iOS: Notizie, Recensioni, Anteprime e Video
Triple Town > Recensione
6 Commenti
Aggiungi ai preferiti / Condividi
+0
     

Triple Town - Recensione

Inviato il da Alessandro "Neon" Mazzega
Ci sono meccaniche di gioco che nascono e diventano subito un classico. Vengono però riutilizzate spesso, raffinate, modificate e ritorte su loro stesse, a volte per ottenere un distillato di divertimento maggiore, altre per rovinare a tutti gli effetti il concept di base.
Basti pensare a Tetris, pubblicato praticamente su tutte le piattaforme esistenti e in forma ancora oggi, con l'ultima versione per iOS basata su un modello di business che include anche un abbonamento a pagamento.
Quello dei match three è un filone concorrente, altrettanto redditizio, che è esploso con una moltitudine di titoli tra i quali svetta sicuramente Bejeweled e che continua a proporre giochi che non si discostano troppo dal concept iniziale.
Triple Town, però, cerca di spingersi più in là, per proporre qualcosa di veramente innovativo.
Primo step: i social network
Triple Town è nato come un progetto che ha trovato la via del mercato tramite i principali social network, prima quindi su Facebook e in seguito su Google Plus, quando è stato attivato il supporto per i videogiochi. Parallelamente ne è stata prodotta una versione per Kindle, quando il reader di Amazon era ancora considerato come un gadget o poco più.
In questo modo Triple Town si è diffuso rapidamente, spingendo il team Spry Fox, già noto per la serie Steambirds, ad affinarlo progressivamente, includendo una blandissima meccanica basata sulle amicizie dei social network e bilanciando al meglio l'esperienza.
Triple Town è quindi un match three abbastanza classico ma con alcune particolarità ben studiate e che si mescolano ad uno stile accattivante che spinge subito a provarlo: lo scopo del gioco è fondare e veder prosperare quello che all'inizio è solo un piccolissimo villaggio, con capanne e pochi abitanti che si muovono distrattamente sul tabellone, conversando tra loro in una lingua sconosciuta.
Il giocatore ha la possibilità di migliorare il villaggio decidendo dove posizionare i vari oggetti che il gioco propone in un flusso infinito, limitato solo dal numero di mosse a disposizione.
Tali oggetti possono variare da un semplice cespuglio ad un albero, passando per costruzioni di vario livello; scopo del gioco unirne tre, in modo da ottenere in cambio un elemento di importanza superiore: tre cespugli formano un albero, tre alberi una piccola capanna, tre capanne una casa e così via.
Due le particolarità che lo distinguono dalla massa a livello di meccaniche ludiche: l'oggetto ottenuto apparirà sempre nella posizione del terzo elemento posizionato; istintivamente sembra una regola di poco conto ma in realtà varia notevolmente l'approccio al gioco e costringe a valutare con attenzione le proprie mosse, cercando di imbastire una strategia a lungo termine.
Il secondo fattore è invece di disturbo ed è rappresentato da degli orsi da posizionare come normali elementi sul tabellone, con la particolarità che invece di rimanere immobili, come i cespugli o gli alberi, si muoveranno ad ogni turno, rendendo la vita difficile al giocatore; l'unico modo per fermarli sarà limitare loro i movimenti posizionando altri oggetti: così facendo moriranno e si trasformeranno in lapidi, altro elemento da utilizzare per ottenere un gruppo da tre, fondando immediatamente una chiesa.
Secondo step: la versione mobile
La versione mobile di Triple Town è l'evoluzione più ovvia per un titolo che ha riscosso parecchio successo sul web. Il gioco per iOS perde quindi la poco proficua interazione tra gli utenti dei social network, permettendo invece di giocare in mobilità, anche durante brevi pause.
La necessità di monetizzare sul gioco, in quanto distribuito gratuitamente, a seguito del trend di mercato che vede un calo netto degli introiti sulla vendita di titoli a pagamento, ha spinto il team ad inserire un blocco sulle mosse disponibili: ogni oggetto posizionato sul tabellone farà decrescere il loro numero, obbligando ad attendere nel caso una partita risulti particolarmente riuscita. Se si vuol continuare a giocare senza limitazioni si può ricorrere a due metodi: sbloccare il gioco in maniera definitiva, tramite in-app purchase, oppure acquistare un quantitativo di nuove mosse, utilizzando crediti in-game che si guadagnano costruendo città sempre più grandi.
Per chi non vuole spendere l'unica alternativa è l'attesa: le mosse cresceranno lentamente in numero, ad un ritmo che potrebbe far infuriare i giocatori più impazienti.
Dipendenza
Il più grande pregio di Triple Town è la capacità di celare la sua complessità di fondo dietro a regole solo all'apparenza banali e leggermente differenti da quelle classiche.
Un primo approccio al gioco porterà a pianificare molto poco le mosse successive, portando a terminare rapidamente lo spazio utile per costruire nuove terzine, decretando la fine prematura dell'evoluzione del proprio villaggio.
Perseverando si inizierà a capire la vera anima del gioco, tanto permissivo all'inizio quanto perfido sulla lunga distanza, talmente imprevedibile da permettere di uscire da una situazione di stallo con un colpo da maestro o, nel caso diametralmente opposto, rovinare una buona partita per un paio di mosse mal ponderate.
In ogni caso si verrà rapidamente risucchiati nel gioco, ritrovandosi a dedicargli ogni minuto libero, tenendolo sempre in background per far ricaricare contatore delle mosse e sentendosi galvanizzati da una sequenza particolarmente riuscita che potrebbe, del tutto fortuitamente, svelare combinazioni che non erano spigate nel tutorial e che potrebbero portare ad un nuovo record.
Triple Town sembra un titolo semplice, di poco interesse, ma nasconde invece una profondità di tutto rispetto e la capacità di attrarre l'attenzione del giocatore in modo assoluto, diventando rapidamente un'ossessione.
Il modello di business scelto non è dei più chiari, anche perché non è da subito esplicitata la possibilità di sbloccare a pagamento il numero di mosse disponibili, fattore che probabilmente verrà mal digerito da chi pensava di aver trovato un bellissimo gioco gratuito, che presenta il conto solo quando si diventa particolarmente bravi.
Rappresenta però una delle migliori variazioni possibili sul tema dei match three anche se la mancanza di obiettivi che superino la corsa al punteggio potrebbe limitarne la tenuta nel tempo.
VOTOGLOBALE7.5
Alessandro "Neon" Mazzega prende confidenza fin da tenera età con pad e tastiera e si appassiona rapidamente ai videogiochi, lavorando come giornalista sulle principali realtà online e occupandosi di gaming in ambito mobile e aziendale. Bassista fallito, ha ormai venduto lo strumento per passare dietro al microfono, sia per cantare che per condurre il podcast Gaming Effect. Cercatelo su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

INVIA COMMENTO

Triple Town

Disponibile per: iPhone | iPad
Genere: Puzzle Game
Sviluppatore: Spry Fox
Lingua: Tutto in Inglese
Sito Ufficiale: Link
Triple Town
6
8.5
7
6
16 voti
6,8
ND.
guida alle valutazioni su Everyeye.it
Registrati - Login per iscriverti al Mail Alert.
Registrati - Login per gestire la collezione.
Registrati - Login per scrivere una rece utente.
Everyeye.it © 2001-2014 - Editore:HIDEDESIGN SNC PI:05619350720 - Playstation 4
Registrati in pochi passi utilizzando un tuo account esistente
oppure
SCEGLI UN NOME UTENTE, E REGISTRA UN ACCOUNT PER IL SITO ED IL FORUM
EMAIL
PASSWORD