(Dis)Comfort Zone: Outlast 2 Oggi alle ore 21:00

Primo episodio della dis)Comfort Zone dedicata ad Outlast 2!

Speciale The Sims 4 - Verso la Recensione: Prima Parte

Cominciamo ad esplorare il simulatore di vita di EA e Maxis

speciale The Sims 4 - Verso la Recensione: Prima Parte
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
Vanessa Vanessa "Missfortune" Li Volti preferisce indubbiamente l'ultimo videogioco in uscita ad un nuovo paio di scarpe col tacco. Da The Sims a ogni tipo di MMO, dagli sparatutto agli affascinanti RPG, non manca nulla al suo arsenale. Crea materiale personalizzato - per lo più abiti - per The Sims 3 e dirige il blog missfortunesims. La trovate su Facebook.

Nel lontano Febbraio del 2000 nasceva il primo The Sims: il “simulatore di vita” che conquistò immediatamente un vastissimo pubblico, piazzandosi, già nel 2002, al primo posto tra i videogiochi più venduti della storia. Ed oggi, a quattordici anni di distanza, abbiamo il piacere di assistere alla nascita del quarto capitolo di quest'importante saga videoludica, che si mostra ancora una volta in una nuova e modernissima veste. Il rilascio ufficiale di The Sims 4 è previsto per l'ormai vicinissimo 4 Settembre, ma noi di Everyeye abbiamo avuto la fortuna di poterlo scoprire con qualche giorno di anticipo: è così che parte la nostra piccola "Road to Review", che ci porterà dritti alla recensione ufficiale, scoprendo a poco a poco tutti i segreti del nuovo titolo Electronic Arts.

Si comincia

Lo spirito fresco e innovativo di The Sims 4 ci avvolge sin dal primo avvio: la grafica minimale e la frizzante colonna sonora descrivono perfettamente il nuovo mood scelto da Maxis, introducendo il giocatore al mondo dei sims in maniera sicuramente piacevole. Il nuovo motore grafico, che rende possibile un’esperienza di gioco fluida e leggera, non baratta affatto la qualità con le prestazioni: il gioco mantiene un bell'equilibrio tra impatto e leggerezza offrendo un look del tutto soddisfacente anche per i possessori di hardware datato.

Dopo una brevissima schermata di caricamento, ci viene subito data la possibilità di creare la nostra unità famigliare nella modalità Crea Un Sim, che già dal mese scorso è stata ampiamente esplorata dalla maggior parte degli utenti grazie alla Demo gratuita messa a disposizione su Origin. Nella versione integrale del gioco troviamo tuttavia una modalità più completa, ricca di nuovi contenuti: la già ampia gamma di abiti e acconciature che era stata messa a disposizione nella Demo viene enormemente estesa, offrendo nuove possibilità di personalizzazione . Il nostro viaggio alla scoperta di The Sims 4 inizia dunque con un altro punto saliente del gioco, immediatamente successivo alla creazione del sim: scegliere il luogo in cui la nostra famiglia o il nostro sim trascorrerà la propria vita.
Willow Creek, il nuovo scenario proposto da Maxis, offre piccole abitazioni o grandi e lussuose mansioni, disseminate all’interno dei cinque principali quartieri in cui è suddivisa. Dato il limitato budget che la nostra unità familiare ha a disposizione, inizialmente ci sarà possibile acquistare solamente le abitazioni più modeste, oppure un lotto completamente vuoto in cui costruire da zero la nostra casa. La seconda opzione, ci permette oggi di esplorare a fondo la nuovissima Modalità Costruisci.

Rispetto al precedente capitolo le novità sono tantissime e si nota immediatamente l’enorme salto di qualità che gli sviluppatori sono riusciti a far compiere a quest’importante parte del gioco. I nuovi strumenti di costruzione e decorazione sono semplicissimi da utilizzare e offrono infiniti spunti creativi: prima tra tutte le innovazione è sicuramente la possibilità di collocare sul nostro terreno intere stanze pre-fabbricate, vuote o già elegantemente arredate, da ruotare, traslare e modificare in totale libertà. Disponibili in varie forme e dimensioni, si adatteranno alle nostre esigenze e allo spazio disponibile presente nel lotto, velocizzando notevolmente il processo di costruzione della nostra abitazione. È possibile inoltre regolare l’altezza delle pareti (basse, medie o alte), funzione non presente nel precedente capitolo.
L’arredamento disponibile non presenta grandi novità, il catalogo si suddivide ancora una volta secondo i classici filtri “Ordina per stanza” o “Ordina per funzione”, che rendono la consultazione veloce ed intuitiva. Si sente la mancanza, come previsto, della funzione Crea Uno Stile, che permetteva una personalizzazione profondissima di ogni elemento decorativo: gli oggetti sono invece stavolta disponibili in vari stili e colori prestabiliti, piuttosto limitati. Tuttavia, l’originalità dei preset, colorati e spiritosi, ci rende meno amara la pillola, ma si spera comunque in un eventuale introduzione futura del CAST, magari in occasione dell’arrivo di una nuova espansione.

Utilissima si rivela la nuova possibilità di salvare una stanza o addirittura l’intera abitazione nella Gallery, in modo da poter conservare le nostre migliori creazioni e magari riutilizzarle e riadattarle in un nuovo lotto, nostro o di un qualunque altro giocatore. È infatti possibile condividere online le nostre case rendendo possibile il download agli altri utenti che possiedono una connessione internet. La stessa funzione permette di salvare, naturalmente, anche le nostre unità famigliari preferite.
In conclusione, è doveroso evidenziare come The Sims 4 si presenti “plasmabile” sotto ogni aspetto, ponendosi come principale obiettivo quello di offrire ai giocatori la massima libertà creativa, esprimibile attraverso pochi e semplici click su ciò che ci interessa modellare, che siano le mura di una stanza o il corpo del nostro sim.
Buona partenza quindi per il Life Simulator di EA e Maxis: restate con noi per scoprire, nei prossimi giorni, come funzionano le relazioni interpersonali e come può essere condotta la vita dei nostri Sim.

Che voto dai a: The Sims 4

Media Voto Utenti
Voti totali: 20
7.5
nd