Eroi Overwatch

Overwatch: L'Antro degli Eroi, Sombra e le novità della patch 1.5

Sombra: un assassino che sfrutta skill di hacking e invisibilità per aggirare il nemico e decimare gli avversari in fin di vita. Nuovo meta in arrivo?

Overwatch: L'Antro degli Eroi - Sombra

Videospeciale
Overwatch: L'Antro degli Eroi - Sombra
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One

Sono più di venti milioni i giocatori che negli ultimi mesi sono stati irretiti dal colorato universo di Overwatch: alcuni ne sono rimasti ammaliati, altri hanno abbandonato il titolo già al termine della prima stagione, e molti altri ancora continuano saltuariamente a bazzicare sui server di gioco. Al di là delle mere statistiche, però, una cosa è sicura: il titolo Blizzard sta riscuotendo un successo incredibile, nonostante gli aggiornamenti procedano con più lentezza di quanto sarebbe stato lecito attendersi. Dal momento della release, avvenuta lo scorso maggio, infatti, soltanto un nuovo eroe è stato aggiunto al roster iniziale: per questo motivo cominciava ad avvertirsi il bisogno di qualche interessante introduzione che potesse portare una ventata d'aria fresca nelle partite competitive. Per lungo tempo, allora, Blizzard ha stuzzicato la nostra curiosità con indizi sparsi per la rete, finché durante il Blizzcon, che abbiamo seguito per voi direttamente da Anaheim, si è finalmente sollevato il velo sotto cui si celava Sombra, un personaggio offensivo dalle abilità particolarmente intriganti.

Sombra o son desto?

Nata in Messico e cresciuta come hacker professionista, Sombra è una donna dal passato misterioso: nonostante nel video di presentazione la si veda collaborare con Reaper e Widomaker, il suo modus operandi ci porta a pensare che agisca per tornaconto personale piuttosto che sotto la guida della Talon. Ufficialmente, la ragazza è un membro dei Los Muertos, rivoluzionari schieratisi contro il governo messicano dopo la crisi degli Omnic: non a caso, tra le skin disponibili si trovano chiari rimandi al gruppo di ribelli, con teschi fluorescenti tatuati sia sul volto che sul corpo. Sombra ha dunque imparato a sopravvivere utilizzando le sue incredibili doti informatiche, che possono essere sfruttate durante la partita non solo per indebolire gli avversari sul campo di battaglia, ma anche per aiutare i propri compagni di squadra fornendo loro medikit aggiuntivi. Sebbene sia un'hacker talentuosa, Sombra non disdegna l'uso di letali bocche da fuoco: la sua arma principale, del resto, è una mitragliatrice leggera dal basso output di danno, che si utilizza allo stesso modo delle pistole di Tracer, adatta più alle tattiche mordi e fuggi che agli scontri diretti. Sombrà è considerata un personaggio d'assalto, ma noi preferiamo reputarla come un support aggiuntivo: la sua estrema fragilità e l'efficacia solo a corto/medio raggio la costringono infatti a esporsi eccessivamente ai colpi nemici, rendendola così facile preda dei tank e degli assassini avversari. Nonostante queste debolezze, Sombra sembra un flanker davvero eccellente, e la possibilità di diventare invisibile aumentando la velocità per un breve lasso di tempo grazie all'occultamento termo-ottico, la tramutano in un terribile incubo per le retrovie.
Tra i suoi gingilli più affascinanti trova spazio anche il rilocatore, con il quale può sia teletrasportarsi istantaneamente in un punto specifico della mappa alla semplice pressione di un tasto, sia saltare fossati e raggiungere i livelli sopraelevati delle mappe. Grazie all'estrema mobilità e velocità dei suoi movimenti, Sombra diventa impossibile da prevedere e particolarmente ostica da stanare. Tutte queste abilità, cui va aggiunta l'utilissima Opportunismo, che le consente di scorgere attraverso i muri le sagome dei nemici gravemente feriti, la trasformano in un vero e proprio spettro sul campo di battaglia, pronta a dare il colpo di grazia alle prede ignare e poi scomparire nuovamente nel nulla. Il suo è uno stile di gioco che si inserisce sì armoniosamente nelle dinamiche di Overwatch, ma che putroppo fatica a trovare il giusto ruolo all'interno delle partite classificate e delle competitive, nelle quali lo schieramento con due tank, due support e due healer risulta ancora oggi una soluzione maggiormente sicura ed efficace quando si gioca con un team casuale.
Per questo, nel caso non venissero ritoccate almeno in parte le sue statistiche, Sombra potrebbe sparire velocemente dalle partite classificate, a meno che i gruppi di players professionisti non inizino ad utilizzarla assiduamente durante i tornei, stimolando in tal modo l'interesse dei giocatori casual verso questo nuovo personaggio. Sombra dispone infatti di alcune capacità davvero spaventose, in grado di cambiare radicalmente l'andamento della partita: si tratta però di skills che richiedono la collaborazione dell'intero team per essere sfruttate al meglio, con conseguente incremento del gioco di squadra. Una delle sue tecniche più pericolose consiste nella possibilità di silenziare gli avversari dopo averli presi di mira ed aver mantenuto un contatto visivo per qualche secondo. Con la pressione del tasto destro del mouse Sombra può infatti alterare i sistemi difensivi dei nemici, disabilitandone gli scudi ed impedendone altresì l'utilizzo di qualsiasi abilità: immaginate allora quale incubo sarebbe, ad esempio, giocare con Reinhardt e trovarsi d'improvviso senza più alcuna barriera, mentre i nostri compagni, che proteggevamo fino a un secondo prima, vengono travolti da un'inaspettata pioggia di proiettili.

Allo stesso modo avremo anche l'opportunità di modificare i medikit sparsi per la mappa, abbassandone notevolmente il cooldown e permettendo solo al nostro team di usufruirne. Quest'ultima skill, che di primo acchito sembra poco incisiva, si rivelerà devastante quando inizieremo ad avere il controllo di 3-4 medikit contemporaneamente, obbligando i nemici a ripiegare lontano dai punti di controllo pur di riuscire a curarsi. Non meno devastante per il risultato del match è poi la sua "ultimate": un'onda frontale che travolge, silenzia e danneggia tutti gli avversari sul suo raggio d'azione, annullando persino le Ultra attivate e rendendo molto più pericoloso tentare una sortita con le famigerate "death balls" (ovvero quando l'intero team rivale scarica le proprie "ults" all'unisono in un attacco coordinato).

Sombra davvero una bella patch!

La patch 1.5 non si è limitata ad introdurre un personaggio inedito, ma ha anche rinnovato Overwatch dal punto di vista del bilanciamento. La modifica più importante, oltre ai consueti boost o depotenziamenti di alcuni eroi (a questo link potete leggere il changelog completo), riguarda l'aumento del 25% del tempo necessario per ricaricare le ultra di tutti i personaggi, una variazione che porterà i giocatori a gestire con maggior accortezza le proprie mosse finali.
Nel novero delle aggiunte spiccano le partite Arcade, dove è possibile affrontare sia risse 6vs6, sia match rapidi senza limitazioni per gli eroi, sia inediti scontri 1vs1 e 3vs3, vero e proprio fiore all'occhiello di questa nuova patch. Nella modalità uno contro uno verremo catapultati in una piccola arena con un personaggio casuale per ogni round, e il vincitore sarà decretato dopo sole cinque uccisioni: si tratta di partite piuttosto rapide ed incredibilmente divertenti, nonché bilanciate alla perfezione, nelle quali non potremo utilizzare medikit che potrebbero alterarne gli equilibri. Anche le schermaglie 3vs3 mostrano un lato di Overwatch fino ad oggi del tutto inesplorato, benché in questo caso composizione del team potrà essere scelta liberamente dai partecipanti.

Come incentivo per cimentarvi in queste nuove modalità, sono stati inseriti anche alcuni forzieri in regalo, uno per ogni prima vittoria settimanale, con in aggiunta uno scrigno extra che vi verrà assegnato dopo tre trionfi. Blizzard ha altresì deciso di introdurre una mappa completamente dedicata alle suddette sfide: Ecopoint: Antarctica è una piccola location caratterizzata da una buona verticalità, una sorta di ring senza molti luoghi dove nascondersi, ma che è in grado comunque di offrire fascinosi guizzi scenografici nei quali affrontarsi in duello.

Overwatch Sombra è un personaggio indubbiamente interessante che sulla carta, quantomeno dal punto di vista competitivo, potrebbe cambiare l'attuale meta game: le tattiche mordi e fuggi di cui dispone si sono dimostrate molto pericolose, capaci di alterare le strategie pianificate in precedenza dagli avversari. Difficilmente, tuttavia riuscirà a sostituire uno dei personaggi d'attacco al momento più usati durante le partite classificate, né tanto meno potrà mai usurpare il posto ad uno dei support attualmente in tier 1. Sombra è relegata, infatti, a ruolo di personaggio jolly, come tutti quegli eroi situazionali che difficilmente sono in grado, da soli, di mutare radicalmente le sorti di uno scontro. Onore e lode a Blizzard, invece, per le nuove modalità 1vs1 e 3vs3, che permettono di giocare match veloci e divertenti, per i quali si preannuncia quindi un roseo futuro, qualora venissero adeguatamente supportate dalla community. L'unico appunto che ci sentiamo di muovere alla compagnia californiana è rivolto unicamente al tempismo con cui la patch è stata rilasciata sui server: attendere la chiusura della seconda stagione competitiva sarebbe stata, probabilmente, una scelta più saggia.