del 23 gennaio, lo spettacolo a cui abbiamo assistito ieri ci ha comunque confermato tutte le buone intenzioni della casa di Kyoto. Anche su 3DS il futuro promette bene, con diversi titoli in arrivo entro la fine dell’estate. Purtroppo è mancata la vera notizia che non ti aspetti, il gioco inatteso capace di spostare l’attenzione di stampa e pubblico, ma resta comunque difficile lamentarsi. Luigi’s Mansion 2 promette benissimo e i nuovi Mario & Luigi e Donkey Kong Country Returns hanno tutte le carte in regola per arricchire ulteriormente la softeca della console con prodotti di sicura qualità. Non ci resta che attendere pazientemente la fine di Febbraio e l’inizio di Marzo: oltre a temperature più miti ad attenderci ci saranno anche tanti nuovi giochi per i nostri amati 3DS.