AIOMI contro la disinformazione videoludica: nessun legame tra videogiochi e cronaca nera

di
INFORMAZIONI GIOCO

Everyeye ha ricevuto oggi dall'associazione italiana AIOMI un comunicato stampa, in merito alla posizione presa in merito alle dichiarazioni sui videogiochi fatte ieri, giovedì 3 marzo 2011, all’interno della trasmissione televisiva “Pomeriggio 5”, in onda su Canale 5, dall'ospite Don Aldo Buonaiuto, nel commentare i delitti di giovanissime ragazze che di recente hanno conquistato le prime pagine della stampa.
"E' davvero incredibile come l'ignoranza sul videogioco pervada i mezzi di comunicazione tradizionali e come certi personaggi televisivi non esitino a fare dichiarazioni tanto banali e fuorvianti pur di abbracciare luoghi comuni anacronistici e che, secondo loro, rappresentano ancora l'opinione pubblica."
ha dichiarato il presidente di AIOMI Marco Accordi Rickards. Di seguito il comunicato stampa completo.

Roma, 4 marzo 2011

Ieri, giovedì 3 marzo 2011, all'interno della trasmissione televisiva "Pomeriggio 5", in onda su Canale 5, Don Aldo Buonaiuto, ospite del programma, nel commentare gli scioccanti delitti di giovanissime ragazze che di recente hanno conquistato le prime pagine, ha formulato una teoria:

"È una vergogna", ha detto Don Buoinaiuto, "che i nostri bambini giochino con dei videogiochi nei quali vince chi uccide e massacra di più. Dobbiamo smetterla con questa cultura di morte".

Queste parole, testualmente riportate e che potete riascoltare attraverso il sito ufficiale della Rete a questo indirizzo internet: link (al minuto 51), sono estremamente pericolose, poiché rischiano di creare un clima di demonizzazione attorno al Videogioco, un medium già troppo spesso attaccato senza alcuna valida ragione.

AIOMI, l'Associazione Italiana Opere Multimediali Interattive - Movimento per la Cultura del Videogioco, sottolinea come la dichiarazione ascoltata all'interno di Pomeriggio 5 sia superficiale, infondata e gravemente lesiva della dignità del Videogioco, mezzo di espressione artistica dell'uomo al pari di altri con una storia più lunga quali la letteratura, la musica, il teatro o il cinema.

"Dispiace constatare come ancora si possano affermare certe tesi discriminatorie, demagogiche e allarmiste contro il Videogioco", dichiara Marco Accordi Rickards, Presidente di AIOMI. "Quanto sostenuto da Don Aldo Buonaiuto denota profonda ignoranza in ambito videoludico; chiunque conosca realmente il Videogioco (e per fortuna parliamo della stragrande maggioranza degli italiani) sa benissimo che quest'ultimo non solo è innocuo, ma stimola l'apprendimento, la coordinazione motoria e l'attitudine alla risoluzione dei problemi. Non è un caso se il Videogioco è da anni utilizzato anche a fini didattici e pedagogici nonché studiato e insegnato nelle più prestigiose università del mondo. È il caso di dirlo una volta per tutte senza se e senza ma: tra gli episodi di cronaca nera e i videogiochi non esiste alcun collegamento, né è mai esistito ed è molto grave che, nel terzo millennio, si possa dichiarare in televisione qualcosa di così retrogrado, errato e dannoso senza alcun contraddittorio".

AIOMI spera che contro questo ennesimo episodio di grave disinformazione e attacco a un mezzo di espressione che è peraltro al centro di una florida industria che in Italia fattura oltre 1,2 miliardi di euro annui (dati GFK/AESVI) si mobilitino la stampa e l'opinione pubblica e che Canale 5 voglia concedere ai videogiocatori, che in Italia sono milioni, il diritto di replica, invitando AIOMI in trasmissione per un pubblico confronto sul tema.