iOS: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Game Night con Morlu Total Gaming!
The Dark Meadow > Recensione
3 Commenti
Stampa
+0
     
+0
+0
+0

The Dark Meadow - Recensione

Inviato il da Alessandro "Neon" Mazzega
Continua l’analisi dei titoli prodotti utilizzando l’Unreal Engine disponibili su App Store.
Dopo il secondo capitolo della corazzata Infinity Blade e il riuscito EPOCH., tocca a The Dark Meadow, horror con una riuscita visuale in soggettiva che sfrutta a dovere le caratteristiche del motore prodotto da Epic, miscelando meccaniche di gioco già viste con aspetti più innovativi e proponendo atmosfere lugubri che, però, dissipano in fretta la tensione iniziale.
Primo risveglio
The Dark Meadow - recensione - iPhone Il primo approccio con The Dark Meadow, soprattutto se si amano gli horror, è ottimo: il menu iniziale spinge l'utente ad entrare nell'atmosfera del gioco, grazie ad una carrellata in esterna di svariati ambienti che caratterizzano il manicomio abbandonato, vero protagonista dell'intera vicenda, nel quale ci si sveglierà all'inizio di ogni sessione, tanto in seguito ad un'interruzione quanto ad una morte prematura.
La presentazione ha il suo culmine nel titolo, che sovrasta una veduta da lontano della costruzione, con le sue alte torri diroccate inquadrate da un punto di vista basso, quasi alieno e immerso nella vegetazione, con l'occhio che si muove lentamente da un particolare all'altro, mettendo poi a fuoco una figura umana luminosissima, ferma ad un piano posto a svariate decine di metri da terra e che, vista l'apparizione improvvisa, desta sorpresa e, in parte, .
Già dalle prime inquadrature, quindi, si intuisce l'atmosfera di fondo, caratterizzata da un ambiente ispirato a Silent Hill, almeno per la solitudine e l'aria che si respira, con la particolarità che la tipica nebbia è completamente assente e che gran parte della personalità di The Dark Meadow è giocata sul dualismo tra l'oscurità dei corridoi e il sole quasi accecante del mondo esterno, a simboleggiare la libertà da raggiungere, negata dalla prigionia nella casa di cura abbandonata.
Esplorazione meticolosa
The Dark Meadow - recensione - iPhone Se la presentazione è così particolare, altrettanto non si può dire del gameplay: dopo essersi svegliati in una camera da letto della struttura ospedaliera, si potrà immediatamente dare il via all'esplorazione, gestita in modo simile per stanze e corridoi: in ogni sezione sono presenti degli hotspot da toccare per proseguire, secondo pattern di movimento prefissati, unici per quanto riguarda le aree comunicanti tra una stanza e l'altra e leggermente più vari per le zone più ampie.
Il primo risveglio sarà caratterizzato dalla voce di un altro sopravvissuto, presumibilmente anziano, che farà giungere la propria voce in ogni angolo del complesso grazie all'interfono, i cui altoparlanti sono sparsi in ogni corridoio e stanza.
Presto si prenderà in simpatia il compagno di avventure, malgrado la sua follia di fondo e la parlantina criptica, palesemente ispirata, almeno nel doppiaggio, ad un altro personaggio caratteristico: Wheatley di Portal.
La differenza tra corridoi e stanze, infine, non è solo coreografica: nei primi si svolgeranno anche i combattimenti, vera e propria componente action del gioco, mentre nelle seconde si potranno trovare diari e vari contributi testuali, che permetteranno di venire progressivamente a conoscenza dei fatti che sorreggono l'intera vicenda, non particolarmente originale e con una narrazione convoluta e spezzettata, intrigante per chi ha voglia di dedicare del tempo per capire ma sicuramente poco adatta ad un giocatore occasionale.
In entrambe le tipologie di luogo, comunque, è possibile trovare kit medici per curare le proprie ferite in seguito agli scontri più duri, così come monete da investire nel potenziamento del proprio arsenale.
La parte di esplorazione è quindi discretamente riuscita, sia per il supporto costante del secondo sopravvissuto, sia per l'ottima rappresentazione grafica del manicomio, resa possibile da un uso accorto dell'Unreal Engine, sfruttando per renderizzare stanze mai troppo ampie ma con ottime texture e numerosi effetti di luce che bilanciano le molte zone oscure presenti nei corridoio di collegamento.
Combattimento classico
The Dark Meadow - recensione - iPhone Proprio nei corridoi hanno luogo gli scontri: creature di vario tipo appariranno emergendo dal terreno, avvicinandosi progressivamente o attaccando da lontano, rappresentando quasi sempre una minaccia concreta per la propria sopravvivenza.
Quando l'avversario è ancora lontano si può sfruttare una balestra, in modo da orientare il lancio di dardi muovendo il dito sullo schermo e tenendo la corda, andando a scoccare un colpo. Ovviamente si dovrà puntare alla testa dei vari esseri in modo da cercare di massimizzare il danno, con l'obiettivo di accorciare il tempo dello scontro, magari portandolo a termine prima che il mostro si avvicini troppo.
Se così non fosse sarà necessario passare all'arma bianca, rivelando un gameplay completamente mutuato da Infinity Blade e strutturato in schivate laterali o parate centrali da effettuare con il giusto tempismo, andando quindi a contrattaccare quando l'avversario è sbilanciato in seguito ad una sequenza di azioni andate a buon fine.
The Dark Meadow gioca la carta dell'horror, genere assolutamente poco presente sull'App Store, riuscendo a stupire con un'ambientazione ben realizzata che, però, perde progressivamente tutto il suo appeal, a causa di un ripetersi troppo esteso delle stesse stanze e corridoi, fattore che, necessariamente, affossa progressivamente anche il senso di tensione.
La struttura dei combattimenti è ormai rodata e introduce la meccanica degli scontri a distanza, funzionale ma non particolarmente profonda, in grado però di dare quel pizzico di varietà che riesce a scongiurare la sensazione iniziale di plagio da Infinity Blade.
The Dark Meadow è un quindi un titolo interessante, graficamente solido, da consigliare soprattutto agli amanti dell'horror che, molto probabilmente, non sono ancora riusciti a trovare un titolo veramente rappresentativo per il genere per i loro device Apple.
VOTOGLOBALE7.5
Alessandro "Neon" Mazzega prende confidenza fin da tenera età con pad e tastiera e si appassiona rapidamente ai videogiochi, lavorando come giornalista sulle principali realtà online e occupandosi di gaming in ambito mobile e aziendale. Bassista fallito, ha ormai venduto lo strumento per passare dietro al microfono, sia per cantare che per condurre il podcast Gaming Effect. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

INVIA COMMENTO

The Dark Meadow

Disponibile per: iPhone | iPad
Genere: Survival Horror
Sviluppatore: Phosphor Games Studio
Link Download: Scarica Qui
Costo iPhone: 4.99€
Costo iPad: 4.99€
Lingua: Tutto in Inglese
Sito Ufficiale: Link
Data di Pubblicazione: 06/10/2011
The Dark Meadow
8.5
7.5
7
6.5
16 voti
6.1
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Screenshot
Artwork
Scansioni
Wallpaper
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD