Street Fighter 5 - Alex

Alex entra finalmente a far parte del roster di Street Fighter 5, ed è stato reso addirittura disponibile per una prova gratuita aperta a tutti: ecco le nostre impressioni su questo personaggio.

speciale Street Fighter 5 - Alex
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
Tommaso Tommaso "Todd" Montagnoli è un maniaco e devoto videogiocatore da più di vent'anni, feroce appassionato di RPG, strategici e tutto il resto. Le poche ore che non spende giocando le passa fra fumetti, cinema, brit rock e snowboard. Lo trovate su Facebook, Twitter e su MORLU TOTAL GAMING.

Con Street Fighter V Capcom stava andando davvero alla grande: sin dai primi hands on, risalenti a più di un anno fa, eravamo rimasti folgorati dal carattere vincente di questo nuovo capitolo e ad oggi non abbiamo certo cambiato idea. Ci è sempre importato poco del roster non proprio generoso o dello story mode che si faceva attendere, perché il nuovo combat system era dannatamente efficace e divertente. E questo, per noi, aveva ed avrà sempre la precedenza su tutto. Purtroppo, però, il vero problema sta altrove, e proprio nel momento più delicato per Street Fighter V, qualcosa è andato irrimediabilmente storto. Non è un mistero che i server di gioco e il netcode, peraltro sponsorizzati fortemente dagli sviluppatori, abbiano fatto cilecca al day one e, continuando a dar problemi per molte delle seguenti settimane, si siano attirati addosso le antipatie di una grandissima fetta di pubblico. È un peccato, perché il titolo merita davvero, e siamo convinti che avrà modo di dimostrarlo; ma come si può biasimare quell'utenza che si trovata impossibilitata a giocare per tutto questo tempo? Non ci sono scusanti: oggigiorno è impensabile farsi trovare così impreparati al lancio di un gioco, soprattutto quando si tratta di una saga così importante, perché una gaffe del genere può rovinare la percezione globale anche di un brand storico come quello di Street Fighter. Le classifiche non mentono (soprattutto quelle Inglesi) e Capcom sta già scontando i suoi errori, ma ci vorrà ancora un po' per capire come si evolverà la faccenda, sicuramente non prima dell'arrivo dello story mode completo. Nel frattempo, però, Mr. Ono e gli altri si sono finalmente decisi a rendere disponibile la prima big patch che, fra le altre cose, include anche il primo personaggio del chiacchieratissimo Season Pass, nonché la modalità sfida e numerosi miglioramenti alle lobby. L'attesissimo (e amatissimo) Alex è infine arrivato, ed è stato reso addirittura disponibile per una prova gratuita a tutti, ma basterà a farsi perdonare dai fan?

Arekkusu is Back!

Quasi vent'anni sono passati dalla sua prima comparsa, ma il vecchio Alex è ancora uno dei personaggi preferiti di sempre. Questa volta i character designer hanno preferito restare molto fedeli al suo stile grafico originale, senza stravolgere troppo le carte in tavola. Il wrestler Americano, liberamente ispirato allo stile di Hulk Hogan, è ancora imponente come una volta, rigorosamente a petto nudo. Non indossa più la sua iconica salopette, bensì un paio di jeans verdi strappati con tanto di guantoni abbinati, una camicia a quadri rosso cremisi legata ai fianchi e la sua immancabile bandana. La sua simpatica "story mode" non è certo migliore delle altre, sempre breve e trascurabile, a parte forse una piccolissima comparsata che ci ha fatto sorridere. Anche lo stile di combattimento non è stato rivoluzionato: Alex fa ancora affidamento sul suo storico mix di manovre Wrestling e violenti colpi di KickBoxing, che punta tutto sulla breve/media distanza. È un personaggio di quelli che "ti si attacca addosso", che si gioca il tutto per tutto in veloci burst-rush e in prese multiple. Il suo danno è altissimo, così come il grado di stun inflitto e, grazie alla sua grossa stazza, ottiene anche un notevole range nei colpi singoli. Qualora poi venisse messo al muro da attacchi a distanza, può sempre contare su alcune efficaci tecniche evasive. In quanto a giocabilità non troppo diverso dalle sue precedenti incarnazioni, con qualche carica alternata ai sempre più presenti quarti di luna. Veniamo dunque al V-System, punto fondante di questo nuovo capitolo. La V-Skill si chiama Overhaul, e consiste in una breve animazione in cui Alex si carica, dopodiché qualsiasi colpo assesterà all'avversario verrà calcolato come Hard Hit. Ovviamente, se l'attacco va a segno infligge più danni ed apre una finestra temporale per concatenare un'ulteriore combo, proprio come fosse un Counter Hit. La V-Trigger, invece, prende il nome di Rage Shift, e rende possibile un attacco a catena con Follow-up unici che, se caricati fino in fondo, possono rompere completamente la guardia avversaria; in più, durante la stance sarà possibile utilizzare addirittura il Parry.

Per finire c'è la Critical Art, denominata Heavy Hammer, traducibile in una portentosa e spettacolare presa aerea, che incastrerà -letteralmente- il nostro nemico al suolo. Alex è un personaggio ben strutturato, bilanciato, ma soprattutto divertentissimo da usare e regala un feeling tutto suo, sicuramente molto diverso da R. Mika e Zangief. Ogni colpo andato a segno è potente, e pesa come un macigno sul volto degli avversari. Per quanto lo stile "Grappler" non sia il nostro preferito, dobbiamo ammettere che Alex funziona a meraviglia.

Street Fighter 5 Con l’ultima patch SFV vede l’arrivo delle tanto agognate Sfide, e con esse anche alcuni miglioramenti generali. Ad esempio, da ora sarà possibile utilizzare l’opzione Re-Match nelle qualificate, oppure creare finalmente Lobby da otto giocatori, con tanto di funzione spettatore. L’update di marzo coincide anche con la prima new entry del Season Pass, ovvero il Newyorkese Alex, che per un periodo di tempo limitato è stato reso addirittura disponibile gratuitamente agli utenti. Si tratta di un personaggio ben caratterizzato sia dal punto di vista estetico che da quello del gameplay, ricco di citazioni e altrettanto rifinito nello stile di combattimento, ma non abbastanza da finire in top tier. Una piacevole aggiunta, insomma, che non rivoluziona il roster, ma siamo certi renderà felicissimi i fan. Per quanto ci riguarda, continuiamo a sperare che Capcom riesca a risollevarsi dalla pessima figura fatta al lancio e per dirlo dovremo aspettare i prossimi DLC e soprattutto l’attesissimo Cinematic Story Mode, previsto per Giugno.