CINEMA & HOME VIDEO
Gravity > Recensione
14 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

Gravity - Recensione

Inviato il da Marco Lucio Papaleo
Cosa serve per essere un astronauta? E cosa per essere un uomo? Gravity, il nuovo film di Alfonso Cuarón, abile regista di film come I figli degli uomini e il terzo episodio di Harry Potter, Il prigioniero di Azkaban, ci pone davanti a molte domande, senza necessariamente dare tutte le risposte.
La trama è semplice: durante un'ordinaria missione di manutenzione, ricerca e sperimentazione nello spazio, una coppia di astronauti americani rischia il tutto per tutto per colpa di un incidente. Dovranno, quindi, industriarsi per cercare di sopravvivere in condizioni estreme.
La storia è tutta qui: nient'altro che una continua lotta per la sopravvivenza e una costante riconferma dell'importanza delle proprie scelte, dei propri valori, delle nostre motivazioni che ci spingono a (soprav)vivere. Il tutto delineato da due personaggi a loro volta semplici, con poche caratteristiche ma così ben definite da diventare iconiche.
Lui è un astronauta di grande esperienza alla sua ultima missione; lei un'ingegnere di grande perizia alla sua prima passeggiata spaziale. E mentre il Matt di George Clooney gigioneggia pur essendo l'affidabilità fatta persona, la Ryan interpretata da Sandra Bullock è concentrata unicamente sul suo lavoro, unico rifugio da un trauma passato che le impedisce di vivere per un vero scopo.
 
Non impedire alla gravità di farti vivere
Gravity è la narrazione di un percorso di salvezza, non solo fisica ma anche interiore. Nonostante, come già detto, la trama sia ridotta all'osso (tutta una serie di procedure d'emergenza per cercare un modo di salvarsi e tornare sulla Terra, nonostante la disperatezza della situazione) tanto da generare una schematicità che sarebbe stata perfetta per un videogioco, i sottotesti e le metafore fuoriescono estremamente vivide dallo schermo, consapevoli di voler lasciare qualcosa allo spettatore.

Che, al contempo, è frastornato, affascinato, finanche annichilito e spaventato dalla rappresentazione visiva dell'esperienza. Tutto è pensato per rendere lo spettatore partecipe, come se fosse un terzo personaggio invisibile che compie il viaggio insieme a Matt e Ryan. Le inquadrature, le luci, i suoni, la verosimiglianza delle ambientazioni stupiscono e regalano un'esperienza davvero unica. E i due interpreti, nonostante performance non particolarmente emozionanti o straordinarie, sono funzionalissimi per i rispettivi personaggi.
L'attenzione al dettaglio e, soprattutto, l'equilibrio che Cuarón riesce a infondere al film, poi, ha qualcosa di miracoloso: nonostante ne succedano davvero di tutti i colori, tutto è reso verosimile, e le situazioni sono debitamente ansiogene, anche se spesso mitigate dall'ironia caratteristica del buon George.
L'esperienza, dunque, è elettrizzante, portata ai massimi livelli senza però risultare eccessiva: il film offre un montaggio accuratissimo, pur presentando la maggior parte degli eventi in tempo reale. Probabilmente, quel che manca sarà stato tagliato per non appesantire troppo la narrazione, un'attenzione ultimamente ben poco riservata agli spettatori, costretti spesso a sorbirsi "mattoni" decisamente troppo lunghi anche per il genere action.
Cuarón unisce la spettacolarità di un'incredibile esperienza spaziale, l'emozione di una stremante avventura nello spazio al limite e un sorprendente contenuto allegorico sulla vita e sulle sue motivazioni: un film che dimostra, ancora una volta, come sci-fi e spettacolarità vadano sempre a braccetto, ma senza necessariamente ricorrere all'azione insensata a tutti i costi. Spesso, per incutere timore e suspense, basta una rappresentazione verosimile di una situazione terribile, come quella di trovarsi soli e senza risorse nello spazio. Una confezione tecnica impeccabile, un'ottima qualità di scrittura e un 3D (per quanto post-prodotto) che si rivela come un vero valore aggiunto, parte della narrazione e strumento di grande utilità, a differenza del solito.
Straordinaria, dunque, l'abilità del regista messicano nel coniugare pubblici così differenti come quello del Comic-Con di San Diego (che ha riservato al film un incontro dedicato) e quello della Mostra di Venezia, dove il film è stato presentato con grande successo.
Un'esperienza da provare assolutamente, in 3D e sullo schermo più grande possibile. Ma attenzione: Gravity metterà a dura prova la vostra claustrofobia, più o meno latente che sia.
VOTOGLOBALE8.5
Marco Lucio Papaleo inizia a giocherellare sulle tastiere degli home computer nei primissimi anni '80. Da allora, la crossmedialità è la sua passione e sondarne tutti i suoi aspetti è la sua missione. Adora il dialogo costruttivo, vivisezionare le opere derivate e le buone storie. E' molto network e poco social, ma è immancabilmente su Facebook e Google+.
Altri Articoli Venezia 70

INVIA COMMENTO

Gravity

Uscita nelle sale Italiane: 03/10/2013
Uscita nelle sale USA: 04/10/2013
Distributore: Warner Bros. Pictures Italia
Genere: Fantascienza
Regia: Alfonso Cuaron
Interpreti: Sandra Bullock, George Clooney, Basher Savage
Sceneggiatura: Alfonso Cuarón, Jonás Cuarón
Nazione: USA, UK
Durata: 90 min
Produttore: David Heyman

Formato DVD
Anno di uscita: 2014
Numero dischi: 1
Regione: 2 (Europa, Jap)

Formato Blu Ray
Anno di uscita: 2014
Numero dischi: 1
Regione: B Europa, Africa, Australia, Medio Oriente (Bluray)
Formato Video: 16:9
Tracce Audio: DTS-HD Master Audio: Inglese 5.1, Francese 7.1; Dolby Digital: Italiano 5.1, Spagnolo 5.1, Tedesco 5.1, Inglese 5.1
Sottotitoli: Francese, Danese, Olandese, Finlandese, Islandese, Norvegese, Spagnolo, Svedese; Non udenti: Italiano, Inglese, Tedesco
Extra: Gravity: mission control; Short breakdowns; Aningaaq - A short film by Jonas Cuarón; Film festivals ; Collision point: The race to clean up space
Sito Ufficiale: Link
Gravity
21 voti
8.3
ND.
INCASSO ITALIA: 5.805.508 €
Aggiornato al 27/10/2013
INCASSO USA: 245.503.000 $
Aggiornato al 24/11/2013
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC - Partita Iva :05619350720
Link Utili: Redazione | FAQ | Contatti | Lavora | Adv | Partners
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD