Speciale Wii Want U - Nintendo Land

Le redazioni italiane di videogiochi si sfidano su Wii U

speciale Wii Want U - Nintendo Land
Articolo a cura di
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

L'idea è originale. Coinvolgere le maggiori redazioni italiane di videogiochi (inclusa Everyeye ovviamente!) e farle battagliare testa a testa sui videogiochi principali per Wii U. Ufficialmente un'iniziativa di Nintendo e Videogames Party per dimostrare come anche chi scrive di videogiochi ogni dì sa stupirsi di fronte ai sussulti di un party game e alle piroette di Mario; ufficiosamente una concorrenza sanguinolenta tra le redazioni web e tv, nonchè la prova scientifica che chi batte sulla tastiera non sempre è anche un asso con il Gamepad. Anche per questo ciascun redattore poteva essere affiancato da un membro della community di appartenenza, pescandolo chi dal forum ufficiale, chi dai canali social network, chi dalla propria cerchia di amici...competitivi.

La prima tappa si è svolta un paio di settimane fa ed ha visto le coppie redattori-utenti competere su tre minigame presenti in Nintendo Land. Tra una manciata di giorni si proseguirà con la tappa dedicata a New Super Mario Bros. U, quindi ci si scontrerà sui campi di battaglia "hardcore" di Call of Duty Black Ops 2. Le prime quattro redazioni classificatesi in ciascuna tappa si incontreranno sui giochi medesimi in occasione della finalissima, occasione sospirata e temuta per dedicare la miglior redazione videoludica italiana!

Nintendo Land

Nintendo Land è il biglietto da visita escogitato da Nintendo per presentare al mondo le meraviglie di Wii U e del suo Gamepad. Se avete acquistato la console nei primi mesi di vita è molto probabile che ne possediate una copia: in tal caso è molto facile che ne abbiate saggiato le potenzialità multigiocatore, sotto le feste natalizie, nelle uggiose giornate pasquali o un qualche sabato sera dopo qualche birretta.
I game designer a Kyoto hanno predisposto 12 minigiochi, ognuno ispirato alle glorie videoludiche della compagnia da Donkey Kong a Pikmin, passando per The Legend of Zelda e Animal Crossing. Un mix riuscito di attività in singolo, in cooperativa o uno contro l'altro; perfetto enciclopedia per conoscere i franchise storici di Nintendo, almeno in attesa del prossimo Super Smah Bros.
In sede di recensione lo abbiamo premiato con un bell'8, ritenendolo "un ottimo modo per approcciare la nuova esperienza proposta dall'azienda nipponica, perfetto per riempire serate fra amici, nonché un ottimo intermezzo fra le sessioni di gioco con gli altri titoli di una Line-Up davvero ricca".


Siamo stati i primi a recensirlo nella nostra amata Italia, ma purtroppo la tripletta di Nintendo Land non ha portato fortuna ad Everyeye. La redazione, infatti, non è riuscita ad entrare nemmeno per il rotto della cuffia tra i primi 4 e quindi non accederà alla finalissima.
Pur essendo giunti nel luogo dell'evento (uno spazio espositivo dietro la stazione Porta Genova a Milano) con largo anticipo e aver avuto quindi l'opportunità di allenarci sui tre minigiochi oggetto della sfida, l'emozione ha in primis avvinto l'utente che affiancava il sottoscritto.
Ne Il circuito mozzafiato di Captain Falcon, time trial ispirato ad F-Zero, Everyeye è riuscita purtroppo a raggiungere soltanto la sesta zona di 12, incappando in una insidiosa mina qualche metro più in là del chackpoint.
Su gli animi! In Sulle orme di Mario chi scrive ha portato a casa una doppia vittoria ai danni dei concorrenti di Gamer Land. Il minigioco è uno dei migliori del lotto e rende finalmente praticabile l'intuizione avuta da Miyamoto con Pac-Man Vs. su Gamecube: Mario scappa e può tenere d'occhio l'intera mappa sul Gamepad, mentre gli altri due giocatori devono coordinarsi per rintracciare la preda, cingerla d'assedio in una zona della mappa e infine placcarla.
Quando Everyeye inseguiva la fuga di Mario si è interrotta un minuto abbondante prima della conclusione, mentre a ruoli invertiti dopo aver rischiato di essere placcati a pochi secondi dall'inizio Everyeye è riuscita a resistere fino in fondo.
Infine, Metroid Blast nella variante Scontro a Terra, una sfida a coppie che può essere benissimo vista come un prologo della successiva tappa Call of Duty Balck Ops 2. Ancora una volta Everyeye viene messa contro Gamer Land per una sfida senza esclusione di colpi. Partiamo bene: il monte gettoni raccolto nei primi minuti di gioco superava abbondantemente i 50 pezzi, in parte racimolati dalle Samus avversarie, in parte raccogliendo dei barilotti sparsi casualmente nell'arena. La vittoria sembrava a portata di mano quando abbiamo mandato in confusione Gamer Land camperando dalla sommità dell'arena.
Ma come accade in questi casi, la hybris è in agguato e negli ultimi istanti gli scontri a terra si risolvono perlopiù in un'emorragia di gettoni che consegnano per un soffio la vittoria ai nostri avversari. Discorsetto d'obbligo da parte dell'allenatore negli spogliatoi...