Resident Evil VII Oggi alle ore 21:00

Nuova puntata di Eternal Backlog: iniziamo Resident Evil 7!

Speciale The Witcher 3: Patch 1.07

Il nuovo aggiornamento mantiene buona parte delle promesse, ma le performance non ottengono visibili miglioramenti: ecco il punto della situazione.

speciale The Witcher 3: Patch 1.07
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Andrea Porta Andrea Porta è un fanatico, divoratore (e occasionalmente critico) di videogame, serie TV, cinema, letteratura sci-fi e fantasy, progressive rock, comics, birre belga, rolling tobacco e molto altro ancora. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Dal lancio di The Witcher 3 ad oggi, non si può certo dire che i ragazzi di CD Projekt non si siano adoperati senza sosta per risolvere i problemi di lancio del loro free roaming. Se ormai la situazione bug sembra essersi quasi del tutto risolta, la patch 1.07 si era configurata nelle ultime settimane come una delle più dense, e conseguentemente attese dai giocatori. Non solo una lunghissima lista di bug ancora irrisolti e finalmente eliminati, ma anche il tanto atteso incremento delle performance a livello di frame rate, che ha visto Playstation 4 soffrire di qualche problema in più rispetto alla rivale targata Microsoft. Chiunque abbia esplorato la regione delle Paludi Dualshock 4 alla mano sa bene che in quell'area i frame per secondo possono calare pericolosamente vicino alla ventina, rendendo difficoltosi anche i semplici combattimenti, e non si tratta dell'unico punto della vasta mappa a soffrire di tali problematiche. A volte, anche un semplice passaggio a cavallo può far verificare vistosi cali. Non è dunque un mistero il perché la community abbia atteso con particolare anticipazione la patch 1.07, che due giorni fa si è resa finalmente disponibile, con ben 7 gigabyte di download da effettuare.

Due passi avanti...

Una delle caratteristiche più chiaccherate dell'aggiornamento è il nuovo set di animazioni (opzionale) dedicato al protagonista Geralt, studiato appositamente per rendere la navigabilità dell'ambiente più fluida. Considerato che l'installazione della patch resetta completamente tutte le impostazioni (ma non i salvataggi di gioco, naturalmente), per testare le movenze aggiornate è necessario attivare l'apposita opzione nel menu Gioco, e successivamente caricare l'ultimo salvataggio. I benefici saranno evidenti sin da subito: invece di simulare la propria inerzia con l'evidente delay tra il cambio di direzione impartito via pad e il risultato a schermo, Geralt risponde istantaneamente, anche in caso di inversioni a 180 gradi. Invece di rallentare e girarsi, con il set alternativo Geralt cambia semplicemente direzione senza diminuzioni nella velocità di camminata o corsa. Per quanto sacrifichi una parte di realismo, la nuova impostazione giunge gradita soprattutto nelle ambientazioni al chiuso, dove la necessità di precisione nei movimenti portava spesso a grande confusione con il vecchio sistema. In combattimento le differenze sono meno evidenti, dato che schivata e capriola non hanno ricevuto modifiche, ma qualora doveste utilizzare il movimento base per spostarvi anche durante uno scontro sentirete immediatamente una risposta molto più immediata da parte del personaggio. Nel complesso, dunque, sacrificando un po' di realismo nelle animazioni la situazione esplorativa migliora molto, rendendo la nuova opzione assolutamente consigliabile. Tra le altre aggiunte significative citiamo l'aggiunta di un certo numero di depositi, contraddistinti dall'icona di un baule verde sulla mappa di gioco. Per quanto si trovino in posizioni fisse e non modificabili, rappresentano comunque un ottimo espediente dove conservare, ad esempio, armature che ancora non si possono indossare a causa delle restrizioni di livello, o ingredienti rari in attesa di trasformazione. Infine, è il caso di citare una delle feature più nascoste ma non meno interessanti, ossia la possibilità di ordinare il contenuto dell'inventario in base a varie caratteristiche (con la pressione dell'analogico sinistro), come la tipologia di oggetto, la durabilità e il prezzo. Per quanto i menu di The Witcher 3 rimangano ancora molto macchinosi da utilizzare, questa introduzione facilita molto alcune operazioni, e giunge assolutamente gradita. Non incluse nel patch log, ma comunque presenti, vi sono poi alcune modifiche relative al bilanciamento delle armature di alto livello, probabilmente legate alle future espansioni. Non stupitevi dunque se la vostra armatura del Grifone dovesse richiedere ora il livello 26, e preparatevi a un po' di grinding per ricominicare ad usarla.


... e uno indietro

Sin dalle nostre prime sessioni di gioco, il buon Rutilia si è da subito configurato come il giullare non dichiarato di The Witcher 3. Glie ne abbiamo viste fare davvero tante, dal comparire all'interno di una taverna e uscirsene con l'aria casuale di chi ne ha appena bevute un paio, al manifestarsi direttamente all'interno di un profondo corso d'acqua, camminando sul fondale come se nulla fosse. La patch 1.07 avrebbe dovuto portare qualche soluzione ai suoi problemi, ed all'idea eravamo quasi tristi. Fortunatamente, nulla sembra essere cambiato da questo punto di vista. Rutilia ha ancora la spiccata abitudine a comparire nei posti meno adatti e probabili scelti con grande accuratezza nel raggio di qualche decina di metri, confermandosi come un ottimo comic relief durante il peregrinare del Witcher. Tornando su toni più seri, al di là dei punti di spawn (troppo) randomici, è evidente come il principale problema di Rutilia rimanga la sua incapacità di saltare o aggirare automaticamente gli ostacoli. Quando qualcosa gli si parerà di fronte, si tratti di uno steccato o di un dirupo, inchioderà letteralmente, interrompendo completamente la galoppata e costringendo a complesse evoluzioni per riportarlo sulla retta vita. Un qualcosa che speriamo possa entrare a far parte di una futura patch 1.08. In ogni caso, il problema più grande della patch 1.07 è il mancato incremento delle performance, nonostante questo fosse stato promesso da CD Projekt. Se già pad alla mano la situazione di non miglioramento risulta evidente, la tempestiva analisi del Digital Foundry ha confermato come i cali di performance vi siano ancora, e non solo. L'inserimento di un lock a 20 FPS teso a limitare i cali nelle situazioni di maggiore stress per l'hardware ha addirittura peggiorato la situazione su Xbox One, che finora rimaneva la piattaforma favorita dal punto di vista prestazionale.

The Witcher 3: Wild Hunt Date le promesse di CD Projekt e la grande attesa da parte del pubblico, la patch 1.07 ci è sembrata una buona occasione per fare il punto sulla situazione complessiva di The Witcher 3 su console. Se dal punto di vista del gameplay i miglioramenti degli ultimi mesi sono stati evidenti, con i bug per la maggior parte eliminati e il nuovo set di movimenti in grado di rendere la navigabilità dell'ambiente finalmente più comoda, permangono i cali di performance su entrambe le piattaforme. Con la patch 1.07, inoltre, si è verificata una situazione particolare, dove le prestazioni tra le due macchine sembrano essersi riavvicinate, ovviamente a sfavore di Xbox One, che precedentemente godeva di qualche vantaggio. Considerata la mole di lavoro già compiuta dagli sviluppatori, ci pare ormai molto difficile che si possa arrivare a una situazione con 30 FPS stabili. Chiaramente, il lock a 20 non si è rivelato un'idea vincente, e gli sviluppatori polacchi si dicono già al lavoro per risolvere i nuovi problemi. Nel frattempo, la patch 1.07 rimane oggettivamente un passo avanti dal punto di vista della giocabilità, e, sebbene le performance non ricevano alcun beneficio, l'installazione è comunque caldeggiata. Rimanete con noi per tutte le future novità.

Che voto dai a: The Witcher 3: Wild Hunt

Media Voto Utenti
Voti totali: 288
9
nd