Speciale The Witcher 3 - Un viaggio inaspettato

Armati di fotocamera virtuale, abbiamo deciso di effettuare un piccolo tour nel meraviglioso mondo dello Strigo, con l'intenzione di immortalare parte della magia assaporata nell'ultima fatica di CD Projekt Red.

speciale The Witcher 3 - Un viaggio inaspettato
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Angelo De Martini Angelo De Martini è un famelico appassionato di videogiochi, dategliene uno di qualsiasi genere e ne farà un boccone in compagnia del suo fidato PC. Se potesse scapperebbe con lui in Giappone, continuando ad amare la scrittura e a videogiocare come un matto. Lo potete trovare su Facebook.

The Witcher 3 è una di quelle esperienza videoludiche che sanno essere credibili ed incredibili allo stesso tempo. Un mondo virtuale vastissimo che, pur cercando di ripercorrere i passi di altri congeneri (Skyrim in primis), vuole dimostrare che la sola vastità non è sufficiente per essere annoverati nella schiera dei capolavori per eccellenza. Basta farsi un giro tra i villaggi agricoli che si dipano da Bianco Frutteto fino alla città di Novigrad, o tra gli insediamenti montani e costieri delle Isole Skellige, per calarsi in un conturbante "melting pot" denso di cultura, mitologia e storie di vita molto differenti tra loro. L'ultima fatica di CD Projekt Red rappresenta probabilmente il traguardo, da lungo tempo sognato nel panorama open world, di regalare agli appassionati un titolo in grado di introdurre una componente narrativa profonda e ben scritta in un universo sconfinato, credibile e liberamente esplorabile.
L'esigenza degli sviluppatori, insomma, era proprio quella di "materializzare" (ma sempre virtualmente) la profondità delle opere dello scrittore polacco Andrzej Sapkowski, autore appunto della saga fantasy che vede come protagonista il Witcher Geralt di Rivia. Il risultato, considerando che il team polacco è al suo primo grande esperimento nel campo degli open-world, è sorprendente: The Witcher 3 è un'opera videoludica esemplare, che negli anni a venire verrà utilizzata come nuovo metro di paragone per il genere d'appartenenza.
Consapevoli di questo successo, avvalorato, tra le altre cose, da ben 4 milioni di copie vendute in appena 15 giorni, abbiamo deciso di rimettere gli stivali ed effettuare un piccolo tour nel meraviglioso mondo dello Strigo, per realizzare qualche semplice scatto da che possa indagare le storie di vita - epiche e grandiose o minuscole e quotidiane - che rendono l'universo di The Witcher 3 così denso e affascinante.


Disclaimer: Il materiale che raccolto non ha subito alcun fotoritocco ed è stato realizzato con un pc decisamente non al top (i53570K e AMD R9 280X), utilizzando una mod (Debug Console Enabler) in grado di rendere l'inquadratura libera da ogni vincolo (potete trovarla sul celebre Nexus Mod). Gli scatti non selezionati, invece, potete trovarli qui.

Goodmorning

Just Another Day

Tell My Mom I Love Her

This is Sparta

Patrol

Eternal Fire

Can You Hear Us?

Definitely Not a Pillar

Piss Off!

On Fire

The Misterious Man

In The Night We Trust

Time to Work

Get Up, Stand Up

Does Anyone Know Who He Is?

I'm The White One

Labyrinth of Mind

A Storm Is Coming

Yeah Mr.White, Yeah Science

Would You Come?


Che voto dai a: The Witcher 3: Wild Hunt

Media Voto Utenti
Voti totali: 288
9
nd