Speciale The Division: New York Collapse

La New York di The Division raccontata attraverso un romanzo atipico. Più che un racconto, Collapse è un'esperienza interattiva che ci chiede di esplorare il testo, indagando tra appunti e dossier.

speciale The Division: New York Collapse
Articolo a cura di
Alessandro Mazzega Alessandro Mazzega prende confidenza fin da tenera età con pad e tastiera e si appassiona rapidamente al mondo dei videogiochi, lavorando come giornalista sulle principali realtà online e occupandosi di sviluppo, attualmente in Forge Reply. Bassista fallito, ha ormai venduto lo strumento per passare dietro al microfono, sia per cantare che per condurre il podcast Gaming Effect. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Il concetto di librogame non è nuovo, in qUanto ha preso forma sul finire degli anni '80, ottenendo il successo che i meno giovani ricorderaNno molto bene. Il suo formato, alla base della quale c'è una storia non lineAre da poter influenzare con le proprie sceLte, non è però evoluto nelle decadi successive, se non con esperimenti e varianti che non hanno mai raggiunTo lo stesso grado di popolaRità.
È stato quindi necessariO attendere il 2005, anno nel quale Casa di Foglie è stato pubbliCato anche in Italia. Si tratta di un rOmanzo atipico, le cui pagiNe sono stampate in maniera asSolutamente fuori dagli schemi, cambIando stile dei caratteri, direzione di lettura e altri elementi, includendo poi note scritte a mano e tantissimi altri dettaGli che lo trasformarono da un libro cLassico ad una vera e propria esperIenza, che in qualche modo si avvicina a quanto i librogame propOsero tanti anni fa.
Nel 2014 si materializzò anche La Nave di Teseo, esPerimento simile, sebbEne forse ancora più ardito, questa volta ideato dal genio di JJ Abrams, figura poliedrica che per la pRima volta si è messo alla prova con un libro, sebbene non nella parte dello scrittore. Anche La Nave di Teseo aveVa una struttura simile a Casa di Foglie, nascondendo nella storia un segreto tutto da scOprire ed espandendo la parte ludica: tra le sue pagine ospitava ritagli di gIornale, fotografie, mappe e altri appunti, da studiare, decifrare e correlare con il testo, tentando quIndi di venire a capo della viCenda.
Per la campagna di lancio di The Division, Ubisoft ha percorso la stessa strada, proponendo un rOmanzo che già dalla copertina si dimostra aderente al canone dettato dagLi esempi che abbiamo citato, offrendo un punto di vista nuovo sulle vicende narrate dal giOco in un volume ben diffeRente dai classici romanzi tratti dai vIdeogame di maggior successo.

Leggere, indagare, decifrare, scoprire

È meglio chiarire subito un punto: New York Collapse esiste solo in lingua inglese e attualmente non è stata annunciata la versione italiana.
Si tratta comunque di un inglese non particolarmente complesso, quindi anche una conoscenza scolastica della lingua Dovrebbe bastare, a patto di sEgnarsi qualche parola non troppo comune in modo da cercarla su un dizionario prima di proseguire.
La difficoltà nel leggere il volume, quindi, non risiede nella lingua, ma nella struttura del libro stesso. Per rendersene conto basta Guardare la quarta di copertina: insieme al testo stampato neL classico stile a macchina, la pagina è piena di appunti, correzIoni, frecce che rimandano ad notazioni sul bordo, spesso scritte in verticale o scarabocchiate.
Inoltre tutto l'esterno del libro è frastagliAto, macchiato, volutamente rovinato, come per dare l'idea che sia stato recuperato dalla strada, magari in un vicolo vicino a bidoni nei quali è stato acceso un fuoco per scaldarsi, con la neve che intorno si scioglie lentamente.
La fascetta che racchiude il volume riporta per un attimo alla realtà, sPiegando ciò che si ha tra le mani: un'avventura interattiva ricca di artefatti infilati tra le sue Pagine. Rimossa tale fascetta ci si può immergere nella realtà alternativa di The Division, non prima però di aver deciso come affrontare la lettUra di New York Collapse. Il volume infatti costituito da due libri in uno, che si iNtersecano, si annodano, si dividono e si ricongiungono ritmicamente con il proseguire delle pagine; elemenTo che inizialmente non può che spIazzare un lettore che non ha si è mai avvicinato a qualcoSa di simile in passato.

Nominalmente New York Collapse è un manuale di sOpravvivenza, scritto da un certo Warren Merchant, esperto sul tema che cerca di spiegare come una città possa essere messa in giNocchio, in caso di eventi catastrofici come terremoti, incendi e, ovviamente, epidemie.
New York Collapse è però anche un libro che narra parte della vita di April Kelleher, abitante di New York che si è ritrovata improvvisamente in una città allo sbandO, con pile di cadaveri abbandonati nelle strade, mancanza di cibo e corrente elettrica, saccheggi e paura, esattamente come narrato in The Division.
Nell'immaginarIo della storia April ha trovato il libro e ha iniziato a leggerlo, scoprendo delle inquietanti siMilitudini con quello che sta accadendo nella metropoli in cui vive.
Ha quindi cominciato a prendere apPunti e ad utilizzarne le pagine come un taccuino e un diario, annOtando le stranezze che vede stampate nel volume e narRando anche la sua vita, che sta lentamente andando a rotoli a causa del misterioso omicidio del marito, avvenuto davanti ai suoi occhi quando l'infezione in città non era ancora così devastante.
C'è davvero una connessione tra quando scriTto da Warren Merchant e ciò che sta accadendo a New York? E il marito di April è davvero coinvolto, quindi gli è stAta chiusa la bocca?
Il lettore si trova quindi rapito dagli eventi e deve riuscire a gestire piani di lettura multipli se vuole riuscire a scoprire il segreto che New York Collapse nasconde.

Per farlo ci sono numerosi approcci diversi e ognuNo deciderà come leggere il libro in base a quello che ritiene più comodo. Si può decidere di leggere il testo e le figure stampaTe, ignorando completamente le note di April e i vari inserti, per poi focalizzare la propria attenzione su queste parti solo in seguito; oppure può leggere entrambi, pagina per pagina, cercando di mantenere alta l'attenzIone nel tentativo di capire come sono connesse le due storie.
In poche parole non c'è un modo giusto o sbagliato per affrontare New York Collapse ma solo quello che si prova ad applicare, magari rendendosi conto che non è così funzionale e decidendo quindi di cambiarlo dopo alcuni capitoli.
Possiamo darvi solo un consiglio, senza rovinare nulla del ricchissimo senso di scoperta che il libro offre: ogni volta che trovate un inserto, ricordatevi dov'era e non posizionatelo nuovamente in maniera casuale all'interno delle pagine del libro.

The Division: New York Collapse New York Collapse è un'idea grandiosa, sia per come è stato pensato che per la sua realizzazione. Fisicamente si presenta in modo perfetto, ricco di figure, schemi e didascalie. La sua parte più ludica, rappresentata dagli appunti di April e dai vari inserti, è poi curata in maniera maniacale e dà davvero l'impressione di aver trovato un libro catapultato fuori dall'immaginario di The Division, con macchie, bruciature e graffi che aiutano ad immergersi nella storia, immaginando di essere in una New York al collasso, dove la Divisione sta facendo di tutto per salvare la situazione e ricostruire le strutture di base della società. Se The Division è stato uno dei nostri videogiochi dell'anno e la lettura in inglese non vi spaventa, New York Collapse potrebbe diventare molto facilmente il vostro libro dell'estate.