Andrew House parla del successo di PlayStation 4

di

Durante una recente intervista concessa al quotidiano giapponese Nikkei Shimbun, Andrew House (presidente di Sony Computer Entertainment ) ha parlato del grande successo riscosso da PlayStation 4 nel suo primo anno di vita.

Le vendite della console sono state altissime e Sony Corporation si dice pienamente soddisfatta del risultato ottenuto, ricordiamo che ad oggi sono state vendute 18.5 milioni di unità in tutto il mondo, 4 milioni soltante durante il periodo festivo. Per quanto riguarda i singoli mercati, le vendite in Giappone hanno rispettato le previsioni della società, mentre negli Stati Uniti queste sono state ampiamente superate, nonostante la concorrenza sia stata particolarmente agguerrita negli ultimi mesi. Molto forti le vendite anche in Europa (superiori alle aspettative), tanto che alcuni paesi (come la Germania) hanno esaurito le scorte ben prima di Natale, con evidenti disagi per i consumatori. Nel complesso, PlayStation 4 ha venduto più di PlayStation 3 nel primo anno di vita e ha superato brillantemente anche i risultati di PlayStation 2, che aveva raggiunto quota 10.6 milioni di pezzi distribuiti nei primi dodici mesi di commercializzazione. Il futuro sembra roseo e il 2015 sarà l'anno della definitiva consacrazione, grazie al debutto di titoli come Uncharted 4, The Order 1886 e Bloodborne.

House ha parlato anche dei servizi online di Sony Computer Entertainment. Nel corso dell'anno il colosso si focalizzerà su PlayStation Now e il pieno supporto per le Smart TV di Samsung è solamente il primo passo di una politica volta a migliorare la diffusione di questa piattaforma. I recenti attacchi DDSO inoltre hanno convinto l'azienda a investire ulteriori risorse per potenziare l'infrastruttura e progettere meglio i dati dei consumatori. Infine, il presidente di SCE ha confermato che PlayStation 4 arriverà presto anche in Cina, il lancio della console è stato rimandato a causa di alcuni problemi con le leggi locali, l'azienda sta comunque collaborando con il governo cinese per risolvere la questione.