Videogiochi, Cinema, Serie Tv e Tecnologia
Layton e il Futuro Perduto > Recensione
8 Commenti
Stampa
+0
     

Layton e il Futuro Perduto - Recensione

Inviato il da Lorenzo "Kobe" Fazio
Il Professor Layton nel giro di qualche episodio ha raggiunto una più che discreta fama all’interno del mondo videoludico. Già carismatico protagonista di due videogiochi dall’indubbia qualità, il gentleman inglese si è fatto ricordare anche per l’estrema calma e lentezza con cui ha varcato i confini nipponici. Il primo episodio è infatti uscito nel febbraio del 2007 in Giappone e per giungere in Europa ha impiegato quasi due anni. Da quel novembre del 2008, tuttavia, ogni stagione autunnale è stata salutata da una nuova iterazione del professore amante degli enigmi. Così, dopo Il Villaggio Dei Misteri e Lo Scrigno Di Pandora, è giunto il turno de Il Futuro Perduto ultima avventura di Layton destinata al Nintendo DS.
Mai come in questo caso ci si trova di fronte a un problema prima di tutto metodologico e critico. Come leggerete voi stessi nel corso dell’articolo infatti, quest’ultima iterazione non soffre apparentemente di nessun difetto rispetto agli episodi passati. Eppure Il Futuro Perduto può essere messo alle strette se analizzato attraverso le novità apportate alla saga. Il perché di una tale premessa, è presto detto.
Everyeye.it Player
Ancora Layton, ancora enigmi
Professor Layton e il Futuro Perduto - recensione - NDS Il Futuro Perduto sfrutta il medesimo bagaglio ludico battezzato da Il Villaggio Dei Misteri e nuovamente riutilizzato ne Lo Scrigno Di Pandora. Ancora una volta avremo quindi a che fare con un’avventura grafica che sostituisce il ritrovamento o l’interazione tra oggetti, con tutta una serie di rompicapi ed enigmi da risolvere sfruttando logica e abilità matematiche.
Ed è proprio da questa semplice formula che si nasconde la maggior forza, ma anche il limite più grande della terza avventura del Professor Layton. Come in passato si tratterà di muoversi attraverso ambientazioni riprodotte in due dimensioni. Passando da schermata in schermata, vi sarà concessa una debole interazione con gli elementi dello scenario. Picchiettando sul touch-screen potrete ricevere informazioni aggiuntive o parlare con i vari personaggi che incontrerete. Per progredire nella trama, tuttavia, dovrete necessariamente sottoporre la vostra materia grigia a delle prove tutt’altro che semplici. Si tratterà in generale di avere la meglio su indovinelli e rompicapi da superare con una calcolatrice di fianco o con carta e penna a portata di mano. Vi capiterà di dover trovare un luogo su una mappa a partire da una serie di indizi. Oppure di dover girare e rigirare una coppia di chiavi alla ricerca di un numero nascosto. Non mancano nemmeno prove relativamente più semplici dove, per esempio, controllare una miniatura di Layton attraverso un labirinto infestato da bucce di banane che vi faranno perdere momentaneamente il controllo del personaggio. Niente paura se alcune prove vi sembreranno inizialmente insuperabili: toccando elementi dello scenario potrete entrare in possesso di alcune monete da spendere per ricevere dei suggerimenti per la risoluzione della prova di turno. Novità di questo capitolo un super-aiuto che, sostanzialmente, risolve al posto vostro il rompicapo.
Il giudizio generale sugli enigmi non può che essere positivo. Più che ne Lo Scrigno Di Pandora si fatica a trovarne di già visti e riproposti con qualche variante. Certo, non manca qualche dejà-vu ma si tratta di casi molto sporadici. Rispetto al passato, piuttosto, si avverte un cambiamento nel bilanciamento della difficoltà delle prove. Alcune infatti, soprattutto quelle legate alla trama principale, risultano essere più semplici del solito, per quanto la parola semplice debba sempre essere trattata con i dovuti accorgimenti del caso, altre invece sorprendono per l’estrema difficoltà. Il neofita insomma potrebbe trovarsi di fronte a ostacoli difficili da superare, mentre il navigato laytonista potrà persino concedersi qualche sbadiglio di tanto in tanto. Entrambi tuttavia si troveranno accomunati da due cose: l’efficacia di impegno e tenacia come armi capaci di tutto e la facilità di apprezzare l’indubbia qualità e varietà degli oltre 160 enigmi proposti.
Non mancano nemmeno i classici minigiochi che cercano di spezzare di tanto in tanto l’azione. Questi sono in tutto tre. Il primo è anche quello meno stimolante, in quanto si tratterà semplicemente di completare una piccola storia attaccando tra le pagine del libro delle figurine, ottenute sempre risolvendo gli enigmi, in modo che la narrazione proceda in modo logico. Il secondo, estremamente più stimolante, vi chiederà di guidare la macchina di Layton attraverso un percorso raccogliendo gli oggetti sparsi lungo il tragitto e guadagnando l’uscita. Per farlo dovrete posizionare sulla mappa, divisa in quadrati, delle caselle capaci di cambiare la direzione della vettura, fargli compiere dei salti e così via. Il terzo, infine, sfida l’utente a costruire un trespolo per un pappagallo sfidando di volta in volta leggi fisiche e una serie di ostacoli presenti nello scenario.

INVIA COMMENTO

Professor Layton e il Futuro Perduto

Disponibile per: NDS
Genere: Avventura
Sviluppatore: Level-5
Distributore: Nintendo
Pegi: 7+
Lingua: Tutto in Italiano
Sito Ufficiale: Link
Data di Pubblicazione: 22/10/2010
Professor Layton e il Futuro Perduto
8.5
8
8
8
53 voti
8
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
AdraTheGreat
Un anno dopo l'uscita del secondo titolo della serie, Professor Layton e lo Scrigno di Pandora, arriva sugli scaffali questa nuova avventura denominat...[Continua a Leggere]
9
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720 - Playstation 4
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD