Titanfall 2: Come gira il gioco su PS4 PRO?

Se volete un'idea di quali benefici è possibile ottenere su uno schermo a 1080p con Playstation 4 Pro, Titanfall 2 è il gioco giusto per voi...

speciale Titanfall 2: Come gira il gioco su PS4 PRO?
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Pc
  • PS4
  • Xbox One
Francesco Fossetti Francesco Fossetti scrive di videogiochi -fra una cosa e l'altra- da più di dieci anni, e non ha ancora perso la voglia di esplorare il mercato con vorace curiosità. Ammira lo sviluppo indie e lo sperimentalismo, divora volentieri tutto il resto. Lo trovate su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Se volete un'idea di quali benefici è possibile ottenere su uno schermo a 1080p con PlayStation 4 PRO, Titanfall 2 è il gioco giusto per voi. Il nuovo sparatutto di Respawn Entertainment, eccezionale dal punto di vista del Single Player e movimentato quando si passa al comparto online, è uno dei titoli che sfrutta in maniera più proficua lo scarto di potenza della nuova console Sony. O meglio: è uno dei prodotti in cui i benefici del supersampling sono più avvertibili, dal momento che il supporto per il nuovo hardware non è certo implementato in maniera particolarmente brillante, ad esempio con diverse opzioni di rendering (come succede per Rise of the Tomb Raider, caso più unico che raro), né aggiunte grafiche di sorta.
Eppure, basta uno screen comparativo per accorgersi che l'immagine, su PS4 PRO, è incredibilmente migliore. I contorni e le ombre sono più definiti, sulle texture è percepibile un maggior numero di dettagli, e la nitidezza aumenta in maniera consistente. Rendendo merito, per altro, all'ottimo lavoro svolto dai creativi del team di sviluppo nella creazione di un mondo affascinante e selvaggio.

Il fatto che Titanfall 2 tragga così tanto beneficio al passaggio di Hardware dipende in buona sostanza dal fatto che, anche su PS4 "regolare", il gioco non gira a 1080p, ma utilizza una risoluzione dinamica. In pratica, a seconda del carico computazionale a cui la macchina è sottoposta, il motore decide di abbassare automaticamente la risoluzione, ed effettuare un upscaling del segnale video. Questa soluzione si rende necessaria per fare in modo che non si verifichino cali di framerate in situazioni particolarmente difficili da gestire per la GPU. Il team di sviluppo, insomma, ha opportunamente preferito la fluidità (generalmente inchiodata ai 60fps) al numero di pixel. Lo stesso metodo è sfruttato da un altro titolo targato EA: Battlefield 1, anche lui votato dal diktat dei 60 frame al secondo.
C'è da dire anche che sulla PS4 di base, Titanfall 2 fa una gran bella figura, merito di un algoritmo di upscaling più che buono.
Eppure, dopo essere passati su PRO, la differenza sarà molto consistente: qui il gioco gira in quasi ogni occasione ad una risoluzione di 2550x1440, e l'immagine viene poi downscalata a 1080p. Evidentemente più leggero e scattante del "cugino" Frostbite, il Source Engine utilizzato da Titanfall 2 trae grandi benefici da questa possibilità.
Torniamo a dire, in ogni caso, che in futuro i team di sviluppo dovrebbero prevedere una più ampia gamma di opzioni grafiche da concedere agli utenti. Mantenendo la risoluzione ancorata a 1080p, ad esempio, ci sarebbero stati comunque dei miglioramenti rispetto alla versione di base, e sarebbe rimasta a disposizione un po' di potenza computazionale extra, con cui magari gestire l'Ambient Occlusion (feature che invece resta esclusiva dell'ottima edizione PC) e magari migliorare un po' il filtraggio delle ombre (che assieme alla scarsa interattività degli ambienti resta uno dei punti deboli della produzione). Aspettarsi questo trattamento dai titoli arrivati nel periodo di lancio è quantomeno utopistico, ma speriamo di vedere ben presto una più ampia gamma di ottimizzazioni mirate, e non legate soltanto all'aumento di risoluzione.
Su PS4 PRO, in ogni caso, lo shooter di EA risulta anche più stabile, nuclearizzando quei piccoli cali di framerate che di tanto in tanto si osservavano sulla "vecchia" PlayStation 4, e riducendo del 20% i tempi di caricamento (che prima superavano i 40 secondi, e ora si attestano sotto i 35). Un insieme di fattori che ci permette di considerarlo uno dei prodotti che più si avvantaggiano del "salto" di metà generazione.

Prima di chiudere, qualche considerazione per chi vuole giocare sui pannelli 4K. La qualità dell'Upscaling è ottima, e non ci sono particolari problemi da segnalare. Anche alla massima risoluzione il titolo fa una bella figura. Purtroppo Respawn Entertainment non ha abilitato il supporto all'HDR. Una scelta probabilmente legata al fatto che gli schermi compatibili con l'High Dynamic Range aumentano in maniera considerevole l'input lag. E Titanfall 2 non vuole garantire solamente una perfetta fluidità, ma anche una risposta sempre immediata e precisissima, capace di valorizzare la mobilità esasperata del gameplay, e l'ipercinetica frenesia delle varie situazioni. Francamente, nonostante l'impatto che l'HDR ha sulla qualità della scena, non è una scelta che ci sentiamo di biasimare.