Top ten Motocross e videogame

5 videogiochi che ogni amante di motocross non può assolutamente perdersi!

top ten Motocross e videogame
Articolo a cura di
    Disponibile per:
  • Xbox 360
  • Pc
Nicolò Pellegatta Nicolò Pellegatta va matto per il chinotto, i fumetti europei (anche quelli francesi), non sopporta le code. Ha un debole per i videogiochi giapponesi, ma Kojima proprio non gli sta simpatico. Apprezza i giochi di breve durata, ma poi finisce sempre per iniziarne uno da 40 ore! Dissuadetelo su Facebook, Twitter o su Google Plus.

Sgommano, saltano su rampe vertiginose, lisciano pile d'auto da rottamare. Sollevano una folta quantità di fango. E' la magia del motocross acrobatico, in cui le stelle delle due ruote si esibiscono in gymkane acrobatiche tra giri della morte, capriole in aria, cerchi infuocati e hamburger ben poco dietetici.
Potevano forse esimersi i videogiochi dal catturare un simile spettacolo su due ruote? Certo che no e infatti una deviazione molto interessante dei racing game è rappresentata proprio dai titoli di cross, senza distinzioni tra due/tre/quattro ruote, ma accomunati dalla voglia di offrire oltre alla sfida anche un elevato tasso di spettacolarità e un contorno graffiante.
Da Excitebike su NES fino ai recenti Trials su piattaforme digitali, il sotto-genere è sopravvissuto più o meno indenne ai tanti stravolgimenti del mercato.
In concomitanza con l'uscita di Trials Evolution Gold Edition, l'edizione definitiva del titolo firmato RedLynx e Ubisoft da pochi giorni disponibile su PC, abbiamo confezionato questa Top 5 capace di dare risalto a quelle glorie del racing game che si sono in qualche modo ispirate alla disciplina del motocross.

Excitebike

Un classico intramontabile. Il videogioco di punta assieme a Punch Out! della linea sportiva del NES, un autentico trionfo di giocabilità, salti mortali, sprite sgranati e pubblicità auto-celebrative. Descrivere le sensazioni di un videogioco come Excitebike senza pescare nel barile senza fondo dei ricordi e della nostalgia è quasi impossibile per cui non vi diremmo che a distanza di trent'anni la giocabilità si dimostra legnosetta e la difficoltà beh non è propriamente alla portata di tutti.
Il franchise ha avuto una mezza dozzina di seguiti, remake, epigoni di varia natura, ma nessuno è riuscito ad imporsi più di tanto: lo abbiamo visto sul Satellaview, il network adapter per SNES esclusivo giapponese, in cui Mario, Peach e compagnia cantante prendevano il posto dei piloti umani; era al lancio di Nintendo 64 con un seguito apprezzabile; nascosto in qualche buca di Animal Crossing; preso a ispirazione da Excite Truck su Wii; inquadrato di sbieco nel Wiiware Excitebike: World Rally e infine presente su eShop con tanto di supporto alla stereoscopia ma al prezzo non troppo amichevole di 6 euro!

4 Wheel Thunder

A cavallo tra gli anni '90 e '00 Midway ancora vivacchiava nel panorama console, faceva picchiare duro la gente con Mortal Kombat e Ready to Rumble, ma sopratutto scagliava bolidi alla velocità della luce. O meglio del tuono. La serie Thunder si è incarnata un po' su tutti i terreni, dall'acqua con Hydro Thunder al ghiaccio con Artic Thunder, ma non ha certo disdegnato le quattro ruote e il brullo terreno.
L'esempio più lampante è il discreto 4 Wheel Thunder, esclusiva Dreamcast, che attraverso una buona sensazione di velocità aiutava il giocatore a calarsi con massimo divertimento alla guida di un Monster Truck.
Curiosi di provarlo? Setacciate l'Ebay americano perchè quaggiù non è mai arrivato...

Joe Danger: The Movie

Il pericolo è il suo mestiere visto che gli paga le bollette. Joe Danger (nomen omen) di mestiere fa lo stuntman e lo fa un po' dappertutto, a cavallo di motorette, su carrelli minerari, zigzagando tra spuntoni ed imitando Sonic nei suoi celeberrimi giri della morte. Tutto questo avveniva nel 2010, perchè nel giro di due anni il prode Joe ha fatto carriera nel mondo del cinema. Tutte le produzioni hollywoodiane se lo contendono e i migliori registi lo coccolano con amore di padre: ed eccolo quindi nei panni di un cacciatore di tesori, poi come astronauta, nuovamente coi piedi a terra pattugliando le strade come poliziotto e infine la prova suprema con il frac del perfetto agente segreto.
Il mix di racing game e platform ha saputo infondere una marea di idee originali al videogioco firmato Hello Games, la cui varietà e il suo divertimento sfrenato dovrebbero essere provati con mano almeno una volta da tutti i videogiocatori.

Pure

Chissà se qualcuno ci avrebbe mai scommesso sopra: la stessa Disney Interactive che vent'anni fa incantava le pucciose platee con Ducktales e Castle of Illusion, avrebbe corteggiato gli ex sviluppatori di ATV Offroad e MotoGP per un racing game sporco e adrenalinico. Ne uscì Pure, un valido videogioco di guida con protagonisti i grintosi quad, ben misurato tra sezioni di freestyle, percorsi veloci e percorsi più lunghi. L'affabile sistema di Trick, una combo dietro l'altra a svariati metri d'altezza, conquistò la stampa specializzata, ma purtroppo non il pubblico che prima fece sbandare i talentuosi Black Rock Studio e poi snobbando Split/Second li mandò definitivamente fuoristrada!

Trials Evolution

Il posto d'onore non poteva che essere assegnato a Trials Evolution. Gli scandinavi RedLynx insieme a Ubisoft hanno letteralmente reinventato il genere che fu di Excitebike, spingendo una marea di software house a fare altrettanto con alterne fortune specie su smartphone.
Ma loro sono ancora lì e Trials Evolution Gold Edition per PC rappresenta il loro parto più completo. Una marea di livelli estrapolati da Trials HD e Trials Evolution, l'aggiunta del multiplayer e un editor di livelli potentissimo.
Serve altro? Ah già, quasi dimenticavamo, tanta tantissima pazienza...

Che voto dai a: Trials Evolution

Media Voto Utenti
Voti totali: 37
8
nd