CINEMA & HOME VIDEO
Changeling > Recensione
0 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Changeling - Recensione

Inviato il da Andrea Manni
Changeling - recensione - Cinema
Nella Los Angeles del 1928, dominata dalla polizia corrotta, vivono Christine Collins (Angelina Jolie) e suo figlio Walter, abbandonati dal padre alla nascita del bambino. In un giorno di Marzo, a causa dell'assenza imprevista di alcune colleghe, la donna è costretta ad andare al lavoro lasciando a malincuore il figlio in casa da solo per qualche ora. Quando ritorna però, ad attenderla c'è qualcosa di sconvolgente: il piccolo Walter è scomparso e nessuno ne sa niente. Christine chiede immediatamente aiuto alla polizia e, dopo cinque mesi dalla denuncia viene ricontattata dal capitano delle forze dell'ordine J.J. Jones (Jeffrey Donovan), il quale le annuncia che suo figlio è stato ritrovato e che potrà riabbracciarlo al ricongiungimento pubblico organizzato dalla polizia. Qualcosa tuttavia non va: la donna si accorge immediatamente che il bambino riportatole non è assolutamente suo figlio, nonostante questi affermi il contrario, ma nonostante questo viene costretta a prendersene carico e il caso viene chiuso. Esasperata da quello che sembra un complotto contro di lei, Christine torna alla polizia per far valere le sue ragioni, chiedendo di riprendere le ricerche: per tutta risposta viene fatta rinchiudere in un manicomio perché, a detta della polizia, affetta da turbe psichiche che la renderebbero incapace di riconoscere il suo stesso figlio. La donna però, dotata di grande forza d'animo, non demorde e, grazie all'aiuto del reverendo Gustav Briegleb (John Malkovich), da sempre impegnato in prima linea nel portare alla luce le malefatte della polizia di Los Angeles, riesce a rendere pubblica la scomoda verità.
Dal grande Clint Eastwood una lezione di sentimento e di cinema
Changeling - recensione - Cinema
Nonostante si stenti a crederlo, quella narrata da Eastwood (Million Dollar Baby, Mystic River) in questo Changeling è una storia vera, scovata e ritoccata (in minima parte) per il grande schermo dallo sceneggiatore J. Michael Straczynski fra le ingiallite carte degli archivi municipali di Los Angeles. Il talento, ormai indiscutibile, del regista "dagli occhi di ghiaccio" ha saputo prendere l'ottima sceneggiatura e tirarne fuori tutti i colori del sentimento, regalandoci una pellicola pregevole sotto ogni punto di vista, a partire dalla magnifica ricostruzione dell'America degli anni 20, curata in ogni minimo dettaglio. L'intera vicenda si snoda in maniera magistrale per tutta la durata del film, coinvolgendo lo spettatore in una gamma di emozioni incredibilmente vasta e, cosa non facile per questo genere di storia, tenendo sempre vivo il suo interesse, giostrandosi fra l'empatia per la madre disperata, lo sdegno per l'arroganza delle cariche pubbliche e l'interesse per tutta una serie di avvenimenti che sono fortemente tinti di giallo. Incredibile quanto la scelta della Jolie (Wanted, Tomb Raider) per interpretare Christine Collins risulti azzeccata: la sex symbol per eccellenza rinuncia ad una buona parte del suo sex appeal e ci rivela insospettate doti drammatiche che non solo la rendono estremamente credibile come personaggio, ma riescono a trasmettere efficacemente al pubblico le emozioni per il dramma umano di questa madre coraggiosa. La bontà del lavoro svolto dalla Jolie è riscontrabile anche nel fatto che l'intera pellicola si regge quasi esclusivamente sul personaggio di Christine: il resto del cast, che comunque ci regala performance di altissimo livello, è infatti presente in maniera più o meno marginale, essendo la vicenda volutamente raccontata dal punto di vista soggettivo della donna.
Ottimo anche l'approccio narrativo: la storia viene esposta in maniera graduale, pulita e molto precisa, senza lasciare adito a dubbi o incertezze, fornendo allo spettatore la gradevole sensazione (alquanto rara negli ultimi tempi) di avere sotto agli occhi tutti i tasselli del puzzle e di conseguenza una trama solida e curata.
Eastwood si conferma quindi ancora una volta come un grande regista in grado non solo di produrre ottimi film a livello tecnico e strutturale, ma anche di commuovere il pubblico, andando a solleticare le profondità dell'animo umano, narrandoci come il singolo possa trovarsi in balia dell'arroganza dei potenti ma, grazie alla forza d'animo, possa anche risollevarsi per avere quella giustizia che non solo merita, ma gli è dovuta. La morale di fondo, che accompagna lo spettatore dall'inizio alla fine, è che la speranza è il più potente motore dell'essere umano, quello che riesce a tirarlo fuori anche dalle situazioni più terribili e alla cui forza dobbiamo sempre cercare di affidarci.
Changeling è un film pieno: di significati, di morale, di sentimenti. Rapirà lo spettatore per 140 minuti e lo getterà in una storia drammatica e incredibile di cronaca vera, gli farà provare una vasta gamma di sentimenti come poche volte succede ormai al cinema, riuscirà a farlo immedesimare nella risolutezza, nella rabbia e nel dolore di questa madre disperata e sbeffeggiata dalle autorità senza alcun ritegno. E lo farà in maniera avvincente e ben articolata, senza mai annoiare e senza mai lasciare spazio alle incertezze e alle mancanze tipiche di molte sceneggiature contemporanee. Da vedere assolutamente.
VOTOGLOBALE9
Potrebbe interessarti anche:

INVIA COMMENTO

Changeling

Uscita nelle sale Italiane: 14/11/2008
Uscita nelle sale USA: 31/10/2008
Genere: Drammatico
Regia: Clint Eastwood
Interpreti: Angelina Jolie, John Malkovich, Jeffrey Donovan, Colm Feore, Jason Butler Harner
Sceneggiatura: J. Michael Straczynski
Nazione: USA
Durata: 140 min
Produttore: Malpaso for Universal Picture

Formato DVD
Anno di uscita: 2009
Numero dischi: 1
Regione: 2 (Europa, Jap)
Tracce Audio: Inglese DTS - HD Master Audio 5.1; Italiano francese spagnolo tedesco giapponese DTS Surround 5.1
Sottotitoli: Italiano, Tedesco, Danese, Inglese, Spagnolo, Finlandese, Francese, Giapponese, Coreano, Olandese, Norvegese, Portoghese, Cinese, Svedese
Extra: Presenti (cfr. articolo)
Changeling
32 voti
7.5
ND.
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC - Partita Iva :05619350720
Link Utili: Redazione | FAQ | Contatti | Lavora | Adv | Partners
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD